mercoledì 16 luglio 2014

Microbi si nutrono di plastica abbandonata in mare sono inquinanti?

Scienziato SEA Education Association Greg Boyd detiene galleggianti di schiuma recuperati contenenti invertebrati e biofilm microbico. Questa nuova ricerca presentata presso l'Ocean Sciences Meeting scava più in profondità sulle comunità microbiche che vivono su detriti marini di plastica e il loro ruolo nell'ecosistema marino.



Gli scienziati stanno rivelando come i microbi che vivono su pezzi galleggianti di detriti marini plastica influenzano l'ecosistema marino, e il danno potenziale che rappresentano per gli invertebrati, gli esseri umani e altri animali. Una nuova ricerca scava più a fondo nel mondo in gran parte inesplorato del "Plastisphere" , comunità ecologica di organismi microbici che vivono sul mare di plastica scoperto l'anno scorso.Quando gli scienziati hanno inizialmente studiato la Plastisphere, hanno trovato che almeno 1.000 diversi tipi di microbi prosperano su queste piccole isole di plastica, e che potrebbero rappresentare un rischio per gli animali più grandi, tra invertebrati e gli esseri umani. Gli studi hanno inoltre dimostrato che gli abitanti del Plastisphere inclusi i batteri causano malattie negli animali e nell'uomo.Da allora, i ricercatori hanno cercato di capire perché questi batteri potenzialmente pericolosi vivono sulla Plastisphere, come ci sono arrivati ​​e come si stanno interessando dell'oceano circostante.Nuovi dati suggeriscono che questi "super-colonizzatori" formano ammassi rilevabili sulla plastica in pochi minuti. Altri risultati indicano che alcuni tipi di batteri nocivi si sviluppano sule materie plastiche più di altri. E, gli scienziati stanno esplorando se i pesci o altri animali dell'oceano possono aiutare questi agenti patogeni a prosperare ingerendo la plastica. "Questo permette ai batteri-ha detto Tracy Mincer,  scienziato associato alla Woods Hole Oceanographic Institution , Massachusetts-    di acquisire ulteriori sostanze nutritive che passano attraverso le viscere dei pesci." Queste informazioni potrebbe aiutare gli scienziati a capire meglio quanto è solo potenziale la minaccia  che questi batteri nocivi pongono e il ruolo che il Plastisphere svolge nel più ampio ecosistema marino, compreso il potenziale di alterare le sostanze nutritive nell'acqua. "Tali informazioni potrebbero anche contribuire a ridurre l'impatto dell'inquinamento plastica nel mare -ha detto ancora  Mincer -  per esempio, se i produttori di materie plastiche impareranno a fare prodotti in modo che degradano ad un ritmo ottimale. Uno dei vantaggi di intendere la Plastisphere in questo momento e come interagisce con il biota in generale, è che siamo meglio in grado di informare gli scienziati dei materiali su come rendere i materiali migliori e, se si diffondono  in mare, abbiano il minor impatto possibile - prosegue Mincer -, che ha scoperto il 'Plastisphere scorso anno insieme a Linda Amaral-Zettler del Marine Biological Laboratory (MBL) e Erik Zettler (Education Association SEA).La squadra Plastisphere  ha presentato l'ultima ricerca su queste comunità  all' Ocean Sciences Meeting 2014 , co-sponsorizzato dalla Associazione per le Scienze di Limnologia e Oceanografia, The Oceanografia Society e l'American Geophysical Union. Altri risultati includono le scoperte su come la plastica vien colonizzata e come interagisce con gli altri organismi marini. Ulteriori rilievi mettono in luce le somiglianze e le differenze tra le comunità Plastisphere in luoghi diversi e su diversi tipi di plastica. Questa ricerca potrebbe aiutare gli scienziati a determinare l'età della plastica galleggiante nel mare, e  aiutarli a capire come si rompe in acqua.Si potrebbe anche potenzialmente aiutare a determinare -hanno detto  gli scienziati  - da dove i detriti di plastica sono venuti, e come la plastica e i microbi che vivono a bordo possano avere un impatto sugli organismi che entrano in contatto con loro ."È chiaro, -ha detto Amaral-Zettler -, che il Plastisphere ha sicuramente una funzione là fuori nell'oceano" e questi esperimenti cercano di quantificare quella che è."

Nessun commento:

Posta un commento