giovedì 29 marzo 2012

Una destra poco per bene da Cronache Laiche

Media_httpwwwcronache_oirbb
quindi come succede spesso in Italia : nulla di nuovo sotto il Sole!

lunedì 26 marzo 2012

Tremila massoni a Rimini da Il Fatto quotidiano

di Antonella Beccaria e Giulia Zaccariello
Il gran maestro Raffi dovrebbe lasciare nel 2014, ma già oggi la sua guida è paragonata a quella di Mario Monti: un tecnico che traghetta gli iscritti delle 757 logge. Lasciandosi alle spalle la P2, ma costretto a confrontarsi ogni giorno con i nuovi intrecci che si chiamano P3 e P4
È di nuovo tempo di grembiuli e cappucci a Rimini, dove sono attese migliaia di massoni per la Gran Loggia del Grande Oriente dItalia, in programma dal 30 marzo al 1 aprile al Palacongressi. Almeno 3 mila, dicono le prenotazioni e gli accrediti, arriveranno sulla riviera romagnola per l’appuntamento annuale che riunisce gli affiliati all’organizzazione di Palazzo Giustiniani, la realtà massonica che vanta oltre 200 anni di una storia. E che dichiara di avere ancora appeal, nonostante le ombre provenienti della storia recente – l’esperienza di Licio Gelli in primis, mai tramontata e ancora piena zeppa di punti oscuri, giudiziari, ma anche politici  – e le più attuali spaccature interne tra fazioni che ricordano quelle dei partiti. Da una parte gli uomini del gran maestro, dall’altra le opposizioni interne.
I dati in Italia sono di fonte massonica. I numeri sembrano confortare la leadership del Goi. E non potrebbe che essere, così dato che – vista la segretezza delle liste, blindate da sempre  - la fonte reca la firma del gran maestro Gustavo Raffi, autore di una recente pubblicazione, “In nome dell’uomo”, in base alla quale in Italia ci sono 21.400 massoni e 757 logge. Sempre secondo la stessa fonte, negli ultimi anni ci sarebbe stato un crescendo di iniziazioni: nel 1999, secondo il Goi, coloro che aderivano erano 12.630 mentre nel 2003 avevano raggiunto quota 15.099. Punto di svolta sarebbe stato poi il 2009, quando gli aderenti hanno per la prima volta sfondato quota 20 mila “fratelli”. A questo si aggiunga che, in base a quanto viene scritto nel libro di Raffi, “l’età media dei fratelli attivi è scesa a 53,6 anni, mentre di anni 43,2 è l’età media dei bussanti”, cioè di coloro che chiedono di essere iniziati.
Sarà dunque questa la massoneria che si presenterà con l’abito buono a Rimini in periodi di tasche vuote, occupazione che scompare e tutele dei lavoratori che saltano. Una massoneria che, dopo aver elogiato il presidente del consiglio Mario Monti, intende ritagliarsi un ruolo guida. “Vogliamo e dobbiamo esserci”, dice il gran maestro Raffi. Non a caso, dunque, il congresso è intitolato “Oltre la crisi, la bussola dei valori per ritrovare l’Uomo”. In programma interventi di docenti, intellettuali e pensatori i cui nomi vanno da Gianni Vattimo a Giulio Giorello, da Aldo Masullo a Oscar Giannino e Alessandro Cecchi Paone, già presente a Rimini l’anno scorso.
L’ascesa del gran maestro Raffi e le spaccature interne. Ma tutto è così edulcorato come sembra? Ciò che è certo è che il Goi si prepara a una scadenza spinosa, le elezioni del 2014che dovrebbero chiudere definitivamente l’era Raffi. È lui la figura che si è posta l’obiettivo di superare una volta per tutte le “macchie” della P2, definita in più occasioni dall’avvocato romagnolo “lontana da noi come le Brigate Rosse lo erano dal partito comunista”. L’occupazione dello Stato (passata attraverso l’affiliazione dei più elevati vertici del mondo militare, economico e politico, oltre che attraverso gli spettri golpistici e i depistaggi nella storia delle stragi) è liquidata dunque come opera del “materassaio (lavorava alla Permaflex ndr) di Arezzo”.
Chiuso questo capitolo – almeno nelle volontà degli uomini di maggioranza relativa del Goi, rapidi nell’etichettare come “deviazioni dal libero pensiero” affiliati o presunti tali che finiscono in inchieste come quelle su P3 e P4 –, l’egida Raffi, originario di Bagnacavallo, in provincia di Ravenna, si è originata sotto i lumi di personaggi che hanno contato nel mondo di cappucci e compassi. Già di per sé la Romagna è terra di tradizione massonica, vantando nomi come quello del politico repubblicano Nevio Baldisserri e del compagno di partito Celso Cicognani, sindaco di Ravenna a cavallo tra gli anni Cinquanta e l’inizio dei Sessanta.
L’avvocato a capo da 13 anni del Goi è stato iniziato nel 1968 entrando nella loggia “DanteAlighieri, che esiste ancora, e poi ne ha fondato una propria, “La Pigneta”, in omaggio a una realtà che proveniva direttamente dal periodo napoleonico. Infine il 20 marzo 1999 l’approdo all’apice della più estesa loggia italiana, al vertice della quale è stato per tre mandati, l’ultimo iniziato il 1 marzo 2009 con una manciata di preferenze. Ed è a questo punto che è diventata evidente una frattura interna mai ricomposta.
Se c’è chi scherza sul fatto che le lotte intestine sono “normali”, quasi fossero un’altra tradizione massonica fin dai tempi dei cavouriani, oggi c’è chi gira le spalle al folklore risorgimentale e annuncia il “prossimo surclassamento della vecchia guardia”. Un surclassamento almeno tentato per esempio dal Grande Oriente D’Italia Democratico di Gioele Malgaldi. Il quale, con le sue lettere aperte al “fratello Silvio Berlusconi”, addebitava al Goi l’“assenza di qualsivoglia spazio libero messo a disposizione” degli iscritti. Raffi ha respinto quest’accusa così come quella che vorrebbe molti esponenti della sua loggia troppo vicini alle istanze del Pdl ricordando uno scontro sotterraneo ma che ha rischiato di finire nelle aule di tribunale con politici come il già coordinatore nazionale del partito Denis Verdini, carica che ha ricoperto con Sandro Bondi e Ignazio LaRussa.
Le liste di ‘fratelli’? Quando ci sarà una legge che lo impone. E in questi anni Raffi ha puntato sulla “trasparenza”. Ribadita fin dalla prima allocuzione, quella della “rivoluzione del sorriso”, è pur sempre una trasparenza a modo suo che passa più volentieri attraverso riviste, siti Internet e canali per radio e tv. Ma rimane il fatto che l’elenco degli iscritti resta tabù e Raffi ha più volte dichiarato che l’obbedienza che rappresenta lo farà solo se sarà un obbligo per tutti. “Quando ci sarà una legge che lo impone e che tutelerà i massoni dal clientelismo”, aveva detto alfattoquotidiano.it, “ci adegueremo”.
Intanto, chi cita singoli iscritti o, peggio, pubblica lista di iniziati, rischia di vedersela con avvocati e querele, quando non con citazioni in sede civile per richieste di risarcimento danni. Inutile bussare anche alle porte delle prefetture, presso cui dovrebbero essere depositate le liste ma sulle quali si viene rimbalzati malgrado una legge datata 1982 contro le logge coperte. E in merito ai nomi, al momento, si spendono solo quelli spendibili a livello nazionale e internazionale per dare richiamo alla massoneria, quasi fosse (e lo sembra) una campagna di marketing.
Allora ecco che, oltre agli stracitati Giuseppe Garibaldi e Giuseppe Mazzini, si indicano tra i massoni illustri i più glamour Walt Disney e Clark Gable o il principe Antonio De Curtis, in arte Totò. Oppure, ancora, esponenti più seriosi come Lando Conti, sindaco di Firenze tra il 1984 e il 1985 ucciso dalle Brigate Rosse il 10 febbraio 1986. Colui, per citare ancora Raffi, che “incarna il ritratto del perfetto amministratore” e alla lista degli illustri iniziati aggiunge “Ernesto Nathan, il più grande sindaco di Roma, del pari mazziniano e massone, addirittura Gran Maestro”.
Non una parola ulteriore invece sul “materassaio”, Licio Gelli, l’uomo che uscì proprio da Palazzo Giustiniani a metà degli anni Sessanta per avviare, in un scalata prodigiosa e poco osservante dei “gradini” della gerarchia massonica, quella che “nessuno più negare che […] stata un’associazione a delinquere”, come la definì Sandro Pertini. La P2, appunto. E nemmeno oggi una parola nel commentare affermazioni come quelle dello scorso dicembre di Cesare Geronzi, anima nera della finanza italiana, che dichiarò: “La massoneria [...] conta, forse conta molto, ed è spesso segnalata come protagonista di snodi più importanti di settori politici e finanziari”.

