mercoledì 3 settembre 2014

La sonda News Horizons verso Plutone: le attese del mondo scientifico

Nettuno ripreso da  Voyager







La sonda New Horizons della NASA ha attraversato l'orbita di Nettuno e punta adesso verso  Plutone. Questa è la sua ultima traversata principale nella rotta per diventare la prima sonda a fare un incontro ravvicinato con il lontano Plutone, fissato esattamente il 14 luglio 2015. La sofisticata nave spaziale delle dimensioni di un pianoforte, lanciata nel gennaio 2006, ha raggiunto l'orbita di Nettuno - quasi 4,4 ​​miliardi di km. dalla Terra - in otto anni e otto mesi. Nuovi Orizzonti è una nuova pietra miliare "corrisponde al 25 ° anniversario dell'incontro storico di Plutone (NASA) con Nettuno il 25 agosto 1989. "E’ una coincidenza cosmica che collega una delle icone del passato, -ha dichiarato Jim Green, direttore della Planetary Science Division della NASA-, cioè di sonde esterne della NASA, esploratrici del sistema solare, con il nostro prossimo sistema esterno di esplorazione solare. Esattamente 25 anni fa per Nettuno, Voyager 2 ci ha consegnato il nostro 'primo' sguardo su un pianeta inesplorato. Ora sarà la volta di New Horizons 'a rivelare l'inesplorato Plutone e le sue lune nel minimo dettaglio la prossima estate sul suo percorso in vaste estensioni esterne del sistema solare. "

New Horizons,
La sonda New Horizons -immagine NASA
 
è ora a circa 4 miliardi di chilometri da Nettuno - quasi 27 volte la distanza tra la Terra e il nostro Sole - mentre attraversa l'orbita del pianeta gigante . Anche se il veicolo spaziale sarà molto più lontano dal pianeta come avvicinamento rispetto a Voyager 2, la fotocamera telescopica New Horizons  è stata già in grado di ottenere, il 10 luglio, alcuni "approcci" a lunga distanza di Nettuno. " Voyager 1 e 2 della NASA hanno esplorato tutta la zona centrale del sistema solare, dove orbitano i pianeti giganti ,- ha detto Alan Stern, New Horizons ricercatore Southwest Research Institute -, ora ci troviamo sulle spalle larghe di  un nuovo Voyager per esplorare il sistema Plutone, ancora più lontano e misterioso."             Diversi membri di alto livello del team scientifico New Horizons erano giovani membri del team scientifico di Voyager nel 1989. Molti ricordano come le immagini di avvicinamento del Voyager 2 a Nettuno e il suo pianeta di dimensioni come la luna Tritone, abbiano alimentato anticipazione sulle scoperte a venire. Essi condividono un simile, crescente eccitazione appena New Horizons inizierà il suo approccio a Plutone. "La sensazione 25 anni fa era diversa da quella che si respira adesso, perché stiamo andando a vedere Nettuno e Tritone da vicino per la prima volta,- ha detto Ralph McNutt (Johns Hopkins University Applied Physics Laboratory APL) -, che guida l’indagine energetica e delle particelle di New Horizons, servendosi della squadra analisi plasma del Voyager. Lo stesso sta accadendo per New Horizons. Anche questa estate, quando siamo ancora fuori e, le nostre telecamere possono avvistare solo Plutone e la sua luna più grande come punti, già sappiamo che siamo  incredibilmente avanti."                                                                                                                         La visita di Voyager al sistema di Nettuno ha rivelato caratteristiche inedite di Nettuno, come la Grande Macchia Scura, una tempesta enorme simile a, ma non così longeva, come  la Grande Macchia Rossa di Giove. Voyager inoltre, per la prima volta, ha catturato immagini chiare del sistema ad anello del gigante di ghiaccio, troppo debole per essere vista chiaramente dalla Terra. "Ci sono state sorprese per Nettuno e c'erano sorprese su Tritone,- ha dichiarato Ed Stone, progetto Voyager del California Institute of Technology di Pasadena- e sono sicuro che continueranno su Plutone." Molti ricercatori ritengono il primo sorvolo di Nettuno (1989) - incontro planetario finale di Voyager – avrebbe già offerto una anteprima di quello che verrà nella prossima estate. Gli scienziati suggeriscono che Tritone, con la sua superficie ghiacciata, terreno vario e cryovolcanoes, è un oggetto simile a Plutone che Nettuno ha attirato in orbita. Recentemente sono stati ristrutturati filmati di Voyager su Tritone e li hanno utilizzati per costruire la migliore mappa globale del colore di quella strana luna – ipotesi che ulteriormente stuzzica gli appetiti abbinata alla nuova indagine su  Plutone. "C'è un sacco di speculazioni sulla possibilità che Plutone sia simile a Tritone, -ha detto McNutt- e quindi questi approcci chiariranno meglio. E’ la più bella attesa di incontri come questi della prima-volta - non sappiamo esattamente quello che vedremo, ma sappiamo da decenni di esperienza nella esplorazione per la prima volta dei nuovi pianeti, che vi saranno molte sorprese." Simile alle osservazioni storiche di Voyager 1 e 2, New Horizons è anche un cammino verso potenziali scoperte nella fascia di Kuiper,  regione a forma di disco di oggetti ghiacciati oltre l'orbita di Nettuno, e di altri regni inesplorati del sistema solare esterno e oltre. "Nessun paese, -ha detto Stern- tranne gli Stati Uniti ha dimostrato la capacità di esplorare così lontano. Gli Stati Uniti hanno condotto l'esplorazione dei pianeti e dello spazio con una capacità che nessun'altra nazione possiede, e continua a farlo con New Horizons. Siamo incredibilmente orgogliosi che New Horizons rappresenti ancora una volta la nazione con la NASA che conquista un altro record con la  nuova, più lontana e capace esplorazione planetaria mediante veicoli spaziali. "                                                                                                           Voyager 1 e 2 sono stati lanciati 16 giorni a parte nel 1977, e i due veicoli spaziali hanno visitato a turno Giove, Saturno, Urano e Nettuno. Voyager 1 ora è l'oggetto costruito dall'uomo più distante, circa 19 miliardi chilometri di distanza dal Sole. Nel 2012, divenne il primo oggetto costruito dall'uomo ad avventurarsi nello spazio interstellare. Voyager 2, la più lunga nave spaziale in modo continuo, è a circa 15 miliardi chilometri di distanza dal nostro Sole. New Horizons è la prima missione nel programma New Frontiers della NASA. APL gestisce la missione per Science Mission Directorate della NASA presso il quartier generale della NASA. APL ha anche costruito e gestisce la sonda New Horizons.

La sonda Voyager sono state costruite e continuano ad essere gestiti dal Jet Propulsion Laboratory della NASA a Pasadena, in California. Le missioni Voyager sono parte dell'Osservatorio Eliofisici sistema della NASA, promosso dalla Divisione Heliophysics del Science Mission Directorate.


Nessun commento:

Posta un commento