martedì 11 dicembre 2012

Stella nana rossa (Gliese 581) con seguito di pianeti


Gliese 581 (immagine ) è una stella nana rossa a soli 21 anni luce dalla Terra che vanta attorno un certo numero di pianeti. Gli astronomi hanno segnalato questo mese in Astronomy & Astrophysics, l'Herschel Space Observatory di aver scoperto un'altra caratteristica che osservatori terrestri avrebbero trovato familiare: un anello di polvere lontano dalla stella che assomiglia alla cintura di Edgeworth-Kuiper, una zona di oggetti, ognuno dei quali molto più piccoli della Terra, che si trovano oltre l'orbita  che comprende Nettuno e Plutone. La stella a luce rossa fioca riscalda la polvere nella zona di pertinenza, che emette le lunghezze d'onda lontane all’ infrarosso come è stato rilevato da Herschel .                                                         Il disco di detriti ritrovato è grande circa come la cintura di Edgeworth-Kuiper, anche se Gliese 581 è piccolo e tutti i suoi pianeti conosciuti si trovano più vicini al loro Sole della Terra e quindi non allo stesso modo del nostro pianeta. Gli scienziati ipotizzano che la piccola stella rossa ospita un pianeta più remoto la cui gravità suscita i movimenti  dei piccoli oggetti di questa cintura, causando loro perciò scontri e provocando quell’accumulo di  polvere della quale ha discernimento e notizie l’Herschel.
Da ScienceShots.

Stella nana rossa con foto all'infrarosso del disco di detriti
Dischi di detriti sono stati trovati principalmente attorno a stelle di massa intermedia e solare (tipi spettrali AK), ma raramente in giro a tipo stelle di bassa massa M. Abbiamo risolto spazialmente un disco di detriti intorno alla notevole M3 stella di tipo GJ581  che ospita pianeti multipli, una scoperta che si deve all’uso di profonde immagini PACS micron a 70, 100 e 160 nell'ambito del programma detriti sull’Observatory Spazial Herschel. Questo è il secondo disco detriti  trovati nei dintorni di una stella di tipo M, dopo quello che circonda la giovane star AU Mic (12 Myr). Tuttavia, GJ 581 è molto più antica (2-8 Gyr), ed è tranquilla nei dati ROSAT a raggi X. Allestiamo un modello del disco per le tre immagini  e si scopre che il modello di  migliore adattamento è per un disco che si estende radialmente dal 25  a più di 60 UA (unità astronomiche). Tale disco freddo ricorda la fascia di Kuiper, ma viene circondato da una stella di piccola massa (0,3 M_sol) e la luminosità della sua polvere frazionata è molto più alta. I limiti di inclinazione del disco trovati nell’analisi rendono le masse dei piccoli pianeti sufficienti, per assicurare la stabilità a lungo termine del sistema secondo alcune simulazioni dinamiche. Il disco è del tipo collisionale e dominato fino a dimensioni submicroniche dei grani. La polvere non può essere espulso dal sistema da pressioni radiazioni o vento a causa della bassa luminosità e i raggi X di GJ581. La correlazione tra pianeti di massa piccola e dischi di detriti recentemente trovati per stelle di tipo G vale anche per stelle di tipo M.  Per finire i pianeti conosciuti, con basse masse e in orbita entro 0,3 UA dalla stella, non possono perturbare dinamicamente il disco di età della stella, suggerendo che un pianeta supplementare esiste a grande distanza e rimescola il disco per ricostituire la polvere.

Nessun commento:

Posta un commento