QUESTA UNA DELLE CAUSE,PER NIENTE NASCOSTA, DI TANTI GUAI ITALIANI !

martedì 20 marzo 2012

Ingannati! Derivati Italia fallimentari: non paghiamo per debito pubblico dal sito I Lupi di Einstein

Ingannati! Derivati Italia fallimentari: non paghiamo per debito pubblico

Lo Stato ha pagato un debito con una banca americana, per contratti derivati sottoscritti 18 anni fa, con i soldi che noi italiani abbiamo versato credendo che venissero usati per il risanamento del debito pubblico.
Investire Oggi
morgan-stanley-280x167E’ la notizia bomba di questi giorni, eppure se ne parla dal 3 gennaio scorso, quando il Governo Monti pagò alla Morgan Stanley circa 2 miliardi e mezzo di euro.
Il Governo ha pagato questo suo debito, onorando la parola data, in un momento in cui l’Italia, questo ci è stato detto, aveva bisogno di essere ben vista dagli Stati Uniti e dall’Unione Europea.
L’Italia 18 anni fa, nel 1994, aveva sottoscritto un contratto derivato con la Morgan Stanley, di cui quest’ultima ha chiesto la chiusura della posizione.
Un derivato è un contratto che si basa sul valore di mercato del bene a cui si riferisce, valore che può quindi diminuire o aumentare in base alle oscillazioni di mercato.

Ma questo tipo di contratto non può essere chiuso se non in determinate circostanze, ovvero se entrambe le parti sono d’accordo a farlo, oppure se esiste una clausola che permette di chiudere il contratto.
Ed è proprio questa seconda circostanza quella che è accaduta: alla stipula del contratto Morgan Stanley aveva inserito una clausola che ne garantisse gli interessi nel caso che il cambio lira/dollaro (e in seguito euro/dollaro) ci divenisse sfavorevole.
Ovviamente con la crisi che ha attanagliato l’Italia negli ultimi mesi del 2011, la Morgan Stanley ha pensato bene di salvare il salvabile quando si è presentata la possibilità di una crescita esponenziale degli interessi da corrispondere all’Italia.
Quindi in parole povere è stata una scommessa che lo Stato italiano ha perduto e che la banca statunitense ha vinto.
Una scommessa che però stanno pagando gli italiani.
Col proprio sudore, col proprio sangue, con restrizioni, sacrifici e dolorose rinunce che ci sono state chieste per sanare il debito pubblico.
Gli italiani si sono rimboccati le maniche e si sono sacrificati per lo Stato, da buoni patrioti, forse  lamentandosi come è loro consuetudine, ma comunque facendo il loro dovere di buoni cittadini.
Per poi scoprire cosa?
Che i loro sacrifici e il sangue versato per pagare le decine di tasse e balzelli che hanno alleggerito fin troppo le nostre tasche, sono serviti ad onorare un debito di cui la collettività non era neanche a conoscenza.
Non un’operazione finanziaria, non uno strumento usato con trasparenza e alla luce del sole, di modo che tutti sapessero il rischio che si correva, e che ancora si corre poichè a quanto sembra  il debito potrebbe essere ancora più alto:  si parla di ben 31 miliardi.
Facile rischiare, facile scommettere quando si è sicuri che se si perde per pagare si useranno soldi altrui:  soldi dei soliti cittadini italiani, tenuti all’oscuro di tutto, perchè tanto alla fine per il bene del Paese si rimboccheranno le maniche e piangeranno lacrime di sangue.
Sullo stesso argomento potrebbe interessarti anche:

mercoledì 14 marzo 2012

La situazione attuale degli italiani...

