sabato 23 agosto 2014

Migliaia di specie di microbi vivono nei laghi antartici



Con un sistema di foratura attraverso mezzo miglio di ghiaccio un team di scienziati scopre la prima prova solida di vita in un lago subglaciale.


In profondità sotto il ghiaccio antartico, un antico lago pullula di forme di vita che si nutrono di gas imprigionati nei sedimenti. I campioni di acqua fredda dal lago Whillans, a 800 metri sotto la calotta polare antartica occidentale, mostrano che il corpo sepolto di acqua detiene quasi 4000 specie o gruppi di specie di microbi . «Sulla base del grado di variazione in una speciale sequenza genica del ribosoma, si stima che l’acqua contenga 3.931 specie o gruppi di specie che sfruttano metano e ammoniaca imprigionati nei sedimenti».  La superficie del lago è stato probabilmente l'ultima esposta nel tardo Pleistocene , 1 milione di anni fa al massimo. Da allora le sue acque hanno visto quasi nessuna luce solare e temperature medie intorno -63 gradi Fahrenheit. La scoperta conferma  che la vita trova il modo di sopravvivere in questi ambienti estremi. Aumentano dunque la possibilità che qualche forma di vita potrebbe essere viva in questo momento sulle lune ghiacciate di tutto il sistema solare, come la luna Europa di Giove. Il lago Whillans è una delle centinaia di laghi subglaciali che persistono in Antartide.I satelliti per primi hanno rivelato questi corpi nascosti di acqua  che risalgono a diverse centinaia di decenni fa. "Una questione in sospeso è - spiega Brent Christner, microbiologo alla Louisiana State University -  se l'ambiente alla base dello strato di ghiaccio è in realtà adatto alla  persistenza  della vita microbica" . Christner è componente del Whillans Ice flusso Subglacial Accesso Research Drilling ( WISSARD ), che estende le sue ricerche su una varietà di istituzioni in tutto il mondo e che comprende un esercito di scienziati e studenti. Dal 2009, l'equipaggio WISSARD ha cercato di capire come è la vita sotto il continente meridionale. Gli scienziati hanno cominciato a sospettare che i microbi possano vivere nel ventre di un ghiacciaio,quando  nel 1999 campioni prelevati dal più grande lago antartico, il lago Vostok, hanno rivelato tracce genetiche di microbi congelati a bordo della calotta di ghiaccio.Le tracce di batteri erano state trovate in campioni di ghiaccio di accrescimento formato dal congelamento dell'acqua del grande lago Vostok, prelevati, però, tramite un pozzo di perforazione contaminato dall'uso di un idrocarburo  Ma c'è una possibilità  per queste creature  anche scartando l'ipotesi  di fluidi di perforazione contaminati, e se essi rappresentano parte di una vita, la respirazione dell'ecosistema rimane ancora in discussione.I circa 200 laghi subglaciali finora conosciuti del polo Sud si trovano infatti non sopra, ma sotto i ghiacciai, ambienti estremi immersi nell’oscurità perenne e sottoposti a pressioni elevate, da millenni isolati dal contatto con l’atmosfera proprio dalla spessa calotta glaciale che li copre.  Un paio di rilevi sono stati fatti nel lago Whillans, sito  candidato per la ricerca di vita subglaciale. Si trova a solo circa mezzo miglio sotto la superficie, rispetto alla profondità di due miglia del lago Vostok. Il lago Whillans drena anche nel mare di Ross, in modo che tutti gli agenti inquinanti potenziali sarebbero poi lavati fuori, lasciando il lago relativamente incontaminato dopo la foratura.
Per non parlare del particolare che il lago è situato a soli 600 miglia dalla più vicina stazione di ricerca, cioè la squadra potrebbe guidare per arrivare al sito, piuttosto che volare. Nel 2013, il team WISSARD partì per l'ultimo viaggio d'indagine nel continente Antartico. Presso il sito, usarono uno speciale sistema di perforazione ad acqua calda per scavare nel ghiaccio. Abbinato al trapano che faceva la sua strada verso il basso, si scioglieva, filtrato, bollito, un ghiaccio glaciale pastorizzato e trattato istantaneamente con raggi UV, che poi veniva anche usato come fluido di perforazione sterile. "Sarebbe -ha detto in proposito Christner- come usare tranquillamente quasi fosse un acqua a gradazione farmaceutica".




Nessun commento:

Posta un commento