venerdì 1 febbraio 2013

Collegamenti tra deterioramento del sonno e insufficiente memoria negli anziani


I ricercatori hanno trovato un legame tra sonno Scarso, perdita di memoria e deterioramento del cervello. Una nuova ricerca della UC Berkeley suggerisce che disturbi del sonno negli anziani, mediato dai cambiamenti strutturali del cervello, costituisce un fattore che contribuisce al declino relativo all'età cognitiva.
Il collegamento tra poco sonno, perdita di memoria e deterioramento del cervello come s’ invecchia anche se studiato sinora aveva prodotto risultati deludenti. Ma per la prima volta, gli scienziati della University of California, Berkeley, hanno trovato un legame tra questi mali caratteristici della vecchiaia. La loro scoperta apre la porta ad accrescere la qualità del sonno nelle persone anziane per migliorare la memoria. Neuroscienziati  dell’UC Berkeley hanno scoperto che le onde cerebrali lente generate durante il sonno profondo e ristoratore e che si hanno tipicamente in gioventù svolgono un ruolo chiave nel trasporto dei ricordi all'ippocampo - che fornisce deposito a breve termine per le memorie - mentre la corteccia prefrontale è quella a lungo termine .Tuttavia, negli adulti più anziani, i ricordi possono essere rimanere bloccati nell'ippocampo a causa della scarsa qualità del sonno a 'onde lente' profondo, e vengono quindi sovrascritti da nuovi ricordi, come suggeriscono i risultati. "Quello che abbiamo scoperto è un percorso disfunzionale che aiuta a spiegare la relazione-ha detto Matthew Walker, professore associato di psicologia e neuroscienze alla UC Berkeley ,autore dello studio pubblicato sulla rivista Nature Neuroscience- tra il deterioramento del cervello, disturbi del sonno e perdita di memoria nei più anziani - e con ciò, si apre un trattamento potenziale per una nuova strada". I risultati gettano nuova luce su alcuni delle dimenticanze comuni per gli anziani che include la difficoltà a ricordare i nomi delle persone. "Quando siamo giovani, abbiamo sonno profondo che aiuta il cervello e mantenere nuovi fatti e le informazioni,- ha detto Walker- ma da anziani, la qualità del nostro sonno si deteriora e impedisce ai ricordi di essere salvati dal cervello di notte. Adulti sani spendono un quarto della notte in profondità, non rapidi movimenti oculari (REM) del sonno. Le onde lente sono generate dal lobo medio frontale del cervello. Il deterioramento di questa regione frontale del cervello nelle persone anziane è legato alla loro incapacità di generare un sonno profondo, come ha rilevato lo studio. La scoperta che le onde lente del cervello frontale contribuiscono a rafforzare le memorie apre la strada a trattamenti terapeutici per la perdita di memoria negli anziani, come ad esempio la stimolazione transcranica in corrente continua o a rimedi farmaceutici. Per esempio, in uno studio precedente, neuroscienziati in Germania hanno praticato con successo la stimolazione elettrica del cervello nei giovani adulti per migliorare il sonno profondo e raddoppiare la loro memoria durante la notte. I ricercatori di Berkeley hanno condotto  un sonno simile di miglioramento  in adulti più anziani per vedere se sarebbe migliorata la loro memoria durante la notte. "Può il sonno ad onde lente aiutare le persone a ricordare le loro vite e i ricordi migliori? E 'una possibilità eccitante ", ha dichiarato Bryce Mander, dottorato in psicologia all'Università di Berkeley e autore di questo recente studio. Mander e colleghi ricercatori hanno testato la memoria di 18 giovani adulti sani (per lo più tra i 20) e 15 adulti sani di età superiore (per lo più 70enni) dopo una notte di sonno intera. Prima di andare a letto, i partecipanti hanno imparato e sono stati testati su 120 set di parole che tassati i loro ricordi. Mentre dormiva, un macchina elettroencefalografica (EEG) misurava l'attività delle onde cerebrali. La mattina dopo, sono stati testati nuovamente le coppie di parole, ma questa volta, mentre in fase funzionali e strutturali la risonanza magnetica (fMRI) scansioni. Negli anziani, i risultati hanno mostrato un chiaro legame tra il grado di deterioramento cerebrale nel lobo medio frontale e la gravità della compromissione "attività ad onde lente", durante il sonno. In media, la qualità del loro sonno profondo è stata del 75 per cento inferiore a quello dei partecipanti più giovani, e la loro memoria delle coppie di parole il giorno dopo era il 55 per cento peggiore. Nel frattempo, nei giovani adulti, scansioni cerebrali hanno dimostrato che il sonno profondo aveva efficacemente contribuito a spostare le loro memorie dal deposito a breve termine dell'ippocampo alla conservazione a lungo termine della corteccia prefrontale. La ricerca è stata finanziata dal National Institute of Aging del National Institutes of Health.

Nessun commento:

Posta un commento