domenica 5 ottobre 2014

I getti di vapore della cometa 67P ripresi dalla sonda Rosetta

La sonda Rosetta vede getti di vapore dal 'collo' della cometa 67P
3 OTTOBRE 2014 14:10
Alzarsi vicino e personale con una cometa ha certamente i suoi vantaggi, e questo è uno di loro. Orbitando attorno alla cometa 67P / Churyumov-Gerasimenko a una distanza di solo 26 chilometri, la sonda Rosetta dell'Agenzia Spaziale Europea ha ripreso diversi getti discreti di brillamento dal collo grumoso della cometa.

Come avviene la corsa delle comete attorno al sistema solare, le loro orbite li portano vicino al sole, dove il maggiore riscaldamento solare innesca ghiacci bloccati nella loro massa per liberare vapori. Nello spazio, congelati acqua e altre sostanze volatili
Getti vapore ed altri composti volatilizzati
non possono sciogliersi in un liquido, in modo che quando gelati riscaldano, essi girare direttamente da un solido (ghiaccio) ad un gas senza passare attraverso la fase liquida. Questo processo è noto come sublimazione.
E questo è ciò Rosetta sta vedendo in questa serie di quattro immagini riprese il 26 settembre - con riscaldamento solare, i suoi ghiacci stanno rapidamente sublimando, provocando una sabbiatura di gas ad alta velocità cucita con la polvere nello spazio.
In questo caso, i getti aree provengono dal collo di Churyumov-Gerasimenko, un restringimento del materiale che collega i due lobi della cometa.
FOTO: di Rosetta Lander Philae Snaps Mind-Blowing Comet Self  
Cometa sullo sfondo e lander Philae in selfie
 La cosa eccitante di testimoniare questo comportamento dinamico in un nucleo cometario è che questo vapore sino a quel momento bloccato in uno stato congelato fin dagli albori del nostro sistema solare. Le comete sono masse primordiali che agiscono come capsule del tempo - le loro composizioni chimiche sono un'istantanea dei nostri ambienti stellari di miliardi di anni fa.
Così Rosetta è una sorta di spazio archeologo robotico . Mentre la missione continua a studiare la cometa, si sta guadagnando di spingere uno sguardo alle origini del nostro sole e del suo sistema planetario,potenzialmente anche di aiutare a capire meglio dove e quali sono i mattoni chimici per l'origine della vita. E l'emozione continuerà a crescere mentre ci avviciniamo al 12 novembre, quando Rosetta rilascerà il suo piccolo lander Philae per atterrare sulla superficie della cometa, una prodezza mai tentata prima di ottenere ancora la possibilità di un analisi più intima con la cometa Churyumov-Gerasimenko.Per ulteriori informazioni su questa osservazione e foto ad alta risoluzione, sfogliare il rilascio dell'immagine ESA.


Nessun commento:

Posta un commento