mercoledì 6 giugno 2012

Carbonio ridotto su MARTE prova che luoghi del pianeta Rosso hanno generato la vita


Una parte di Marte produce carbonio organico
Una meteorite marziana

Gli scienziati del Carnegie Institution for Science hanno scoperto che un meteorite di 4.500.000.000 anni, che si ritiene arrivato da Marte, e contiene molecole di carbonio ridotte. Anche se queste non sono macromolecole di origine biologica, propongono alcune questioni importanti circa le fonti di carbonio organico su Marte. La NASA  ha finanziato una ricerca su meteoriti di Marte atterrati sulla Terra mostrano una forte evidenza che le molecole molto grandi contenenti carbonio, un ingrediente chiave per i mattoni della vita, può nascere sul pianeta Rosso. Questi non sono macromolecole di origine biologica, ma sono indicatori  che spiegano come la chimica del carbonio complesso ha avuto luogo su Marte.
I ricercatori del Carnegie Institution for Science di Washington dopo aver trovato molecole di carbonio ridotte hanno ora una migliore comprensione dei processi chimici che avvengono su Marte. Il carbonio diventa carbonio-ridotto quando è legato all’ idrogeno o  a se stesso. I  risultati ottenuti possono anche contribuire a future ricerche di prove di vita sul pianeta Rosso.                  "Questi risultati  dimostrano che la conservazione di molecole di carbonio ridotte su Marte si è verificato nel corso della storia del pianeta e potrebbero essere simile ai processi che si sono verificati sulla Terra antica", ha detto Andrew Steele, autore principale dello studio e ricercatore alla Carnegie.                                                                                                                                       "Comprendere la genesi di queste macromolecole non-biologiche, contenenti carbonio su Marte è di fondamentale importanza per lo sviluppo di future missioni per individuare i segni della vita sul nostro vicino pianeta."
Trovare molecole contenenti grandi catene di carbonio e idrogeno è stato un obiettivo del passato e del presente per le missioni su Marte. Tali molecole sono stati trovate in precedenza nei meteoriti di Marte, ma gli scienziati sono in disaccordo su come il carbonio in essi si è formato, e se è venuto da Marte. Queste nuove informazioni dimostrano che Marte è in grado di produrre carbonio organico.
"Anche se questo studio non ha fornito la prova che Marte una volta potrebbe avere favorito la vita, fa affrontare alcune questioni importanti circa le fonti di carbonio organico su Marte", ha detto Mary Voytek, direttore del programma di Astrobiologia della NASA presso la sede dell'agenzia a Washington. "Il rover Curiosity dovrebbe atterrare nel mese di agosto e,  i risultati delle nuove ricerche possono aiutare il Mars Science Laboratory a ottimizzare le proprie indagini sulla superficie del pianeta attraverso la comprensione di carbonio organico nelle forme in cui è possibile trovarlo e come è conservato."
Gli scienziati hanno teorizzato che le grandi macromolecole di carbonio rilevati sulle meteoriti marziane potrebbero aver avuto origine dalla contaminazione terrestre della Terra di meteoriti o  di altri corpi, o di reazioni chimiche o per  l'attività biologica su Marte.
La squadra di Steele ha esaminato 11 campioni di meteoriti marziane da un periodo che abbraccia circa 4.2 miliardi di anni di storia marziana. Hanno rilevato composti di carbonio di grandi dimensioni in 10 di essi. Le molecole sono stati trovati all'interno di grani di minerali cristallizzati.
Utilizzando una serie di sofisticate tecniche di ricerca, il team è stato in grado di dimostrare che almeno alcune delle macromolecole di carbonio sono stati locale dei meteoriti stessi e non  provengono dalla contaminazione dalla Terra.
L’indagine successiva ha  guardato le molecole di carbonio in relazione ad altri minerali delle meteoriti per vedere che tipo di trattamento chimico questi campioni hanno subito prima di arrivare sulla Terra. I grani cristallini che stringono i composti di carbonio hanno fornito una spiegazione sul modo in cui le molecole di carbonio sono stati creati. Le loro scoperte indicano che il carbonio è stato creato da attività vulcanica su Marte e dimostrano che Marte ha svolto un attività di chimica organica per la maggior parte della sua storia.
In un documento separato pubblicato dal  mineralogista americano, Steele e il suo team i quali trasmettono i loro risultati sul meteorite stesso,hanno annunciato nel 1996 che contiene possibili- ma poi scontati- resti dell'antica vita biologica su Marte. Chiamato ALH84001, il meteorite contiene  anche macromolecole organiche di origine non biologica.
Il team di ricerca Steele deduce perciò che Marte ha una località che produce carbonio ridotto. I loro risultati dovrebbero aiutare gli scienziati coinvolti nelle attuali e future missioni su Marte a  distinguere molecole di carbonio formate non biologicamente .

Nessun commento:

Posta un commento