Fotografare il Vaquita ne aiuta la conservazione

Ora che sappiamo di più sui retroscena di queste focene po 'speciale, vaquita ricercatore Thomas Jefferson ci dice di più circa l'importanza di fotografare vivi e allo stato brado e condivide le sue esperienze della spedizione 2008 di catturare alcune delle prime immagini di queste focene .
La vaquita ( Phocoena sinus ) è stata riconosciuta come una delle specie più rare e vulnerabili mammiferi del Mondo dalla sua scoperta scientifica solo un po 'più di cinquanta anni fa. Porpoise morti nel settore della pesca reti da posta sono insostenibili e sono chiaramente provocando la piccola popolazione di rifiutare. Il vaquita è elencato come in pericolo critico nella Lista Rossa IUCN. Con la recente scoperta che il baiji ( Lipotes vexillifer ) del fiume cinese Yangtze è ormai estinto, il vaquita è diventa la specie di cetacei più minacciate al mondo.Vaquita La popolazione è diminuita di oltre il 50% dal 1997, quando il primo sondaggio su larga scala di tutta la gamma è stata condotta. Le dimensioni della popolazione attuale del vaquita è stato stimato combinando le informazioni da un sondaggio visivo e acustico condotta nel 2008. E 'stato stimato che solo circa 245 vaquitas è rimasto nel 2008, e se il declino continua, allora ci sarebbe probabilmente non più di 220 a sinistra al presente!

Due dei restanti vaquita.
Nel 2008, gli sforzi per sensibilizzare l'opinione pubblica e la conservazione vaquita era stato limitato dalla mancanza di immagini di alta qualità di foto o video di animali vivi nel loro habitat naturale. I gruppi verdi spesso con successo utilizzare le immagini di fauna selvatica a concentrare i loro sforzi di raccolta fondi e ottenere la simpatia per le specie minacciate (un chiaro esempio è il panda gigante, in cui le immagini di questo grande animale attraente hanno contribuito a guadagnare simpatia per la sua conservazione efficace). Questo era stato difficile con il vaquita, che è anche un grande animale attraente (e con un aspetto unico, molto diverso da una qualsiasi delle altre sei specie di focene).Poche persone rese conto, tuttavia, come le migliori immagini disponibili erano sfocate, foto che mostrano distanti poco più di un punto granulosa che sembrava più una particella di polvere sulla lente di un mammifero marino! Ci sono stati anche da afferma in Messico che la vaquita non era reale - una 'creatura mitica,' ulteriormente ostacolando gli sforzi di conservazione. Mostrando al mondo ciò che il vaquita sembrava, vivo e nel suo habitat naturale, sarebbe fondamentale per gli sforzi per raccogliere i fondi necessari per salvare la specie. Inoltre, la fotografia può aiutarci a conoscere meglio la biologia di questa specie poco conosciute. del 2008 Expedition fotografica Così, con finanziamenti da diverse organizzazioni (tra cui WDCS), ho deciso alla fine del 2008 con i miei colleghi Tom Kieckhefer, Paula Olson , e Chris Johnson, per vedere se riuscivamo a risolvere questo problema. Dal 02-30 OTTOBRE 2008, abbiamo condotto piccoli vasi indagini vaquitas da San Felipe. Ogni giorno, tempo permettendo, abbiamo viaggiato in mare aperto nella regione tra San Felipe e Rocas Consag. Abbiamo cercato vaquitas, mentre la nave si stava muovendo, ma anche periodicamente condotta 'stop e deriva' ricerche, in cui il motore della nave ed ecoscandaglio sono state chiuse, e 3-6 persone cercato la zona con occhio nudo e binocolo.

L'equipaggio a bordo di indagine una delle navi da ricerca.
Abbiamo usato due imbarcazioni: la Luz Emma, ​​una piccola barca a motore 21 piedi fuoribordo, chiamato panga, e Pancho Villa, un 57 piedi nave pesca sportiva con sede a Puerto Peñasco. Il Pancho Villa era molto più stabile e seaworthy, con una piattaforma più alta e la capacità molto maggiore per le osservazioni osservatori. Essa ha dimostrato di essere un tipo migliore piattaforma per le ricerche. Dopo 17 giorni preoccupanti giorni di non vedere un vaquita unico, abbiamo finalmente avuto una giornata di calma piatta ei nostri primi avvistamenti il 18 ottobre. Ci ha colpito il jackpot! Nel corso dei prossimi 12 giorni abbiamo avuto 12 avvistamenti di più ... Abbiamo ricevuto le foto di vaquitas durante otto degli avvistamenti. La maggior parte delle foto erano molto distanti, ma abbiamo fatto ottenere alcune immagini di alta qualità che si sono rivelati utili per la promozione vaquita conservazione (vedi il nostro sito webwww.vivavaquita.org ). Inoltre, abbiamo ottenuto immagini che sono state adeguate per la foto-identificazione. Questa rappresenta la prima volta che sono stati vaquitas foto-identificati.

