mercoledì 28 agosto 2013

Ritrovata acqua sepolta per milioni di anni

Ritrovata acqua sepolta per milioni di anni

lunedì 26 agosto 2013

Fukushinma è fuori controllo ! da AGU Blogosphere

300 tonnellate di acqua radioattiva riversate nell'Oceano Pacifico!

Rimarra contagiato da inquinamento radioattivo per
decine e decine di anni!

Is Fukushima Out of Control? - terra central - AGU Blogosphere

Lezioni di archeologia subacquea ad Ustica

USTICA 2013                                                                                                                                                                                  LEZIONI DI ARCHEOLOGIA SUBACQUEA                                                                                                                               Punta Spalmatore • 24 / 31 agosto 2013                                                                                                                                XXII edizione                                                                                                                                                                              CORSO - STORIA DELL'ARCHEOLOGIA SUBACQUEA E VISITE AI FONDALI                                                                 Docente: Gianfranco Purpura (Università di Palermo)                                                                                                              Lezioni teoriche (n. 6 incontri): Breve storia delle ricerche e degli studi - Anfore e commercio delle derrate - Navi antiche e attrezzature: in particolare le ancore - Marinai, passeggeri e mercanti: vita quotidiana e culti a bordo - Anfore e relitti nella Sicilia occidentale: in particolare Ustica - Tra terra e mare: pesca e stabilimenti per lavorazione del pesce - Ai limiti del mondo conosciuto: navi, esplorazioni e viaggi oltre i confini dell'impero.                                                                                                                                                                 Attività in mare (n. 6 immersioni): Visite guidate su fondali d'interesse archeologico e naturalistico.              CORSO  - METODOLOGIE E TECNICHE DI SCAVO SUBACQUEO                                                                                    (operativo per subacquei esperti)                                                                                                                                      A cura della Soprintendenza del Mare della Regione Siciliana                                                                                       Scavo archeologico subacqueo: Il corso prevede lo scavo di un giacimento subacqueo simulato di età antica sotto la direzione della Soprintendenza del Mare.
Lezioni teoriche (n. 6 incontri): Definizione e storia dell'archeologia subacquea - Insediamenti sommersi, porti e approdi - Archeologia navale - Formazione dei relitti - Ricognizione subacquea - Identificazione del giacimento - Pianificazione di intervento archeologico - Scavo stratigrafico: principi, esecuzione e finalità - Gestione informatizzata - Metodi di recupero - Primi interventi di conservazione e restauro - Post-scavo: siglatura e classificazione preliminare - Ricerche in alto fondale.
Attività in mare (7 immersioni): Allestimento cantiere subacqueo - Documentazione preliminare - Posizionamento griglia geodetica - Definizione e siglatura quadrati - Allestimento sorbona - Scavo, identificazione, siglatura, documentazione e recupero reperti - Elaborazione sistema informatizzato di scavo - Primo trattamento conservativo dei reperti - Documentazione grafica e fotografica - Rapporto preliminare.                                                                         


giovedì 22 agosto 2013

Ripulire mari e spiagge in modo naturale: può essere possibili

fonte: amso.it                                                                                                                                             
Ripulire spiagge e mari da idrocarburi in modo naturale
La sicurezza ambientale compie un nuovo passo in avanti per difendere spiagge, mari e scogli dall'inquinamento derivante dai rilasci di idrocarburi delle barche. Va da se che ci vorrebbe in aggiunta un maggior controllo delle autorità portuali e non solo circa l’efficienza dei mezzi che solcano il mare  per evitare i fatti d’inquinamento.                                                                                          E’ un disperdente biodegradabile che bonifica le acque marine e lacustri da spandimenti di idrocarburi leggeri e pesanti, senza danneggiare la flora e la fauna. La soluzione permette di contrastare le chiazze di combustibile rilasciate dalle imbarcazioni e proteggere corsi d'acqua, scogli e spiagge dall'inquinamento. D'estate le acque marine e lacustri sono sottoposte ad un aumento dell'inquinamento causato dall'utilizzo massiccio di imbarcazioni a motore. Si tratta dunque di un disperdente completamente biodegradabile e atossico che ripulisce le acque dalle chiazze di oli e combustibili. A proporlo
 è l'emiliana Airbank, per dare alle autorità portuali uno strumento in più per preservare le acque.                                                                                                                                                                            Il disperdente contiene surfattanti, caratterizzati da una parte lipofila affine all'olio e un'altra idrofila affine all'acqua, in grado di emulsionare gli idrocarburi liberando nel contempo l'acqua inglobata nella chiazza d'olio.                                                                                                                     L'emulsione che si forma disperde gli idrocarburi sotto forma di particelle microscopiche, favorendo la degradazione dell'olio da parte dei microrganismi presenti in natura nell'acqua del mare.
L'olio emulsionato sotto forma di dispersione microscopica non inibisce più lo scambio dell'ossigeno dell'aria con l'acqua e le particelle di combustibile, condizionate dai surfattanti che si fissano sulla loro superficie, non imbrattano più le aree con cui entrano in contatto.                                           "Durante i mesi estivi i nostri mari vengono messi a dura prova dalle barche dei turisti che purtroppo inquinano- ha dichiarato Airbank-, aprendo a numerose problematiche come l'inquinamento di spiagge e scogli causati da macchie oleose, o i rilasci di carburante delle cisterne delle imbarcazioni. Questo disperdente riesce ad intervenire  efficacemente senza danneggiare la flora e la fauna acquatica, nel pieno rispetto della Natura".




