domenica 23 settembre 2012

Vanno comprese bene le ragioni delle collisioni delle balene con le navi.


   
Due megattere

Balena e uomo

Questa relazione è stata sviluppata su un’edizione speciale della Gazzetta di Biologia Marina. Si pensava a qualcosa di un po’più spensierato, forse alcuni fatti divertenti sulle balene e mestieri innovativi per i nostri più giovani amanti delle balene. Poi  è arrivato un collegamento ipertestuale a un’edizione speciale della rivista open access di Biologia Marina, dedicata ai cetacei; protezione dei delfini selvatici e delle balene: ” Le crisi attuali, strategie e proiezioni future” di Lori Marino, Frances Gulland e Chris Parsons. Hanno compilato sei articoli che coprono tutto ciò che sappiamo su alcune delle questioni più urgenti in materia di conservazione dei cetacei. Offrono un richiamo e ripropongono il tema ormai indifferibile di  un focus sulla conservazione di queste specie, ormai tempestivo e necessario. "In un momento in cui i problemi cetacei stanno convergendo con una miriade di altre questioni, i possibili approcci da utilizzare per alleviare questi problemi richiedono una flessibilità e una raffinatezza senza precedenti. "La Terra  ha appena perso un'altra specie: il delfino di fiume Baji. Stock di balene sono in difficoltà in molte regioni e i pericoli di urti con le navi, rifiuti e detriti negli oceani permangono anche se vi sono perfino balene in aumento. Inoltre, sappiamo molto di più sulla società dei cetacei. I cetacei hanno la cultura, le famiglie, la condivisione delle conoscenze e sono anche stati dichiarati persone non umane. I curatori del collegamento ipertestuale sottolineano, che per queste ragioni, gli sforzi di protezione debbono anche prendere in considerazione i problemi psicologici. Gli articoli servono per documentare  certe leggi, oggi pienamente disponibile on-line. Uno degli studi propone una sintesi delle varie collisioni di balene in Alaska, ed è quindi particolarmente interessante. Questi alcuni dei punti chiave. Gli autori hanno analizzato le collisioni con le balene nelle acque entro 200 miglia nautiche della costa dell’ Alaska,  raccogliendo alcune statistiche e sui possibili modi per ridurre questo triste risultato dovuto a un aumento delle incursioni dell'uomo nell'ambiente marino. Dai 108 record utilizzati sono stati riconosciute alcune tendenze. La maggior parte degli incidenti (86%) coinvolge le megattere. Non sorprende che la maggior parte si siano verificati  nei mesi dell’estate (alimentazione) e le relazioni di collisione sono aumentate verso la fine del periodo che va dal 1978 al 2011. Non tutti gli scontri hanno provocato le uccisioni degli animali, solo 25 record informano che ne hanno causato la morte. Lesioni da corpo contundente tre volte più comuni di lesioni da trauma taglienti (isolati fisicamente sugli animali, come ferite provocate dalle eliche). In effetti, alcune delle lesioni descritte offrono una lettura inquietante perché comportano un danno alle terze proprietà o lesioni agli esseri umani. I rapporti  di collisione tra balene-navi in Alaska per specie nel periodo anzidetto (1978-2011) sono abbastanza esemplificativi. Le navi non erano tutte enormi, itineranti ad alta velocità,tantomeno superpetroliere o navi da crociera (anche se questi incidenti hanno più probabilità di uccidere  e fanno notizia, con segnalazioni di balene morte a cavallo o sulla prua a bulbo delle navi di grandi dimensioni). La maggior parte (60%) di barche erano di dimensioni inferiori a  15 m  di lunghezza. In 15 casi, le balene  hanno colpito ancore o altri corpi derivanti  dalle barche - chiaramente il suono gioca un ruolo nel consentire loro di evitare le navi. E una frase  in particolare offre un preciso riferimento a ciò che le barche facevano prima gli incidenti. " Nel 2% dei casi sono stati speronamenti intenzionali delle balene." Il vero messaggio da recepire è la necessità di un migliore report. I circa 100 incidenti valutati sono probabilmente solo la punta di un iceberg. E confonde la mancanza di comunicazione (3 collisioni su 4 non sono mai state indicate) assieme  all'assenza di un modello standardizzato di rapporto per queste collisioni. Questo è importante e gli autori lo fanno notare: "La maggior parte di queste relazioni mancano dettagli critici come: velocità dell'imbarcazione, la posizione e il destino delle balene che, possano contribuire a una migliore comprensione della vera frequenza di collisioni tra balene e navi, che migliorerebbero la nostra conoscenza dei fattori specifici che portano a collisioni o ai loro risultati. "Le collisioni sulle navi sono in genere riportati su un modulo progettato per spiaggiamenti di mammiferi marini, e altri eventi che riguardano ancora i mammiferi marini nazionali. La struttura dei database non accetta le registrazioni delle collisioni della nave. Doverosamente necessaria perciò una forma corretta standardizzata di relazione per le collisioni in modo che tutti i particolari salienti, come dimensioni della nave, velocità, posizione, ecc, siano registrati e siamo in grado di applicare le conoscenze acquisite per prendere le migliori decisioni. Inoltre, i navigatori hanno bisogno di essere più istruiti sui rischi e su come operare in sicurezza in particolare nell’avvistare gli 'hot-spot' delle balene. Questo studio si concentra su Alaska,ma  le indicazioni sono applicabili ovunque si condividono le acque costiere con i mammiferi marini. Per ulteriori informazioni sulle collisioni delle navi e le zone di velocità della barca vedere il programma del NOAA sulle collisioni tra navi e balene. The Whale and Dolphin Conservation Society ha preparato una relazione apposita disponibile per il download.

Nessun commento:

Posta un commento