L'individuo sullo sfondo ha una pinna molto caratteristico ed è facilmente riconoscibile.
Nonostante le sfide e le difficoltà evidenziate, non vedendo vaquitas per 17 giorni, questo progetto ha dimostrato che (con molta pazienza e un pò di fortuna) vaquitas può essere fotografato e la foto-identificazione di focene singoli è possibile. Molti dei nostri colleghi dubbio questo è stato possibile, e dopo 17 giorni senza avvistamenti, stavamo iniziando a dubitare di noi stessi. Gli animali sono incredibilmente criptico e raro, quindi una grande quantità di tempo sarà generalmente necessario. Tuttavia, lo stato critico, in via di estinzione delle specie rendono questo vale la pena. Attraverso tali sforzi futuri, speriamo di aiutare a prevenire l'estinzione di questo delfino meraviglioso e misterioso poco! Le foto scattate nell'ambito dell'autorizzazione (Oficio No. DR/488/08) dalla Secretaria de Medio Ambiente y Naturales Resursos (SEMARNAT), all'interno di un naturale protetta zona soggetta a gestione speciale e decretato come tale dal governo messicano.

Terremoto di Magnitude 6.8 nella costa est dell'isola di HONSHU,GIAPPONE

Magnitude 6.8 - OFF THE EAST COAST OF HONSHU, JAPAN

lunedì 12 marzo 2012

A Fukushima una ricerca dibattuta

Messaggio ai leaders mondiali: Fukushima da ricordare; finire di utilizzare l'energia nucleare da Greenpeace International

    Più di 50 organizzazioni e individui di tutto il mondo hanno unito le forze con Greenpeace e ha chiesto che gli investimenti in sicurezza, le energie rinnovabili al fine di porre fine alla minaccia del nucleare. Questo messaggio è nella forma di una lettera aperta consegnata ai leader mondiali dopo il primo anniversario per ricordare che il disastro nucleare di Fukushima deve essere visto per quello che è: un altro pezzo di prove schiaccianti che l'energia nucleare non potrà mai essere sicuro e deve essere eliminati.
    Jakarta: protesta per evidenziare i pericoli di reattori nucleari
    I firmatari includono l'Arcivescovo Dr. Desmond Tutu, Nobel per la Pace, Marina Silva, ex ministro dell'Ambiente brasiliano, il senatore Bob Brown, leader dei Verdi australiani, John Hall, l'ex membro del Congresso degli Stati Uniti, Richard Harvey, avvocato internazionale dei diritti umani. Inoltre, molti artisti, leader dei diritti umani, organizzazioni del lavoro, sviluppo e ambiente, come Action Aid International, Health Care senza danno, amici degli Stati Uniti Terra, CIVICUS, la Task Force femminista della Appello globale all'azione contro la povertà, e molti nazionali, organizzazioni non governative.
    Dal momento che il disastro nucleare di Fukushima, la maggior parte dei governi hanno dimostrato di aver imparato nulla dopo l'incidente e rimanere più preoccupati di proteggere i profitti dell'industria nucleare che proteggere la gente.
    Due sostenitori della lettera eco chiara alternativa della lettera per l'energia nucleare. Bernd Nilles, segretario generale della CIDSE, un'alleanza internazionale di agenzie di sviluppo cattoliche, ha dichiarato: "Oggi, abbiamo il dovere morale di produrre energia che sia pulita e sicura. Il memoriale di Fukushima ci ricorda che dobbiamo rifuggire da fonti di energia che mettono le persone e il pianeta a rischio. Prolungare la nostra dipendenza dalle fonti energetiche insostenibili è solo una distrazione dalla urgenti soluzioni reali. Risparmio energetico, maggiore efficienza e un focus sulle energie rinnovabili potrebbe andare ancora più lontano nel fornire un accesso sostenibile di energia a tutti, compresi i più poveri. Questi sono il genere di soluzioni che dovremmo investire dentro "
    E attivista politico statunitense, autore, docente e avvocato Ralph Nader ha detto: "L'energia atomica è troppo antieconomico, troppo pericoloso, troppo assicurabili, anche non necessarie, anche sotto-regolamentato, troppo unevacuable, troppo contribuente-garantito e troppo di un cittadino rischio per la sicurezza di continuare ad operare in qualsiasi paese che rispetta il diritto delle generazioni presenti e future di poter accelerare le priorità per l'efficienza energetica e le energie rinnovabili ".
    Dalla lettera aperta: è il momento di porre fine alla minaccia del nucleare. Questa minaccia potrebbe essere terminato se i governi hanno la volontà politica di eliminare gradualmente nucleare e investire in un sistema energetico moderno basato sul risparmio energetico

sabato 10 marzo 2012

Fotografata sull’Himalaya la farfalla gigante Cobra

Sandesh Kadur, un fotografo indiano, è riuscito a immortalare lafarfalla Cobra, nome scientifico,Attacus Atlas. Essa è la più grande del regno degli insetti, arriva a misurare anche 30 centimetri di apertura alare e per i colori caratteristici e l’atteggiamento “intimidatorio” che assume in fase di difesa, da eventuali predatori, è stata soprannominata, appunto, Cobra.
La falena gigante si può trovare per lo più nel sud dell’Asia, ma è presente anche tra l’India e la Papua Nuova Guinea. Nel caso specifico, il fotografo Kadur, è riuscito a ritrarla tra le montagne ad est dell’Himalaya e sulla rivistaNew Scientist, egli racconta che durante gli scatti, l’esemplare si è mostrato particolarmente “ostile”.La falena Atlas, che non è affatto pericolosa per l’uomo, né per le altre specie animali, nonostante la grandezza possa suscitare qualche timore. Sono in molti a temerla, infatti, ma la farfalla, che vive solo un paio di settimane, non è un predatore e non mangia nulla. Essa si dimostra un vorace insetto soltanto allo stadio larvale, fino a quando si trasforma in pupa. Questa metamorfosi dura circa 6 settimane, dopo le quali non si nutre più.


