lunedì 29 settembre 2014

Insolite rocce sul suolo marziano(video: il rover Curiosity sul monte Sharp)


Marte ha perso molta della sua atmosfera nel corso del tempo. Che fine hanno fatto l'atmosfera  e l'acqua? La missione di caccia MAVEN cerca risposte che ci aiuteranno a capire quando e per quanto tempo Marte potrebbe avere avuto un ambiente che potrebbe aver sostenuto la vita microbica nel suo antico passato. Marte è un mondo desertico freddo. È metà del diametro della Terra ed ha la stessa quantità di terra asciutta. Come la Terra, Marte ha le stagioni, le calotte polari, vulcani, canyon e il tempo, ma la sua atmosfera è troppo sottile per esistere acqua liquida che si mantenga per molto tempo sulla sua superficie. Ci sono segni di antiche alluvioni su Marte, ma la prova per l’acqua ora esiste principalmente in qualche suolo ghiacciato e in nubi sottili. Come hanno fatto queste rocce marziane ad avere queste forma?
Come il robot rover Curiosity ha avvicinato le colline Pahrump su Marte, ha visto un interessante  paesaggio punteggiato da alcune rocce davvero insolite. In primo piano nella prima immagine mostra un roccia curiosamente rotonda grande circa due centimetri in tutto. Apparentemente una versione ingrandita di sferule numerose doppiate come i “mirtilli” trovati dal rover Opportunity su Marte nel 2004, ma rimane inspiegabile cosa abbia causato questa rotondità . Le possibilità includono o una frequente burattatura in acqua che scorre, che possa essere uno spruzzo di roccia fusa,residua di un'eruzione vulcanica, o un meccanismo di concrezione . L’immagine, scattata pochi giorni dopo,
dimostra un'altra struttura piccola ma insolita come forma . Come Curiosity rotola,cioè si muove nel suo modo strano intorno e sul monte Sharp, diversi strati del paesaggio saranno ripresi e studiati per capire meglio la storia antica della regione e per indagare se Marte una volta potrebbe avere ospitato la vita.
Questo aspetto sudovest visto dalla telecamera Mast (Mastcam)
sul Mars rover Curiosity della NASA mostra le "colline di Pahrump" affioramento e terreno circostante visto da una posizione di circa 20 metri a nord-ovest dell'affioramento. Come il rover Curiosity si stava avvicinando all'affioramento di roccia piatta chiamato Pahrump Hills, dove esso è attualmente in fase di perforazione ancora una volta, ha mappato un paio di caratteristiche più interessanti. Questi includono la "palla", una piccola rotonda sferica pietra, circa un cm o due in tutto, che ricorda le concrezioni "mirtillo" viste dal rover Opportunity in Meridiani. Nei Meridiani quelle concrezioni  erano dappertutto, però, mentre questa sembra essere da sola. Alle colline di Pahrump stessa, c'è anche una sporgenza verticale dispari a forma di roccia con rotondi "lobi" su di esso (più concrezioni?) nella stessa gamma di dimensioni, che si presenta come alcuni oggetti rotondi più attaccati insieme. Anche se piccola, la forma è decisamente bizzarra. A Pahrump Hills, ci sono anche insoliti piccoli ciuffi di materiale sulla superficie piatta che può essere in natura cristallina (?) a causa del loro aspetto a ramificazione.
Questa mappa
mostra il percorso guidato dalla NASA per il Mars rover Curiosity dalla posizione "Bradbury atterraggio" dove è atterrato nell'agosto 2012 , all'affioramento di "Colline di Pahrump" dove sta perforando nella parte più bassa del monte Sharp. Dalla baia di Yellowknife  alla base del monte Sharp, Curiosity ha percorso più di 8 chilometri in circa 15 mesi, con soste presso alcuni punti per ricerche scientifiche mirate. Le operazioni di missione adesso sono cambiate,passando da quelle automatiche a indagini sistematiche, strato dopo strato.  "Stiamo frenando ,- ha detto Jennifer Trosper (JPL), vice project manager di Curiosity- per studiare questa montagna incredibile. Curiosity ha volato centinaia di milioni di chilometri di fare questo".   Le tappe.                                                                                                                           Curiosity è arrivato il 19 settembre presso un affioramento chiamato "colline di Pahrump," una sezione dell'unità geologiche basale della montagna, chiamata formazione di Murray. Tre giorni dopo, il rover ha completato una procedura di "mini-trapano" con perforazione di un target selezionato, denominato "Colline di fiducia,"
per valutare l'idoneità di questa roccia bersaglio per la foratura. L'attività del mini-trapano nell’ultimo mese  ha determinato che la lastra di roccia in esame non era abbastanza stabile per la foratura completa di Colline fiducia. Quindi non ha superato  il test. La roccia è più morbida rispetto a qualsiasi dei precedenti tre obiettivi dove Curiosity ha raccolto un campione forando per l'analisi. Tra il test del mini-trapano e la raccolta del campione di perforazione, i ricercatori hanno usato strumenti su Curiosity e il braccio robotico per un ispezione ravvicinata di  parti geometricamente distintive sulla superficie della roccia vicina. Queste caratteristiche sulla formazione Murray sono accumuli di materiali resistenti. Si presentano sia come ammassi discreti a mo’ di dendriti
, dove le forme sono disposti in albero- come una ramificazione-. Indagando sulle forme e gli ingredienti chimici con queste caratteristiche, il team spera di ottenere informazioni circa la composizione possibile di fluidi in questa posizione marziana che si possano fare risalire, a molto tempo addietro. Il prossimo passo sarà di consegnare il campione di polvere di roccia in un sito esclusivo, collocato sul braccio del rover
. In questo sito, la consistenza della polvere può essere osservata per valutare se è sicura per ulteriore setacciatura, porzionatura e consegna a strumenti di laboratorio interni di Curiosity, senza che debbano provocare l’intasamento dell’hardware. Gli strumenti possono eseguire molti tipi di analisi per identificare la chimica e la mineralogia della roccia sorgente. Mars Science Project Laboratory della NASA utilizza Curiosity per valutare antichi ambienti abitabili e importanti cambiamenti nelle condizioni ambientali marziane.












Nessun commento:

Posta un commento