venerdì 8 novembre 2013

La sonda Voyager 1 nello spazio interstellare


Uno studio pubblicato di recente ha confermato che Voyager 1 della NASA la quale da 36 anni ha lasciato il nostro sistema solare è entrata nello spazio interstellare .                                            Voyager 1della NASA è ufficialmente il primo oggetto costruito dall'uomo ad avventurarsi nello spazio interstellare. La sonda dopo 36 anni si trova a circa 19 miliardi km  dal nostro Sole. Dati nuovi e inaspettati indicano che Voyager 1 ha viaggiato per circa un anno con plasma o gas ionizzato, presente nello spazio tra le stelle. Voyager è in una regione di transizione immediatamente al di fuori della bolla solare, dove alcuni effetti del nostro Sole sono ancora evidenti. Una relazione sull'analisi di questi nuovi dati, sforzo guidato da Don Gurnett e il team scientifico “Onda di plasma” presso l’University of Iowa, Iowa City, è stata anche pubblicato. “Ora che abbiamo nuovi, dati chiave, -ha dichiarato Ed Stone, scienziato del progetto Voyager, presso il California Institute of Technology di Pasadena-, crediamo che questo sia lo storico salto del genere umano nello spazio interstellare. "Il team di Voyager richiede tempo per analizzare tali osservazioni e darne un senso. Ora possiamo rispondere alla domanda che tutti stavamo chiedendo - .’ Siamo arrivati ​​?' Sì . "Dopo decenni di esplorazione, Voyager 1 ha raggiunto un traguardo storico per l’umanità raggiungendo lo spazio interstellare .                                                   Come ha fatto il team a scoprire la sonda, aveva raggiunto lo spazio tra le stelle?                      Voyager 1 in primo luogo , nel 2004 ha rilevato l' aumento della pressione dello spazio interstellare sull’eliosfera , la bolla di particelle cariche che circondano il Sole che va ben oltre i pianeti esterni. Gli scienziati hanno poi allargato la loro ricerca per trovare prove sull’arrivo della nave nello spazio interstellare, conoscendo l' analisi e l'interpretazione dei dati che potrebbero richiedere mesi o anni. Voyager 1 non dispone di un sensore di plasma , così gli scienziati avevano bisogno di un modo diverso di misurare l'ambiente plasma dal veicolo spaziale per fare una determinazione definitiva della sua posizione. Un espulsione di massa coronale , o una massiccia raffica di vento solare e il campo magnetico, scoppiata sul Sole (marzo 2012) hanno fornito agli scienziati dati di cui avevano bisogno. Con questo dono inaspettato dal Sole alla fine siamo arrivati ​​presso la sede del Voyager 1, 13 mesi dopo, nell'aprile del 2013, quando il plasma attorno al veicolo spaziale vibrava come una corda di violino. Il 9 aprile , lo strumento onda di plasma della Voyager 1 ha rilevato il movimento . Le oscillazioni aiuteranno gli scienziati a determinare la densità del plasma . Le particolari oscillazioni significavano che la navicella era immersa nel plasma 40 volte più denso di quello che avevano incontrato nello strato esterno dell’eliosfera . Densità di questo genere è dunque prevedibile siano nello spazio interstellare .                                           La barra di scala è in unità astronomiche , con ogni distanza impostata di là da 1 UA che rappresenta 10 volte la distanza precedente. Una UA è la distanza dal Sole alla Terra , circa 93 milioni miglia o 150.000 mila km . Nettuno, il pianeta più lontano dal sole , è a circa 30 UA. Informale , il termine "sistema solare" è spesso usato per indicare lo spazio verso l' ultimo pianeta . Il consesso scientifico , dice che il sistema solare si spegne per la Nube di Oort , la fonte delle comete che oscillano dal nostro Sole su scale temporali lunghe . Oltre il bordo esterno della nube di Oort , la gravità di altre stelle comincia a dominare quella del Sole. Il bordo interno della parte principale della Nube di Oort potrebbe essere più vicino che 1.000 UA dal nostro Sole. Il bordo esterno è stimata in circa 100.000 UA.                                                   Voyager 1 della NASA, è il veicolo spaziale più lontano del genere umano , si trova a circa 125 UA. Gli scienziati credono che sia entrata nello spazio interstellare o lo spazio tra le stelle , il 25 agosto del 2012. Gran parte dello spazio interstellare è in realtà all'interno del nostro sistema solare . Ci vorranno circa 300 anni prima che Voyager 1 raggiunga il bordo interno della Nube di Oort e, eventualmente, circa 30.000 anni per volare di là da esso.Alpha Centauri è attualmente la stella più vicina al nostro sistema solare . Ma , a 40 mila anni , la Voyager 1 sarà più vicino alla stella AC +79 3888 rispetto al nostro Sole. AC +79 3888  in realtà viaggia veloce verso Voyager 1 anziché pensare che la navicella è in viaggio verso di essa.                   