Le "facce da culo" di Flores D'Arcais

DAL SITO  :CONTRO LA CRISI
Paolo_flores_darcais
Paolo Flores D'Arcais
Marchionne, Marcegaglia, Berlusconi e "buon ultimo Bersani": tutte "facce da culo" per un inedito Paolo Flores D'Arcais, direttore di MicroMega, intervenuto dal palco della manifestazione della Fiom a piazza San Giovanni. "Un certo signor Marchionne - ha esordito - ha accusato la Fiom di fare politica. Una certa signora Marcegaglia si lamenta che la Fiom fa politica. Un certo cavalier Berlusconi ha sempre trattato la Fiom come il demonio, perchè fa politica, chiedendo esorcismi ai Sacconi, i Brunetta e altri chierichetti del suo regime. Buon ultimo è arrivato l'onorevole Bersani, che ha vietato ai dirigenti del Pd di partecipare a questa manifestazione, perchè la Fiom fa politica, anzi una brutta politica, visto che da questo palco parlerà anche un dirigente del Pd della Val di Susa, ex sindaco e più che mai No Tav. Vorrei dirlo sommessamente - ha proseguito Flores - con i toni sobri che sono di prammatica da quando abbiamo un nuovo governo: questi signori, ogni volta che si stracciano le vesti perchè la Fiom fa politica, hanno la faccia come il culo". "Non fa forse politica Marchionne, quando col sostegno di qualsiasi governo e dei media asserviti, impone che nelle fabbriche la Costituzione diventi carta straccia? Non fa politica la Confindustria, un giorno sì e l'altro pure, che dai governi pretende sempre favori per i padroni (con i soldi nostri) e sacrifici per gli operai? Non fanno politica i grandi banchieri - ha affermato ancora - al punto che uno di loro è ormai il ministro più potente del governo 'tecnico'? E il partito di Bersani non ha candidato nelle sue liste i Calearo e i Colaninno (bella roba, sia detto en passant, per un partito che si dice riformista e forse di sinistra), ritenendo normale che gli imprenditori facciano politica?".

Questi poveri politici, questa povera casta, questi poveri "tesorieri"......

Una_fattura_di_lusi_cassiere_della_margherita
Questi poveri politici, questa povera casta, questi poveri "tesorieri".......
questi poveri italiani , "normali" !

Se un commesso di Palazzo Madama guadagna quattro volte chi dirige gli Uffizi | Informare per Resistere

Se un commesso di Palazzo Madama guadagna quattro volte chi dirige gli Uffizi | Informare per Resistere:

'via Blog this'

Sotto sequestro ingenti quantità di rifiuti a Targia

Dal sito Zeronove Tv
Eternit_e_altri_rifiuti_nocivi_abbandonati_a_targia

Importante operazione di polizia giudiziaria, finalizzata alla repressione degli illeciti in materia ambientale ed alla tutela della pubblica incolumità ha visto protagonisti sotto la regia della Procura della Repubblica di Siracusa, gli uomini della Sezione Ambiente/Demanio della Guardia Costiera di Siracusa e della Polizia Ambientale del Comune di Siracusa unitamente ai funzionari della Provincia Regionale di Siracusa e dell’ARPA.
L'operazione ha accertato e posto sotto sequestro una ingente quantità di rifiuti illecitamente abbandonati.
Tali rifiuti, impropriamente "smaltiti" sul suolo pubblico da cittadini senza scrupoli, in virtù del D.Lgs 152/2006 (Testo Unico dell’Ambiente) rientrano nella categoria del tipo speciali, ingombranti e pericolosi. 
Trattasi di materiale in eternit (e quindi contente al suo interno fibre di amianto), gomme auto, elettrodomestici, guaine varie, mobilio domestico, sanitari, fusti vuoti in metallo e materiale plastico di ogni genere sparsi su un’area di circa 6 ettari.
Nella zona, tra l’altro, nelle giornate precedenti era stata segnalata la presenza di bovini al pascolo e quindi con rischio per la salute pubblica e degli animali stessi.
L’area in cui è stato consumato il reato ambientale rientra nell’ambito del Sito di Interesse Nazionale (S.I.N.) e nella fascia costiera quindi sottoposta a vincolo paesaggistico.
Il Comune di Siracusa ha assicurato l’immediato avvio dell’iter amministrativo per la bonifica dell’area di pertinenza del Comune e la chiusura fisica dell’accesso a monte dell’area con la collocazione di grossi massi interdittori, al fine di impedire materialmente l’abbandono indiscriminato di rifiuti in quel sito.