Fuoriuscite 300 tonnellate di acque radioattive da Fukushima



La Tokyo Electric Power Co (TEPCO) ha confermato una fuoriuscita di 300 tonnellate di acqua radioattiva dalla centrale nucleare di Fukushima, come è noto,  colpita dallo tsunami nel marzo del 2011.
Non sono quindi solo 120 i litri di acqua sfuggiti al controllo, la stima iniziale è stata ottimista, perché in realtà, appunto sono 300 tonnellate. Si tratta del liquido che viene usato per raffreddare i reattori danneggiati. A ogni litro sono collegate emissioni di 80 bequerel, un livello altissimo e pericoloso, tanto che le autorità giapponesi che hanno competenza sul nucleare hanno classificato come incidente di livello 1 la fuga di acqua radioattiva.
Il governo della Corea del Sud è molto preoccupato e vuole che da Tokyo spieghino questo sversamento. Intanto la stessa TEPCO ha ammesso che molto probabilmente l’acqua ha contaminato il suolo, infatti sono state individuate delle pozzanghere con alti livelli di radioattività vicino ai bacini di stoccaggio dell’acqua.
Già ieri la TEPCO ha dovuto comunicare un’altra grana con cui aveva avuto a che fare in questi giorni, ossia la contaminazione di due lavoratori. Due impiegati che erano in attesa dell’autobus all’esterno del centro operazioni, dove i livelli di radioattività sono bassi e non si usano le maschere per il viso, sono risultati contaminati, ma le particelle radioattive sono state eliminate dai loro corpi prima che lasciassero l’impianto. Dopo accurati esami è emerso che non c’è stata una contaminazione interna.

Lo stesso fatto era accaduto la settimana scorsa ad altri dieci lavoratori che probabilmente erano stati contaminati da particelle che provenivano da una pompa usata per rinfrescare lo staff a causa del caldo di questo periodo.
Insomma è anche a grande rischio l'integrità  in quanto a flora e fauna dell'Oceano Pacifico che viene messa a dura prova da questa grande masse di inquinanti radioattivi .

sabato 10 agosto 2013

Una nuova proteina permetterà di meglio contrastare il cancro ?

Un gruppo internazionale di ricercatori ha scoperto una nuova proteina ceramide 1-fosfato proteina di trasporto (CPTP) che potenzialmente aiuta nel trattamento del cancro e di altre malattie.                                                                                                                                              

