martedì 5 novembre 2013

L'asteroide Don Chisciotte è in realtà una cometa




I dati dello Spitzer Space Telescope della NASA hanno aiutato gli astronomi a scoprire che il grande asteroide chiamato Don Chisciotte è in realtà una cometa. Da 30 anni, questo grande asteroide vicino alla Terra vagava, passando davanti agli occhi che scrutavano di scienziati armati di telescopi, mantenendo il suo segreto. L'oggetto, conosciuto come Don Chisciotte, il cui viaggio si estende p
Il telescopio Spitzer
er l'orbita di Giove, ora sembra essere una cometa.La scoperta è il risultato di un progetto coordinato da ricercatori della Northern Arizona University, Flagstaff, Arizona, utilizzando il telescopio spaziale
Spitzer della NASA. Attraverso molta attenzione focalizzata e un po’di fortuna, hanno trovato prove di attività come cometa, che aveva eluso il rilevamento per tre decenni. I risultati mostrano che Don Chisciotte non è, infatti, una cometa morta, come si riteneva, ma ha una debole chioma e la coda. In realtà, questo oggetto, il terzo più grande asteroide vicino alla Terra, con un'orbita irregolare, esteso, è " fradicio ", -ha detto David Trilling della Northern Arizona University-, con grandi depositi di anidride carbonica e presumibilmente ghiaccio d'acqua. Don Chisciotte ha circa 18 chilometri di lunghezza. “Questa scoperta di emissioni di anidride carbonica di Don Chisciotte ha richiesto la sensibilità e lunghezze d'onda infrarosse del telescopio Spitzer e non sarebbe mai stata possibile utilizzando solo telescopi a terra, - ha detto Michael Mommert -, che ha condotto la ricerca presso il Centro aerospaziale tedesco di Berlino, prima di muoversi alla Northern Arizona University. Questa scoperta implica che l'anidride carbonica e l’acqua ghiacciata potrebbe pure essere, presenti su altri asteroidi vicini alla Terra.                                                                                                                                                                                         Dunque Don Chisciotte è una cometa che esibisce una chioma e la coda, come si è visto in luce infrarossa dal telescopio spaziale Spitzer della NASA.                                                                                                 Dopo l' elaborazione d’immagini, la coda appare più evidente. Le implicazioni hanno meno a che fare,- ha detto Trilling- con un impatto potenziale, estremamente improbabile e in questo caso, di più con " le origini di acqua sulla Terra". Impatti con comete come Don Chisciotte nel tempo geologico possono essere state la fonte di almeno una sua parte. La quantità su Don Chisciotte rappresenta circa 100 miliardi di tonnellate di acqua - circa la stessa quantità che si può trovare in Lake Tahoe, California.  Mommert ha presentato i risultati alla Conferenza europea Spazio Planetario di Londra al Jet Propulsion Laboratory della NASA, Pasadena, in California e, gestisce la missione per Spitzer Science Mission Directorate della NASA, a Washington. Operazioni scientifiche sono condotte presso lo Spitzer Science Center al California Institute of Technology di Pasadena. I dati sono archiviati presso l'Infrared Science Archive ospitato presso il Processing Infrarossi e Analysis Center a Caltech. Caltech gestisce JPL per la NASA. Per ulteriori informazioni su Spitzer, visitare http://spitzer.caltech.edu e http://www.nasa.gov/spitzer.anidride carboni
La cometa Don Chisciotte
                                                               

Nessun commento:

Posta un commento