venerdì 9 marzo 2012

I mezzi, le ricerche e, le motivazioni per cercare il bosone di Higgs

Dal sito TIME Science
Non molto tempo fa, l'acceleratore di particelle Tevatron, a circa 30 miglia a ovest di Chicago, è stato il più grande, acceleratore sul pianeta. E ' una macchina capace di sbattere migliaia di miliardi di protoni e antiprotoni quasi alla velocità della luce per scoprire alcune delle più grandi e alte energie della fisica ,registrando successi, tra cui il quark top  e una serie di altre nuove particelle. ll Tevatron produce tipicamente circa 10 milioni di collisioni protone-antiprotone al secondo.Ma si punta a spegnerlo dopo 28 anni di funzionamento, vittima di tagli di bilancio, anche se il più nuovo e più potente Large Hadron Collider, o Lhc, ha iniziato a sfornare,  in Europa, le sue stesse scoperte.
Ma il Tevatron è ancora molto in gioco: i fisici dall’ analisi dei dati provenienti da alcune delle piste finali dell'enorme macchina hanno trovato le prove dell'esistenza del bosone di Higgs, una particella sognata, chiacchierata, ricercata che ha eluso le ricerche dei fisici da oltre 45 anni. Non è la prima prova per l'Higgs, che legherebbe il cosiddetto modello Standard della Fisica insieme a Nice, la cosiddetta ordinata dell’arco. Non è il più forte segnale: è venuto alla fine dell'anno scorso, quando gli scienziati del LHC hanno annunciato un quasi-ma-non-proprio indizio di rilevamento che ha suscitato l’allarme nella comunità dei fisici. Le nuove scoperte sono quasi di conferma, e quando si parla di alcune delle più delicate, delle più complicate esperienze mai realizzate, si arriva ad affermazioni estremamente importanti. "Sulla base dei dati attuali Tevatron", dice un documento che descrive la nuova analisi, "e i risultati elaborati a dicembre 2011 da altri esperimenti [intendendo l'LHC]," questo è il più forte indizio dell'esistenza di un bosone di Higgs".
Allora, c'è qualcosa di importante e che cosa, del resto, è il bosone di Higgs? La risposta ha a che fare con le masse delle varie particelle subatomiche, e quelle variano molto. I protoni sono più massicci rispetto agli elettroni, per esempio, e gli elettroni sono più massicci rispetto ai neutrini. I fotoni non hanno massa . Per la maggior parte di noi, c'è più di un fatto inspiegabile. Per i fisici, però, è un mistero che richiede una soluzione. Perché le masse sono così diverse - e perché le particelle hanno tutti massa ?
La risposta, hanno suggerito diversi scienziati  nel 1960, è che l'intero universo è pervaso da una sorta di campo energetico - si chiama il campo di Higgs, che il fisico scozzese Peter Higgs l’ha che per primo fin qui descritto. Il campo di Higgs è qualcosa come una melassa cosmica: le particelle debbono sgobbare e come, attraverso di essa e, la resistenza che incontrano è quello che misuriamo come massa. Dal momento che le stelle, i pianeti e le persone sono fatte di queste particelle è per questo che hanno una massa pure. Da qui l’importanza del campo di Higgs.
Il campo di Higgs  fa la sua magia,esegue il ping che coinvolge i protoni, elettroni e il resto con la sua particella proprietaria nota come il bosone di Higgs. Se non riesci a trovare il bosone, non è possibile dimostrare l'esistenza del campo di Higgs - e se non puoi provare il campo di Higgs, non si può spiegare da dove proviene la massa. Così rilevare il bosone non è una cosa di minore importanza.
Per gli standard delle particelle, il bosone di Higgs dovrebbe essere una sorta di Bruiser. I calcoli dei fisici suggeriscono che sarebbe molto più massiccia rispetto a qualsiasi particella vista fino ad oggi - e per favore non chiedetemi perché lo stesso Higgs ha una massa. (OK, se è necessario, probabilmente è perché il campo di Higgs interagisce con il campo omonimo, così come fa ogni altra particella.)
Per trovare il bosone di Higgs, è necessario un potente acceleratore che crea- se estremamente piccolo -  esplosioni estremamente potenti: le particelle che condensano dalla conseguente esplosione di energia potrebbe anche contenere un Higgs o due. Nel mese di dicembre, due diversi rivelatori a LHC, appena fuori Ginevra, hanno visto alcune prove della comparsa del bosone di Higgs - sotto forma di cosiddetti "dossi" nei dati di circa 124 o 126 miliardi di elettronvolt (che è l'unità di massa quando si parla di particelle, la massa di un protone è di circa un miliardo di elettronvolt). Questo valore è nella gamma in cui i fisici teorici suggerito l'Higgs potrebbe effettivamente essere trovato, e mentre la rilevazione non è stata considerata definitiva, è stato almeno di grande suggestione.
Il nuovo rapporto dal Tevatron vanta pure un urto. La versione americana non è chiaro come a causa della debolezza relativa del dell'acceleratore europei ': era da qualche parte tra i 115 e 135 miliardi di elettronvolt. Ma dato che è coerente con ciò che il LHC ha visto, si rafforza il caso che il bosone di Higgs potrebbe essere stato finalmente portato a casa.
Il Tevatron non sarà in grado di aiutare molto dopo questo, la nuova analisi era praticamente l'ultimo sussulto eroico della dalla macchina venerabile. Ma un sacco di fisici del Fermilab sono coinvolti in esperimenti di LHC tutte uguali: la macchina europea ha anche una sala di controllo remota situato presso la sede Fermilab. E mentre l’iter d’utilizzo del Tevatron si è conclusa , l'LHC è appena iniziato. E 'dilagare il suo potere per la prossima tornata di protone-smashing, quindi se il bosone di Higgs esiste davvero - come i fisici sono ormai sempre più certi che sia - il segnale dovrebbe continuare a diventare più forte,sempre più forte fino a quando non sarà  incontrovertibile. Questo non potrebbe durare a lungo, sia. "Io non credo che ci sia posto in cui si possa nascondere  il bosone di Higgs -ha detto Rob Roser fisico  del Fermilab- faremo conoscere la risposta in un modo o nell'altro entro la fine del 2012".

Read more: http://www.time.com/time/health/article/0,8599,2108525,00.html#ixzz1odBaA0rD

giovedì 8 marzo 2012

Si stringe il cerchio attorno al bosone di Higgs


GINEVRA (dall'agenzia Reuters) - I fisici che studiano la formazione dell'universo hanno detto oggi di essere vicini a rintracciare il bosone di Higgs, la particella considerata la chiave per la trasformazione dei detriti del Big Bang in stelle, pianeti e in conclusione in vita. I ricercatori hanno parlato dopo che il laboratorio Usa Fermilab ha fatto sapere di aver trovato, probabilmente, tracce della particella. Il centro di ricerca europeo Cern aveva trovato tracce simili lo scorso anno. "La fine della caccia al bosone di Higgs è vicina", ha detto Jim Siegrist, direttore associato per la Fisica delle Alte Energie al Dipartimento dell'energia di Washington, che supervisiona le operazioni del Fermilab. "E' bello vedere che tutti i segnali stanno convergendo", ha detto il portavoce del Cern James Gillies, mentre Oliver Buechmueller, ricercatore del centro che ha lavorato all'esperimento Cms ha commentato: "Sembra che ci stiamo avvicinando sempre più. L'estate sarà molto calda". Tutti, però, sono concordi nel dire che è troppo presto per annunciare formalmente la scoperta della particella che rappresenta l'anello mancante del Modello Standard di fisica.

