domenica 17 febbraio 2013

Nanocapsule con apoptin per la distruzione programmata di cellule tumorali



Gli scienziati della UCLA hanno sviluppato nanocapsule che attaccano le cellule tumorali senza danneggiare le cellule sane, fornendo ai ricercatori potenzialmente un nuovo modo per curare il cancro.                                                                                                                                                               Una capsula minuscola inventata in un laboratorio UCLA potrebbe attraverso un lungo cammino produrre un miglioramento nel trattamento del cancro.                                                                                                                       

E’ l'elaborazione di un metodo per il trattamento più preciso e meno invasivo dei tumori, che si deve ad un team guidato da ricercatori della UCLA Henry Samueli facoltà di Ingegneria e Scienze Applicate. Messo a punto un guscio degradabile su scala nanometrica per trasportare le proteine ​​alle cellule tumorali e bloccare la crescita dei tumori senza danneggiare le cellule sane.  In un nuovo studio, un gruppo guidato da Yi Tang, professore di ingegneria chimica e biomolecolare e membro del California Institute nanosistemi a UCLA, riporta lo sviluppo di piccole conchiglie, composte da un polimero idrosolubile che in modo sicuro fornisce un complesso proteico al nucleo delle cellule tumorali per indurre la loro morte.                                                              I gusci, di circa 100 nanometri sono circa la metà della dimensione del più piccolo batterio, e degradano in modo innocuo per le cellule non cancerose.  Il processo non presenta il rischio di mutazione genetica –ha detto Tang- che propone  la terapia genica per il cancro, o il rischio che si alterino cellule sane, come causa di chemioterapia, procedura che non discrimina effettivamente tra cellule sane e tumorali,.                                                                                                                                                                            "Questo approccio è potenzialmente un nuovo modo di trattare il cancro", ha detto Tang. "E 'un problema  fornire la proteina se non usiamo questo veicolo. Questo è un modo unico per  trattare le cellule tumorali e lasciare inalterate le cellule sane. "                                                                                                                         La cellula-distruzione, apoptin, è un complesso proteico derivato da un virus dell'anemia nei volatili.  Questo carico di proteine ​​si accumula nel nucleo delle cellule tumorali e  manda segnali alla cellula per sottoporsi ad una autodistruzione programmata.                                                                                                                            I gusci polimerici sono sviluppati in condizioni moderatamente fisiologiche in modo da non alterare la struttura chimica delle proteine , conservando la loro efficacia sulle cellule tumorali. I test condotti su linee di cellule umane di cancro al seno nei topi di laboratorio hanno mostrato una significativa riduzione nella crescita dei tumori.                                                                                                                                                 "La realizzazione di un grande complesso proteico come apoptin che penetra nel vano più interno delle cellule tumorali è stata una sfida, ma la strategia reversibile con l’ incapsulamento nel polimero è stata molto efficace nel proteggere e scortare il carico nella sua forma funzionale", ha detto Zhao Muxun, principale autore assieme ad uno studente laureato in ingegneria chimica e biomolecolare alla UCLA.                                                                                                                                                  Il Gruppo Tang continua a ricercare modi per ottenere una maggiore precisione nel  targeting dei tumori, prolungando il tempo di circolazione delle capsule e la consegna di altre proteine altamente ricercate per distruggere le cellule tumorali. Il gruppo di ricerca comprendeva anche l'ex studente d’Ingegneria Gu Zhen, UCLA ora professore assistente nel dipartimento di ingegneria biomedica congiunta presso la University of North Carolina a Chapel Hill e North Carolina State University e University of Southern California  con altri ricercatori tra cui lo studente laureato Biliang Hu, post-dottorato studioso Kye-Il Joo e professore associato Pin Wang. Il documento sarà anche pubblicato in una edizione cartacea .Ricerca finanziata dal David e Lucille Packard Foundation e borsa di ricerca  per il cancro al seno nell’ambito del Programma dal Congresso Regia Medical Research.Pubblicazione: Muxun Zhao " Le nanocapsule polimeriche degradabili sviluppano un efficiente immissione intracellulare di un complesso proteico, ad alto peso molecolare e tumore-selettivo. "
Fonte: Bill Kisliuk, UCLA 

Nessun commento:

Posta un commento