domenica 25 settembre 2011

Caduto l'Uars chi studierà il clima

Il lavoro di uno scienziato che lavora sul cambiamento climatico nella facoltà della UC San Diego,ha contribuito a portare la NASA a costruire il satellite di ricerca superiore Atmosfera (UARS), che ha lavorato bene per oltre un decennio, ma che è ricaduto sulla Terra. Mario Molina,è lo scienziato che ha condiviso il Premio Nobel 1995 per la chimica, entrando all’UCSD nel 2004. Nei primi anni 1970, Molina era uno studente laureato alla UC Irvine, lavorando nella rinomata farmacia di F. Sherwood Rowland, i due chimici che scoprirono come una classe comune di prodotti chimici domestici conosciuti come i clorofluorocarburi -CFC o - stavano danneggiando lo strato di ozono della Terra. Lo strato aiuta a proteggere il pianeta da livelli nocivi di luce ultra-violetta. Rowland e Molina hanno pubblicato un documento,rivelatosi pietra miliare della ricerca sulla rivista Nature nel 1974, delineando le loro scoperte e indicando i CFC ampiamente utilizzati nelle bombolette spray, aerosol e unità di refrigerazione. Altri scienziati cominciarono a approfondire l'argomento e spiegarono più ampiamente e profondamente la minaccia che i CFC pongono al clima. Ciò ha contribuito alla domanda di strumenti più adeguati per studiare il clima, portando la NASA a sviluppare UARS. Il satellite è stato lanciato nel 1991 ed è rimasto in servizio fino al 2005. UARS coi dati che ha fornito è stato ampiamente utilizzato nelle costruzione delle carte per le ricerche del cambiamento climatico , comprese quelle pubblicate dagli scienziati dello Scripps Institution of Oceanography, azienda leader nella scienza del clima..

Nessun commento:

Posta un commento