NO-TAV,SI-TAV,NO-TAV,SI-TAV.......

mercoledì 7 marzo 2012

Residenti di Fukushima con urina radioattiva

Da TG Daily Residenti Fukushima hanno urine radioattive di David Gomez C'è una triste notizia dalla Terra del Sol Levante . Residenti Fukushima ora urine radioattive. Secondo il The Times il Giappone , più di 3 millisievert di radiazione sono stati misurati nelle urine di 15 abitanti Fukushima del villaggio di Iitate e la città di Kawamata ieri. Ciò conferma che l'esposizione alle radiazioni interno si è verificato. Millisievert sono una misura della quantità di dose di radiazione ricevuta dalle persone. Entrambi i posti sono circa 24 miglia dal n ° 1 centrale di Fukushima. L'impianto è stato rilasciato materiale radioattivo nell'ambiente dal momento che la settimana del 11 marzo, quando un terremoto e lo tsunami ha causato crolli di base. "Questo non sarà un problema se non mangiano verdure o altri prodotti che sono contaminati", ha detto Nanao Kamada, professore emerito di biologia radiazioni a Hiroshima University. "Ma sarà difficile per la gente di continuare a vivere in queste zone". Kamada era una squadra con i medici che comprendeva Osamu Saito dell'Ospedale Watari nella città di Fukushima. Hanno condotto due turni di prove su ogni residente alla fine di maggio, hanno preso campioni di urina da 15 persone di età compresa tra 4 e 77. Cesio radioattivo è stato trovato in entrambe le manche per ogni residente. Lo iodio radioattivo è stato registrato per essere alto come 3.2 millisievert in sei persone nel sondaggio iniziale, ma nel secondo turno hanno trovato nessuno. Le cifre mostrano che l'esposizione accumulata esula era tra 4,9 e 13,5 millisievert, che mette il totale tra 4,9 a 14,2 millisievert nel corso di un periodo di due mesi, hanno detto. "Le cifre non superare il limite massimo di 20 millisievert all'anno, ma vogliamo residenti di utilizzare questi risultati per prendere decisioni (per spostare)", ha detto Kamada.Tuttavia, è noto quanti cittadini sarà effettivamente in grado di muoversi.

Morte delle primarie per indegnità della sinistra - AgoraVox Italia

Morte delle primarie per indegnità della sinistra - AgoraVox Italia

Rita Borsellino vada avanti

“I tantissimi casi anomali registrati nei verbali dei seggi, l’indagine della Procura della Repubblica del capoluogo siciliano, la puntata di “Striscia la notizia” sul voto di scambio e le dichiarazioni di autorevoli esponenti del centrodestra, evidenziano come a scegliere il candidato sindaco alle primarie di Palermo siano stati, più che gli elettori del centrosinistra, le forze Terzo polo”.
Lo affermano Davide Ficarra ed Antonio Marotta, rispettivamente, segretario provinciale e regionale di Rifondazione Comunista FdS. Che aggiungono: “Chiediamo al Comitato dei Garanti di annullare le primarie per l’evidente inquinamento del voto. Invitiamo Rita Borsellino ad andare avanti ed a guidare la coalizione che l’ha sostenuta per costruire a Palermo un’alternativa chiara e netta al malgoverno del centrodestra e del Terzo polo”.
“Concordiamo pienamente con le posizioni espresse da Leoluca Orlando e Nadia Spallitta- concludono i due esponenti di Rifondazione Comunista- ed invitiamo tutte le forze progressiste, a partire da SEL, a costruire a Palermo un’alternativa vera al consociativismo ed al malgoverno”.

Rita_borsellino

lunedì 5 marzo 2012

Le splendide immagini dello spazio da Atacama in Cile

Osservatorio_astronomico_di_atacama

 

Leoluca Orlando (Idv) : primarie inquinate a Palermo

Dopo i dubbi manifestati da Rita Borsellino, sc

Gioco_delle_tre_carte_alle_primarie_del_pd_a_palermo
ende in campo anche Leoluca Orlando. L’ex sindaco di Palermo, oggi leader nazionale di Idv, grande sponsor della stessa Borsellino con una parte del Pd siciliano, parla senza mezzi termini di primarie non regolari:“Quello che è successo a Palermo-dice Orlando- è molto grave. Si tratta di primarie inquinate, aspettiamo le verifiche”. 
Non è la prima volta che Orlando impatta con elezioni tecnicamente truccate. Anche nel 2007 quando, alle elezioni comunali, venne battuto da Diego Cammarata, parlò subito di voto irregolare. Li per lì le sue affermazioni vennero prese alla leggera. Si fece passare, nell’opinione comune, l’idea che Orlando, sconfitto da Cammarata, cercasse in realtà delle giustificazioni.
L’ex sindaco della Primavera di Palermo non si è mai arreso. E ha intrapreso una lunga e difficile battaglia giudiziaria. Una lunga sequela di ricorsi che si è conclusa qualche mese fa con la certificazione che quelle elezioni sono state truccate.
Allora a beneficiare dell’inquinamento del voto fu il candidato del Pdl. Oggi lo scenario è molto più complicato. In primo luogo perché si tratta di elezioni primarie. Una battaglia, che si è conclusa, con una testa a testa e con una differenza minima di 67 voti. Il tutto in uno scenario, a quanto pare, di schede che compaiono e scompaiono. Con i voti che vanno e vengono da una lista all’altra. E con un riconteggio che a distanza di 12 ore non ha ancora chiarito i termini della questione. La vicenda con molta probabilità è destinata a rimanere oscura e controversa, perché quando si vince con una differenza di una manciata di voti, è difficile non accettare la sconfitta, ma accertare la verità.
Oggi Orlando torna a parlare di brogli elettorali. La prima volta non gli hanno creduto. E ora che succederà?

venerdì 2 marzo 2012

Giudizio feroce sull'immobilismo del governo Lombardo per l'utilizzo dei fondi europei

bandiera-europea

2 marzo 2012 -  Una Regione ferma,preda dell’immobilismo. Dove poco – e male – è stato fatto, tra ritardi, inefficienze e opportunità mancate. È impietoso il giudizio espresso stamane dal Pdl a Palazzo dei Normanni sul rapporto tra la Sicilia e i Fondi europei.