Nella ricerca sul cancro, quando si scopre una nuova proteina che svolge un ruolo nel cancro è come trovare una chiave e una mappa del tesoro: seguire gli indizi e alla fine ci potrebbe essere una grande ricompensa. Questa è la speranza di un nuovo studio, che ha scoperto una nuova proteina chiamata Un gruppo internazionale di ricercatori ha scoperto una nuova proteina ceramide 1-fosfato proteina di trasporto (CPTP) che potenzialmente aiuta nel trattamento del cancro e di altre malattie.                                                                                                                                              
Nella ricerca sul cancro, quando si scopre una nuova proteina che svolge un ruolo nel cancro è come trovare una chiave e una mappa del tesoro: seguire gli indizi e alla fine ci potrebbe essere una grande ricompensa. Questa è la speranza di un nuovo studio, che ha scoperto una nuova proteina chiamata ceramide-1 fosfato proteina di trasporto (CPTP) - che potrebbe portare allo sviluppo di nuovi farmaci per il trattamento di una varietà di tumori e di altre condizioni che comportano infiammazione e trombosi, o coagulazione del sangue .L'identificazione di CPTP è il risultato di una collaborazione internazionale costruita sulla ricerca di Charles Chalfant, membro del Cancer Cell programma di segnalazione alla Virginia Commonwealth University Massey Cancer Center , ordinario al Dipartimento di Biochimica e Biologia Molecolare presso VCU School of Medicine.                                                                                                                                            Il team ha scoperto che CPTP regola i livelli biologicamente attivi di lipidi, molecole come gli acidi grassi che spesso svolgono un ruolo nella segnalazione cellulare. Lo studio ha determinato che la funzione principale di CPTP è di trasportare ceramide-1-fosfato (C1P), lipide che aiuta a regolare la crescita cellulare, la sopravvivenza, la migrazione e l'infiammazione. Specificamente, C1P aumenta la produzione di eicosanoidi proinfiammatori - potenti molecole di segnalazione che contribuiscono a infiammazione cronica in malattie come il cancro, asma, aterosclerosi e trombosi - e la scoperta di CPTP apre uno spiraglio sui meccanismi cellulari che contribuiscono a queste malattie.                                                                                                                                                 "Forse abbiamo individuato il nuovo obiettivo per il trattamento del cancro,- dice Chalfant.- questa proteina svolge un ruolo importante nel determinare un certo numero di funzioni cellulari e, potrebbe anche avere grandi implicazioni per una varietà di malattie come il cancro che sono causati da infiammazione. I ricercatori  hanno determinato la composizione dei lipidi bioattivi regolati da CPTP. Residente nel citosol, o  liquido all'interno delle cellule, il gruppo ha trovato che CPTP regolamenta il catabolismo di C1P, processo che rompe la molecola al fine di rilasciare la sua energia. Hanno anche dimostrato che CPTP trasporta C1P alla membrana cellulare, dove aiuta sintetizzare eicosanoidi da acidi grassi nella membrana. Dopo un decennio di ricerca nel laboratorio di Chalfant, gli scienziati hanno fornito ulteriori prove che C1P regolamenta il gruppo IVA fosfolipasi A2, enzima che promuove l'infiammazione attraverso la produzione di un acido grasso chiamato acido arachidonico. Il rilascio di acido arachidonico attraverso l'attivazione C1P, di questo enzima, innesca la produzione di eicosanoidi. Questi risultati aiutano a spiegare il collegamento  tra ceramide chinasi, enzima responsabile della produzione di C1P e, la prognosi nei pazienti con tumore al seno. Suggerisce, inoltre, che la riduzione di infiammazioni sistemiche possono portare a una migliore prognosi e a migliori risposte terapeutiche. In futuro, speriamo di usare –dice ancora  Chalfant- la nostra conoscenza della struttura del CPTP per  trovare piccole molecole e altri mezzi che la possono bloccare. Gli usi immediati di tali terapia potrebbero essere quelli di ripristinare per esempio la coagulazione in pazienti traumatizzati, mantenendo i livelli di eicosanoidi specifici che mediano la coagulazione del sangue. Tuttavia, con ulteriori ricerche puntiamo a definire esattamente come si produce CPTP, per regolarne la produzione e, potenzialmente, sviluppare nuovi trattamenti per una varietà di malattie. " proteina di trasporto (CPTP) - che potrebbe portare allo sviluppo di nuovi farmaci per il trattamento di una varietà di tumori e di altre condizioni che comportano infiammazione e trombosi, o coagulazione del sangue .L'identificazione di CPTP è il risultato di una collaborazione internazionale costruita sulla ricerca di Charles Chalfant, membro del Cancer Cell programma di segnalazione alla Virginia Commonwealth University Massey Cancer Center , ordinario al Dipartimento di Biochimica e Biologia Molecolare presso VCU School of Medicine.                                                                                                                                            Il team ha scoperto che CPTP regola i livelli biologicamente attivi di lipidi, molecole come gli acidi grassi che spesso svolgono un ruolo nella segnalazione cellulare. Lo studio ha determinato che la funzione principale di CPTP è di trasportare ceramide-1-fosfato (C1P), lipide che aiuta a regolare la crescita cellulare, la sopravvivenza, la migrazione e l'infiammazione. Specificamente, C1P aumenta la produzione di eicosanoidi proinfiammatori - potenti molecole di segnalazione che contribuiscono a infiammazione cronica in malattie come il cancro, asma, aterosclerosi e trombosi - e la scoperta di CPTP apre uno spiraglio sui meccanismi cellulari che contribuiscono a queste malattie.                                                                                                                                                 "Forse abbiamo individuato il nuovo obiettivo per il trattamento del cancro,- dice Chalfant.- questa proteina svolge un ruolo importante nel determinare un certo numero di funzioni cellulari e, potrebbe anche avere grandi implicazioni per una varietà di malattie come il cancro che sono causati da infiammazione. I ricercatori  hanno determinato la composizione dei lipidi bioattivi regolati da CPTP. Residente nel citosol, o  liquido all'interno delle cellule, il gruppo ha trovato che CPTP regolamenta il catabolismo di C1P, processo che rompe la molecola al fine di rilasciare la sua energia. Hanno anche dimostrato che CPTP trasporta C1P alla membrana cellulare, dove aiuta sintetizzare eicosanoidi da acidi grassi nella membrana. Dopo un decennio di ricerca nel laboratorio di Chalfant, gli scienziati hanno fornito ulteriori prove che C1P regolamenta il gruppo IVA fosfolipasi A2, enzima che promuove l'infiammazione attraverso la produzione di un acido grasso chiamato acido arachidonico. Il rilascio di acido arachidonico attraverso l'attivazione C1P, di questo enzima, innesca la produzione di eicosanoidi. Questi risultati aiutano a spiegare il collegamento  tra ceramide chinasi, enzima responsabile della produzione di C1P e, la prognosi nei pazienti con tumore al seno. Suggerisce, inoltre, che la riduzione di infiammazioni sistemiche possono portare a una migliore prognosi e a migliori risposte terapeutiche. In futuro, speriamo di usare –dice ancora  Chalfant- la nostra conoscenza della struttura del CPTP per  trovare piccole molecole e altri mezzi che la possono bloccare. Gli usi immediati di tali terapia potrebbero essere quelli di ripristinare per esempio la coagulazione in pazienti traumatizzati, mantenendo i livelli di eicosanoidi specifici che mediano la coagulazione del sangue. Tuttavia, con ulteriori ricerche puntiamo a definire esattamente come si produce CPTP, per regolarne la produzione e, potenzialmente, sviluppare nuovi trattamenti per una varietà di malattie. "

