martedì 13 novembre 2012

L'evoluzione dell'ipergigante HR8752


Uno studio che abbraccia trent'anni di ricerca sull’ipergigante HR 8752, una stella che è circa 250 volte più luminosa del nostro Sole e sta attraversando lo stadio del Vuoto Giallo Evolutivo.                                                                                                                                           
Un team di scienziati provenienti da sei paesi europei ha  finalizzato una lunga indagine trentennale di una stella ipergigante che sta attraversando il Vuoto Giallo Evolutivo. In quel periodo la temperatura superficiale della stella è rapidamente salita a 5-8.000 gradi.                                    Con questa scoperta cruciale è stato trovato l’ 'anello mancante' nella evoluzione delle stelle ipergiganti.                                                                                                                                           Le ipergiganti sono le stelle più luminose attualmente conosciute nell'Universo.                                   La particolare stella studiata per trent'anni si chiama HR 8752 e può essere osservata con un binocolo nella costellazione di Cassiopea Nord.                                                                                                         HR 8752 è circa 250 mila volte più luminosa del nostro Sole.                                                                   Il Vuoto Giallo Evolutivo è la gamma di temperatura della sua superficie, circa 5-12.000 gradi. Sembra che questa gamma di temperatura non include ipergiganti, mentre ci si aspetterebbe in questo intervallo di temperatura  in almeno un paio di ipergiganti lentamente in riscaldamento, durante la parte finale della loro evoluzione.                                                                                                                                   Il team di astronomi ha scoperto che le atmosfere di ipergiganti sono instabili all'interno del Vuoto Evolutivo perché le forze dirette verso l'esterno nelle loro atmosfere pareggiano o diventano più forti le attrazioni gravitazionali verso l'interno.                                                                      L'instabilità delle loro atmosfere fa sì che le stelle gigantesche perdano enormi quantità di massa e attraversano il Vuoto, in un periodo cosmologico molto breve.                                                                                 Il team ha scoperto che il vuoto consiste in realtà di due aree in cui l'atmosfera delle ipergiganti diventa instabile, associate alla ionizzazione di idrogeno ed elio, rispettivamente, con una striscia di stabilità stretta intorno a 8000 gradi , alla quale le atmosfere sono un po 'più stabili.                                                                                                             Tre decenni                                                                                                                                                                                                           Mentre l'analisi delle precedenti osservazioni fotometriche hanno dimostrato che, almeno dal 1900 al 1980, HR 8752 è stata ad una temperatura costante di superficie (quasi 5000 gradi), e si sono avute alcune indicazioni che intorno al 1985 questa notevole stella era abbastanza vicina se non addirittura al di là della bassa temperatura limite del Vuoto. Per sapere cosa sarebbe successo, gli scienziati hanno deciso di intraprendere un programma lungo e sistematico di osservazioni spettroscopiche, durato tre decenni.                                                                                                    In 20 anni 1985-2005 la temperatura superficiale della stella, è rapidamente salita 5-8.000 gradi, mentre passava attraverso una serie di eventi con forte perdita di massa. Durante i venti anni il raggio di HR 8752 si è ridotto 750-400 volte, rispetto al raggio del Sole.                                                                                                                                                 "Il nostro team ha fatto un enorme sforzo- ha detto il ricercatore Hans Nieuwenhuijzen-, di combinare queste osservazioni di HR 8752 e siamo lieti di arrivare a questo meraviglioso risultato dopo tanti anni".                                                                                                                                                                                                                                                                                                                     Le osservazioni mostrano che  la stella ipergigante sta per attraversare (in parte) il Vuoto Giallo Evolutivo. "Sono infatti a conferma sulla ricerca teorica della zona del Vuoto- ha detto l'ex direttore SRON prof. Kees De Jager, eminente ricercatore di ipergiganti-  e il nostro team ha pubblicato i risultati su “The ipergigante HR 8752 in continua evoluzione attraverso il Vuoto Giallo Evolutivo”.                                                                                                                                La squadra ha intensificato la nuova ricerca ipergiganti con le nuove risultanze sulla ipergigante HR 8752. Altre ipergiganti possono rivelare proprietà spettacolari con grandi cambiamenti nella temperatura superficiale su scale temporali umane. Un buon numero di stelle candidate è stato selezionato per il monitoraggio spettroscopico e per la ricerca di questi cambiamenti di temperatura, insolitamente grandi.                                                                                                                                            
Fonte: SRON Istituto olandese per la Ricerca Spaziale

Nessun commento:

Posta un commento