martedì 14 febbraio 2012

Il programma del satellite italiano Almasat, recentemente lanciato dal razzo Vega



Negli ultimi anni, l'attività di ricerca spaziale è stata caratterizzata dal gran numero di piccoli satelliti universitari che sono stati costruiti e lanciati. Da un lato, questo consente la partecipazione diretta degli studenti a un progetto vero e proprio spazio, dall'altro lato, essendo questi progetti caratterizzati da tempi di sviluppo brevi, offre agli scienziati frequenti opportunità di provare nuovi esperimenti ad un costo molto basso. Nella II Facoltà di Ingegneria della Università degli Studi di Bologna , il gruppo aerospaziale a Forlì, ha avviato nel 2003 un nuovo programma di ricerca microsatellite.
Il primo ALMA Sat (Satellite Alma Mater) missione di dimostrazione è stato lanciato recentemente (febbraio 2012) a bordo del volo VEGA Maiden a Kourou,nella Guyana francese. Tra le future applicazioni possibili, vi è l'uso di un bus maggiore ALMASat microsatellite per una missione di osservazione della Terra ( EO-ALMASat ) , recentemente finanziato dal Ministero Italiano della Ricerca ( MiUR ).
Come primo passo, una stazione di terra completamente automatizzata, tipo radioamatore è stato progettata e installata nei laboratori di facoltà ed è operativa dal settembre 2003.
Allo stesso tempo, il personale docente, dottorandi e laureati sono direttamente coinvolti nella progettazione del satellite, ma anche nella produzione e montaggio, e si sta prendendo cura anche delle operazioni spaziali in orbita.
DATI TECNICI: Il peso di questo satellite è circa 12,5 kg ed è costituito da un prisma cubico, lato 300 mm, con una struttura modulare costituita da sei shop-lavorati vassoi di Alluminio, tenuti insieme da otto barre di acciaio inossidabile. Quattro Al / Al ,i pannelli alveolari laterali, che sono la struttura di supporto di pannelli solari incollati, completano la struttura del satellite italiano. Questa architettura è stato selezionata per avere un multi-purpose bus, per essere utilizzato con piccole modifiche per diverse missioni e, payload accomodante con differente volume e requisiti di potenza.

Nessun commento:

Posta un commento