Il team scientifico Onda Plasma dopo aver rivisto i suoi dati, ha trovato una prima, più debole insieme di oscillazioni in ottobre e novembre del 2012. Attraverso l'estrapolazione di densità di plasma misurati da entrambi gli eventi , il team ha determinato che Voyager 1 sia entrato nello spazio interstellare nel mese di agosto 2012."Siamo letteralmente saltati quando abbiamo visto queste oscillazioni dei nostri dati, -ha detto Gurnett -  hanno dimostrato che la navicella era in una regione completamente nuova , paragonabile a quello che era prevista nello spazio interstellare , e totalmente diverso da quello nella bolla solare ". "Chiaramente avevamo attraversato l'eliopausa , confine a lungo ipotizzato tra il plasma solare e il plasma interstellare ".I nuovi dati di plasma hanno suggerito un calendario coerente con bruschi cambiamenti durevoli nella densità di particelle energetiche, rilevati prima il 25 agosto 2012. La squadra di Voyager accetta generalmente questa data come data di arrivo interstellare. Le particelle e le variazioni imputate al plasma erano quelle che sarebbero state previste durante una traversata dell'eliopausa. Neil de Grasse Tyson , Will Wheaton , il figlio di Carl Sagan e altri messaggi partiti dalla sonda Voyager 1 ." Il duro lavoro del team punta a costruire astronavi durevoli ",- ha detto Suzanne Dodd , Voyager project manager , presso il Jet Propulsion Laboratory della NASA , Pasadena , California- gestendo  attentamente le risorse limitate del veicolo spaziale Voyager pagato per la NASA e per  l'umanità . "Ci aspettiamo che i campi e gli strumenti scientifici che misurano le particelle sulla Voyager continueranno a mandare indietro i dati almeno fino al 2020. Non vediamo l'ora di vedere cosa gli strumenti Voyager ci mostrano prossimamente per lo spazio profondo .                                                                                                                                   "Voyager 1 e la sua gemella , Voyager 2 , sono state avviate 16 giorni a distanza l’una dall’altra nel 1977 . Entrambi le navicelle hanno volato anche nei paraggi da Giove e Saturno . Voyager 2 ha volato anche nei pressi di Urano e Nettuno . Voyager 2 , lanciato prima del Voyager 1 , è la nave spaziale che più a lungo ha operato continuamente . Si tratta di circa 15 miliardi chilometri di distanza dal nostro Sole. Responsabili della missione Voyager parlano o ricevono dati da Voyager 1 e Voyager 2 tutti i giorni , anche se i segnali emessi sono attualmente molto deboli , a circa 23 watt - la potenza di una lampadina frigorifero . Con il tempo i segnali che arriveranno a Terra , saranno una frazione di un miliardo di miliardesimo di watt . I dati provenienti dagli strumenti di Voyager 1 sono trasmessi alla Terra in genere a 160 bit al secondo , e vengono catturate da 34 stazioni di rete a 70 metri , secondo il programma NASA Deep Space . Viaggiando alla velocità della luce , un segnale da Voyager 1 impiega circa 17 ore per raggiungere la Terra . Dopo che i dati vengono trasmessi al JPL e trattati dalle squadre di scienziati, i dati Voyager sono resi disponibili al pubblico ."                            “Voyager è arrivato dove nessuna sonda è mai giunta prima, -ha dichiarato John Grunsfeld , amministratore associato della NASA- , segnando una delle conquiste tecnologiche più significative negli annali della storia della scienza , e l'aggiunta di un nuovo capitolo nei sogni scientifici umani e gli sforzi ". " Forse un po 'di futuro profondo gli esploratori dello spazio potranno recuperare, malgrado il ritardo con il Voyager , il nostro primo inviato interstellare , e rifletteranno su come questa intrepida navicella ha aiutato a consentire il loro viaggio . "Gli scienziati non sanno quando Voyager 1 raggiungerà la parte tranquilla di spazio interstellare dove non c'è alcuna influenza dal nostro Sole. Non sono certo quando Voyager 2 si prevede riesca ad attraversare nello spazio interstellare , ma crediamo che non è molto lontano .JPL ha costruito e gestisce il gemello Voyager veicolo spaziale. Il Voyager Interstellar Mission è una parte di Eliofisici Osservatorio Sistema della NASA , promosso dalla Divisione Heliophysics del Science Mission Directorate della NASA a Washington . Deep Space Network della NASA , gestito dal JPL , è una rete internazionale di antenne che supportano le missioni spaziali interplanetarie e le osservazioni di radioastronomia e radar per l'esplorazione del sistema solare e l'universo . La rete supporta anche le missioni in orbita terrestre selezionati .Il costo delle missioni Voyager 1 e Voyager 2 - tra cui il lancio, le operazioni di missione e le batterie nucleari del veicolo spaziale , sono stati forniti dal Dipartimento di Energia - è di circa 988 milioni dollari a settembre .                                                                                                                                                 Per un file audio delle oscillazioni rilevate da Voyager nello spazio interstellare , animazioni e altre informazioni, visitare il sito: http://www.nasa.gov/voyager; http://www.jpl.nasa.gov/interstellarvoyager/. Per l'immagine del segnale radio dal Voyager 1 che dal 21 febbraio dal National Radio Astronomy Observatory di Very Long Baseline Array, collega telescopi dalle Hawaii a St. Croix , visita : http://www.nrao.edu .

Nessun commento:

Posta un commento