mercoledì 7 agosto 2013

Il fracking e i suoi effetti

Un anno fa, l'Environmental Protection Agency (EPA) ha finito di testare l'acqua potabile in Dimock, in Pennsylvania, dopo anni di lamentele da parte dei residenti che sospettavano come le produzione di gas naturale alterassero i loro pozzi. L'EPA ha detto che per quasi tutte le 64 abitazioni i cui pozzi erano stati campionati, l'acqua era potabile. Eppure, una volta che si decide di chiudere l'indagine, dal personale del medio Atlantico ufficio EPA a Philadelphia, che aveva campionato l'acqua Dimock, in una presentazione interna EPA  , parte l’ avvertenza per  i loro superiori che diversi pozzi erano stati contaminati con il metano e sostanze come il manganese e arsenico, molto probabilmente a causa della produzione di gas naturale locale. La presentazione, sulla base dei dati raccolti nel corso di 41/2 anni agli 11 pozzi intorno Dimock, ha concluso che "il metano e altri gas emessi durante la perforazione (compresa l'aria dalla foratura) apparentemente causano un grave danno alla qualità dell'acqua."                                                                                             Si è concluso anche che "il metano è a concentrazioni significativamente più alte nelle falde acquifere dopo la perforazione del gas e, forse a causa di fracking [fratturazione idraulica] e di altri gas ".I critici dicono che la decisione dell'EPA con  sede a Washington di limitare la sua indagine in Dimock oltre l'obiezione del proprio personale in loco, fornisce un modello preoccupante in un momento in cui l'amministrazione Obama  usa il forte aumento della produzione di gas naturale per confutare le  affermazioni che si oppone ai combustibili fossili. Nel marzo 2012, l'EPA ha chiuso un'indagine di metano in acqua a Parker County, anche se il geologo assunto ha confermato che il metano era di produzione da estrazione gas. A giugno, sempre l'EPA ha presentato  uno studio di possibile contaminazione di acqua potabile a Pavillion (Wyoming) nonostante precedenti conclusioni di presenza di agenti cancerogeni, idrocarburi e altri agenti inquinanti in acqua."Non sappiamo che cosa sta succedendo, -ha detto Kate Sinding (Natural Resources Defense Council), gruppo ambientalista- ma certamente il fatto che ci sia stato un tale ritiro distinto da tre casi di alto profilo solleva interrogativi sul fatto che l'EPA è subalterna alle pressioni dell'industria o di membri antagonistici del Congresso".                   L'EPA ha confermato l'autenticità della presentazione sui pozzi Dimock, sostenendo che la presentazione era il lavoro di un dipendente."Questa presentazione rappresenta un pensiero e riguarda 12 campioni per cui non è stata condivisa con il pubblico -ha detto  Alisha Johnson portavoce dell'EPA- era una valutazione preliminare che necessitava di una valutazione supplementare al fine di accertarne la qualità e la validità".                          "Il campionamento e la valutazione delle circostanze particolari in ogni casa- ha ancora detto Johnson- non hanno indicato livelli di contaminanti che potrebbero dare all’EPA motivo di prendere ulteriori provvedimenti. In tutto il lavoro di EPA in Dimock, l'agenzia ha utilizzato i dati scientifici disponibili per fornire chiarezza ai residenti Dimock e affrontare le loro preoccupazioni circa la sicurezza della loro acqua potabile."                                                                                                                            Allo stesso tempo, il settore energetico e dei suoi alleati congressuali, hanno martellato l'EPA per intraprendere gli studi, che dicono sono un pretesto per sbilanciare le regolamentazioni. "Hanno tentato di collegare fracking alla contaminazione dell'acqua in almeno tre casi, -ha detto, in una recente audizione Rep Lamar Smith (R-Texas), presidente della commissione Casa della Scienza- poi sono stati costretti a ritrattare le loro dichiarazioni dopo che un ulteriore esame ha dimostrato l’ infondatezza di questa tesi".                                                                                                                                       Robert B. Jackson, professore di scienze ambientali alla Duke University, ha studiato la contaminazione di metano nella zona Dimock ed ha  rivisto recentemente la presentazione incriminata, e  si è detto deluso dalla decisione adottata della EPA.                                                                                                                                       "Ciò che sorprende è vedere questo insieme di dati e quindi di vedere EPA ai piedi di Dimock- ha detto Jackson-  il problema qui è: perché non era EPA ad essere interessata a seguire questi dati per capire meglio?"La presentazione del personale EPA su Dimock era un'analisi ad interim dei dati di campionamento delle acque raccolte dai regolatori della Pennsylvania e, successivamente, dalla EPA, dal 2008 al giugno 2012. La presentazione classifica  nove degli  11 pozzi  in zona -Dimock, rintracciando naturale lavoro di produzione di gas nella zona e concentrazione di metano e metalli su un arco temporale di quattro-cinque anni. Alcuni pozzi sono stati sottoposti a una "perturbazioni a breve termine", o un aumento di metano nell'acqua sei-otto mesi dopo le attività di sviluppo di gas. Nel corso di due o tre anni, la concentrazione di metano è calata. Quattro altri pozzetti , secondo la presentazione, sperimentano interruzioni a lungo termine della qualità della loro acqua. In questi casi, i livelli di metano non cadevano nel tempo, ma sono rimasti elevati dopo un aumento iniziale o cominciarono a salire dopo un periodo di declino. La presenza di metalli come manganese e arsenico  aumentano nel tempo in alcuni di questi pozzi. Jackson ed altri scienziati della Duke hanno indicato che bere acqua pozzi vicino la produzione di gas naturale nel nord est della Pennsylvania, tra cui Dimock, sono a maggior rischio di contaminazione metano rispetto a quelli più lontani.                             Il metano è il componente principale del gas naturale.In spazi chiusi, come capannoni e scantinati, pone il rischio di asfissia e di esplosione.                                                         C'è poca ricerca sugli effetti a lungo termine sulla salute umana derivanti dall'esposizione prolungata a metano in acqua potabile. Scienziati e legislatori dicono che quando il metano finisce in acqua di pozzo, di solito è perché vi sono involucri metallici difettosi all'interno di una sacca digas naturale e il metano, filtra fuori. Anche se i funzionari EPA hanno concluso che l'acqua Dimock era sicura da bere, l'ufficio EPA medio-atlantica, tuttavia, ha chiesto ail Centers for Disease Control and Prevention di valutarne il rischio per la salute.                                                                                                                   Cabot Oil a& Gas Corp., la società di perforazione in Dimock, afferma che il metano in acqua non è correlato al petrolio e gas.                                                                                   
"Attraverso la nostra indagine, -ha detto Dan O. Dinges, direttore generale di Caboto- Cabot ha concluso che il gas metano esisteva nelle acque sotterranee e pozzi nel Dimock e a Springville comuni molto prima che Cabot iniziasse a perforare nella zona". Sebbene il metano fosse naturalmente in falde della zona, c’è l’ "impronta digitale" del metano in pozzi poco profondi in prossimità dei siti di gas e allo stesso modo nel  gas naturale estratto dalla profondità. La presentazione EPA ha identificato cinque pozzi contaminati con il metano la cui chimica di impronte digitali, o la composizione isotopica, era lo stesso del metano dalla scisto Marcellus , una formazione rocciosa presente al centro del bacino di del gas naturale della Pennsylvania. Fred Baldassare, ex funzionario del Dipartimento di Protezione Ambientale della Pennsylvania che ha lavorato sugli studi Dimock commissionati dello Stato, ha contestato l'affermazione della presentazione per la quale alcuni pozzi contenevano metano con l’impronta digitale Marcello. Ora consulente per l'industria e proprietari di case, -Baldassare ha sostenuto- che non c'era abbastanza informazioni circa la composizione del metano nei pozzi per trarre conclusioni circa l'origine."E' pericoloso e inadeguato interpretare questi dati a vuoto, -ha detto.Jackson in disaccordo-, sostenendo che il metano ritrovato non si presenta naturalmente in acqua potabile. L'onere della prova qui è diverso,-ha proseguito- e la domanda che ci stiamo ponendo è: c'erano prove sufficienti per giustificare ulteriori ricerche ? Lo scienziato dell'EPA evidentemente la pensava così".


