giovedì 11 aprile 2013

Difficile smaltire l'acqua radioattiva che si continua a produrre a Fukushima


(Maria Ferdinanda Piva )
Diventano ancor più gravi i guai legati all’acqua radioattiva della centrale nucleare di Fukushima, dove tre reattori andarono in meltdownin, come naturale seguito al terremoto e allo tsunami del marzo 2011: la realtà fu ammessa dai giapponesi col contagocce e con mesi ed anni di ritardo. Nel fine settimana la Tepco – l’azienda che gestisce la disgraziata centrale nucleare – ha ammesso una consistente perdita da due dei pozzi in cui viene stoccata l’acqua impiegata per raffreddare quel che resta dei reattori e che dopo l’uso diventa radioattiva. Oggi avverte: impossibile svuotare i pozzi bucati perchè non abbiamo serbatoi e non sapremmo dove mettere l’acqua. L’oceano è a due passi. Quale facile ed economica soluzione stanno implicitamente di nuovo suggerendo, secondo voi? Gestendo la catastrofe di Fukushima si è – diciamo – prodotta un’enorme quantità di acqua radioattiva, che viene stoccata in un’altrettanto enorme quantità di serbatoi e pozzi attorno all’impianto. Teoricamente sono ermetici .In pratica le cose non sempre vanno come dovrebbero. In particolare nel fine settimana è emerso che da due dei pozzi, seppur rivestiti internamente ed impermeabilizzati, sono filtrati nel terreno circa 12-13.000 metri cubi di acqua con una radioattività pari a 290.000 becquerel per centimetro cubo. I 13.000 metri cubi costituiscono un volume pari a circa 45 appartamenti di medie dimensioni. Cito: La radioattività è tutt’altro che trascurabile: nel caso il contaminante principale fosse Cesio, 1 m³ di quest’acqua alla distanza di 1 m per il tempo di un’ora fornirebbe una dose equivalente di circa 20 mSv; per i lavoratori del settore nucleare il limite di esposizione è di 100 mSv ogni cinque anni. Comunque poco fa la Tepco ha fatto sapere che non può svuotare i pozzi colabrodo perchè non saprebbe dove mettere l’acqua. Già in passato l’acqua contaminata di Fukushima fu scaricata deliberatamente nell’oceano Pacifico.
(Reuters) - La società che gestisce gli impianti nucleare giapponesi distrutti dallo tsunami di due anni fa ha detto in questi giorni che sta perdendo la fiducia nel box di stoccaggio temporaneo di acqua radioattiva - ma non ha un altro posto dove metterla.                                                                                 Tokyo Electric Power Co (Tepco) ha detto di aver trovato una nuova perdita  in uno dei pozzi della centrale di Fukushima Daiichi. Tre su sette delle vasche di stoccaggio hanno ora perdite, aggravando le difficoltà di pulizia dopo la peggiore crisi nucleare del mondo in 25 anni.                                  "Non possiamo negare il fatto,- ha detto Masayuki Ono direttore generale della Tepco- in una conferenza stampa frettolosamente organizzata che la nostra fiducia nei serbatoi subacquei si sta perdendo “. "Non possiamo spostare tutta l'acqua contaminata a terra sopra (serbatoi), se scegliamo di non utilizzare i serbatoi sotterranei - ha aggiunto Ono- non c'è abbastanza capacità e abbiamo bisogno di utilizzare ciò che è disponibile."                                                                                                         Lo tsunami che si schiantò contro il reattore della centrale a nord di Tokyo l’ 11 marzo 2011, causando il meltdown dei carburante delle aste, crolli in tre reattori,  contaminazione radioattiva dell'aria, mare e cibo, innesco’ l'evacuazione di 160.000 persone. La perdita fresca è stata trovata nella piscina n ° 1 di archiviazione in cui l'acqua contaminata dalla fuoriuscita del reattore n ° 2  è stata trasferita. Tepco ha bloccato il trasferimento dell'acqua contaminata. Ono ha detto  che Tepco non dispone di spazio sufficiente nei serbatoi, per cui dovrebbe essere necessario spostare l'acqua delle vasche di stoccaggio, che sono stati scavati in un terreno più elevato a distanza dai reattori danneggiati e rivestiti in materiale impermeabile.                                                                      L'azienda ha intensificato la costruzione delle vasche robuste, -ha detto.Tepco- e nell’ultimo fine settimana circa 120.000 litri (32.000 galloni) di acqua contaminata sono state trasferite a valle della  centrale n ° 2 al 3 box. Il sistema di raffreddamento si è rotto due volte nelle ultime settimane. Il governo nella persona del capo di gabinetto Yoshihide Suga ha incaricato Tepco di effettuare una recensione "fondamentale" dei problemi dello stabilimento, dicendo ai giornalisti  che il presidente di Tepco, Naomi Hirose, è stato convocato al ministero dell'Industria per spiegare le perdite e ha subito una pubblica lavata di capo da parte del ministro, Toshimitsu Motegi.                                                                                          Subito dopo l'esplosione della centrale, Tepco ha rilasciato notevoli quantità di acqua radioattiva in mare, provocando le proteste provenienti dai paesi limitrofi. Molte nazioni hanno messo  restrizioni sulle importazioni di cibo giapponese dopo il disastro. E 'stato il peggior incidente nucleare dopo il disastro di Chernobyl nel 1986.Il mese scorso, un alto dirigente Tepco ha detto che la società sta lottando per fermare le acque sotterranee che hanno inondato gli edifici dei reattori danneggiati e il problema può richiedere per essere risolto fino a quattro anni.
(Osamu Tsukimori, Risa Maeda e Mari Saito,)
Un immagine della centrale di Fukushima dopo
il disastro del terremoto e dello tsunami

Mappa delle distribuzione delle radiazioni nel
mare attorno a Fukushima

Nessun commento:

Posta un commento