L’occasione è stata una conferenza stampa organizzata dall’europarlamentare Salvatore Iacolino e dai deputati regionali Francesco Scoma e Gianpiero Cannella che sono anche rispettivamente coordinatori provinciale e cittadino del partito palermitano.

Tabelle alla mano, i tre intervenuti, hanno speso parole pesanti in merito alla gestione Lombardo. “Inettitudine, fallimento, disastro delle politiche di programmazione”.


“I numeri sono negativi – dichiara Iacolino – . Lombardo rifletta su un punto: forse sarebbe il caso che prima di chiedere altri soldi a Monti si pensasse a come utilizzare quelli che ci sono stati forniti”.
Concretamente, cosa è accaduto? Nella fattispecie, sembrerebbe molto poco.

Le cifre rese note, riguardano i Fondi Por Sicilia FESR. Un totale di 6 miliardi e 500 milioni di euro, dei quali sono stati spesi solo il 12% dell’ammontare complessivo, ovvero 800 milioni di euro. Le risorse impiegate incidono sul Pil regionale appena dello 0,13%. Dei 7 assi del POR, la percentuale dei lavori realizzati, parla chiaro. Iacolino insiste: “Considerate l’asse 2, relativo all’Uso efficiente delle risorse naturali. Ebbene, riguarda anche gli interventi volti a prevenire il dissesto idrogeologico. La programmazione complessiva ammonta al 12,82%. Vi pare possibile che in una Regione come la Sicilia, non si pensi ad evitare le catastrofi naturali che già molti morti hanno provocato? Evidentemente, Giampilieri non ci ha insegnato nulla”.

Si va avanti nella lettura dei dati. Ammontano a 7,26% i fondi utilizzati per gli interventi realizzati in merito a “Valorizzazione identità culturali, paesaggistiche, ambientali e sviluppo turistico”. Poco più del 4%, gli interventi realizzati per lo Sviluppo urbano sostenibile, altra nota dolente, dal momento che gli interventi previsti in quest’asse riguardano la riqualificazione dei centri storici. Altri dati: 21,28% per Reti di collegamento per la mobilità, 8,41% per Ricerca, innovazione e informazione, 11,62% per Sviluppo imprenditoriale e competitività dei settori produttivi locali, 5,41% per Governance, capacità istituzionali e assistenza tecnica.

“Numeri che parlano da soli – puntualizza Scoma -. Altro che crescita e occupazione. Quanto detto sin qui in merito al governo Lombardo è ben poca cosa. Ricordiamo che in Sicilia il 40% dei giovani è ancora in cerca di lavoro. E che le piccole e medie imprese della nostra Isola non sono in grado di sviluppare innovazione e competitività”.

Iacolino rincara la dose: “Dei Fondi Por Fesr del 2000-2006, è stato speso solo il 25% dell’ammontare complessivo. Moltissimi stati di piccole dimensioni, come la Lituania, hanno raggiunto risultati nettamente superiori ai nostri. Il nostro ruolo – aggiunge l’eurodeputato – è quello di fare da tramite tra il governo regionale e la commissione europea. Il Parlamento europeo sta pensando a come rivalutare criticamente il dossier della spesa. Questa situazione di mancati investimenti potrebbe orientare il Parlamento e la commissione a scelte diverse da quelle fatte fino ad oggi nei confronti della Sicilia”.

Eppure il governatore Lombardo, ha più volte sostenuto che dei Fondi comunitari, “non è stato perso nemmeno un euro”. Immediata la replica di Iacolino: “Non basta immobilizzare i fondi Jessica o Jeremie, come sta facendo il governo Lombardo, bisogna anche impiegarli”.

La lista dei lavori iniziati e fermi da tempo, è lunga. La chiusura dell’anello ferroviario di Palermo, è ferma dal 28 aprile 2010. Stessa sorte per l’acquedotto dissalata Gela-Aragona (settembre 2010), il rifacimento dell’acquedotto Montescuro Ovest (ottobre 2011). E ancora: l’autostrada Siracusa-Gela, il prolungamento della ferroviaria circumetnea, l’interporto di Termini Imerese, il raddoppio ferroviario Palermo-Carini, il potenziamento della banda larga in Sicilia, l’adeguamento a 4 corsie della SS 640 della Agrigento-Caltanissetta, la velocizzazione mediante rettifiche di tracciato tra i nodi urbani di Palermo e Agrigento.

Che in merito al Fondi europei, in Sicilia si sia commesso qualche errore, non è di certo una novità. Ma il Pdl puntualizza in merito a “grosse sviste di programmazione”. E’ il caso del centro di Adroterapia che dovrebbe aprire le porte all’ospedale Cannizzaro di Catania. Un progetto di 130 milioni di euro, destinato ad una struttura dedicata alla cura di rare patologie oncologiche oculari. “Il sistema sanitario regionale – conclude Iacolino – credo che abbia ben altre priorità”.

Coro di no alle trivellazioni della Shell - Corriere.it

Pericoli di possibile inquinamento per una tranquilla parte delle nostre regioni meridionali.

Coro di no alle trivellazioni della Shell - Corriere.it