martedì 6 agosto 2013

La Monsanto insiste a diffondere Ogm in Europa



 Dal blog INFORMATI ITALIA                                                                                        
Un nuovo scioccante rapporto investigativo dal più grande quotidiano in Germania sostiene che la Monsanto, l'esercito americano e il governo degli Stati Uniti hanno agito in collusione per rintracciare e distruggere entrambi attivisti anti-OGM e scienziati indipendenti che studiano gli effetti negativi di alimenti geneticamente modificati.
Il rapporto intitolato "The Sinister Monsanto Gruppo: 'Agent Orange' di mais geneticamente modificato", ha descritto una 'nuova guerra cibernetica conio' scatenata contro sia eco-attivisti e scienziati indipendenti dai sostenitori ed ex dipendenti della Monsanto, che sono descritti come "operativamente potenti assistenti" e che hanno preso a volte alte cariche rango nell'amministrazione Usa, autorità di regolamentazione, e alcuni dei quali hanno profonde connessioni all'interno dello stabilimento industriale militare, compresa la CIA.
"Grazie al Snowden e Wikileaks, il mondo ha una nuova idea di come questi amici e partner operano in cui potere e denaro sono interessati. La piattaforma di whistle-blowing ha pubblicato dispacci dell'ambasciata due anni fa, che comprendeva anche dettagli sulla Monsanto l'ingegneria genetica. "
"Gli Stati Uniti si augura che i negoziati avviati questa settimana per un accordo di libero scambio tra gli Stati Uniti e l'Unione europea aprirà anche i mercati per l'ingegneria genetica."

"Gli americani vogliono utilizzare l'accordo di libero scambio per aprire il mercato degli OGM europea. I negoziati saranno dettagliati. La tenacia governerà quel giorno. Il presidente degli Stati Uniti Barack Obama ha quindi nominato Islam Siddiqui come capo negoziatore per l'agricoltura. Ha lavorato per molti anni per il ministero dell'agricoltura degli Stati Uniti in qualità di esperto. Tuttavia, quasi nessuno in Europa lo sa: dal 2001 al 2008, ha rappresentato CropLife America come un lobbista registrato. CropLife America è una importante associazione di settore negli Stati Uniti, che rappresenta gli interessi dei produttori di tecnologia di pesticidi e di gene - tra cui, naturalmente, la Monsanto. "In realtà, l'Unione europea non può accettare un tale capo negoziatore a causa di pregiudizi", dice Manfred Häusling, che rappresenta il partito dei Verdi al Parlamento UE.