venerdì 20 dicembre 2013

Allungata nel tempo la missione Dawn su Vesta

Il gigantesco asteroide Vesta
Jia - Rui C. Cook , Jet Propulsion Laboratory di Pasadena
La missione NASA Dawn sta ricevendo 40 giorni in più per esplorare Vesta e gli scienziati prevedono di trarre il massimo da questo allungamento .                                                           Essi sperano di saperne di più su questo misterioso asteroide , estendendo le osservazioni alla corrente a bassa quota e alla mappatura dell’ orbita di Dawn oltre a costruire le migliori possibili mappe della composizione elementare di superficie di Vesta.                         PASADENA , California -  La missione Dawn della NASA ha ricevuto conferma ufficiale che 40 giorni in più sono stati aggiunti alla sua esplorazione del gigantesco asteroide Vesta , il secondo oggetto più massiccio nella fascia principale degli asteroidi . L'estensione della missione consente di continuare le osservazioni scientifiche a Vesta fino al 26 agosto , e ancora di arrivare al pianeta nano Cerere alla stessa scadenza originariamente prevista cioè a febbraio 2015." Stiamo sfruttando le nostre operazioni di successo a Vesta - ha detto Robert Mase , responsabile del progetto Alba al Jet Propulsion Laboratory della NASA - per fornire ancora più scoperte scientifiche per la NASA e per il mondo  ".                                       "Questo tempo extra ci permetterà di estendere la nostra ricerca scientifica e imparare di più su questo mondo misterioso . L'estensione non richiede alcun nuovo finanziamento , e si baserà su riserve finanziarie che sono stati accuratamente gestite dal progetto Dawn”.                La flessibilità prevista dall'uso della sonda di un efficiente sistema di propulsione ionica consente di mantenere inalterato il suo arrivo a Cerere,com’era originariamente previsto .L'estensione temporale permette osservazioni supplementari sulla corrente a bassa quota, la mappatura dell’orbita di Dawn ( altitudine media 210 km ) , che ora durerà fino al 1 ° maggio. Il tempo supplementare permette ai raggi gamma e ai rivelatore di neutroni di costruire le migliori possibili mappe sulla composizione elementare della superficie di Vesta e migliorare i dati per l'esperimento gravità  e, le due indagini scientifiche primarie presso l'orbita a bassa quota . La macchina fotografica della sonda e lo spettrometro stanno anche ottenendo ulteriori immagini ad alta risoluzione. Il tempo supplementare sarà speso nella pianificata mappatura dell’orbita secondo alta quota entro la fine dell'estate . Quando “Alba” arrivò a Vesta nel luglio 2011 , gran parte dell'emisfero settentrionale era in ombra . Col passare del tempo , più di quella zona si crogiolava al Sole.                                                                                                                                                           "Dawn ha trovato nuovi panorami  di Vestan, abbaglianti e -ha detto Christopher Russell , ricercatore principale di Dawn presso la UCLA- siamo felici di stare un po 'di più e imparare di più su questo mondo speciale . Con questa opportunità in orbita Vesta , vogliamo fare i migliori e più completi set di dati che possiamo. "



Nessun commento:

Posta un commento