lunedì 27 ottobre 2014

Un "flare" recente del nostro Sole

Cliccare qui_ http://t.co/oKmzOu8rBY http://t.co/bd2hNPwD4V http://twitter.com/NASASunEarth/status/524215869912924160



Il sole emette una significativa eruzione solare, con un picco alle 01:01 del 19 ottobre 2014. Con quest' immagine catturata dalla NASA Solar Dynamics Observatory, struttura  sempre in attività per l' osservazione del sole, è stata rilevata l'immagine della manifestazione di questa particolare attività solare.Un brillamento solare è un'intensa ondata di radiazione proveniente dal rilascio di energia magnetica associata con le macchie solari. I " flares" sono i più grandi eventi esplosivi del nostro sistema solare. Sono visti come aree chiare sul sole e possono durare da minuti a ore. In genere vediamo una eruzione solare dai fotoni (o luce) che rilascia, al massimo e per ogni lunghezza d'onda dello spettro. I modi principali per monitorare queste grandi esplosioni  sono mediante la misura dei raggi X emessi e della luce ottica. I flares sono anche siti in cui le particelle (elettroni, protoni e particelle più pesanti) vengono accelerati. I brillamenti solari (flare) sono dunque potenti esplosioni di radiazioni. Radiazioni nocive da un flare non possono passare attraverso l'atmosfera terrestre e quindi influenzare fisicamente l'uomo a terra, ma - quando sono troppo intensi - possono arrivare a disturbare l'atmosfera nel livello in cui viaggiano i segnali GPS e le comunicazioni . 
Per vedere come ll'ultimobevento può influenzare la Terra, si può visitare il sito: Space Weather Prediction Center della NOAA a http://spaceweather.gov, fonte ufficiale del governo degli Stati Uniti per le previsioni meteo, avvisi dallo spazio, orologi e avvisi. 
Questo bagliore è stato classificato come un bagliore di classe X1.1. 
X-class indica i brillamenti più intensi, mentre il numero fornisce ulteriori informazioni sulla sua forza. Un X2 è due volte più intenso come X1, un X3 è tre volte più intenso, etc. 
Saranno tutti dati forniti in base alle esigenze degli aggiornamenti.Brillamenti solari sono esplosioni gigantesche sul sole che inviano energia, luce e particelle ad alta velocità nello spazio. Questi fenomeni sono spesso associati a tempeste magnetiche solari note come espulsioni di massa coronale (CME). Il numero di brillamenti solari aumenta approssimativamente ogni 11 anni, e il Sole si sta muovendo verso un altro "massimo solare", probabilmente dal 2013. Ciò significa che più fenomeni di questo tipo arriveranno, un po 'piccoli e un po' abbastanza grandi per inviare la loro radiazione fino a terra. 
I più grandi fenomeni sono conosciuti come "brillamenti di classe X" sulla base di un sistema di classificazione che divide i brillamenti solari in base alla loro forza. I più piccoli sono di classe A (vicino a livelli di fondo), seguito da B, C, M e X. Simile alla scala Richter per i terremoti, ogni lettera rappresenta un aumento di 10 volte della produzione di energia. Quindi una X è dieci volte una M e 100 volte al C. All'interno di ciascuna classe letterale c'è una scala più fine da 1 a 9. 
SOHO ha catturato  l'immagine di un brillamento solare di classe X28 nell' eruzione di martedì, 28 ottobre .
Lsonda  SOHO  (Solar and Heliospheric Observatory)  ha catturato questa immagine di un brillamento solare. Le Halloween,cioè  le tempeste solari avvenute nel 2003 hanno determinato un aurora rossa visibile sul Mt. Airy, Maryland. 


C-class e fenomeni di minore intensità sono troppo deboli per influenzare notevolmente la Terra. Brillamenti di classe M possono causare brevi blackout radiofonici ai poli e tempeste di radiazioni minori che potrebbero mettere in pericolo gli astronauti. 
E poi vengono i fenomeni di X-classe. Anche se X è l'ultima lettera, ci sono fenomeni di flares più di 10 volte la potenza di un X1, così i fenomeni inclusi nella X classe possono andare sopra il livello 9. Il brillamento più potente misurata con metodi moderni è stato nel 2003, durante l'ultimo massimo solare. E'stato così potente da sovraccaricare i sensori di misura di esso. I sensori tagliato a X28. 
I più grandi flares di X-classe sono di gran lunga le più grandi esplosioni del sistema solare e sono bellissime da guardare. Loops decine di volte le dimensioni della Terra balzano in questo caso, dalla superficie del sole quando i campi magnetici del sole si incrociano l'un l'altro e si ricollegano. Nei più grandi eventi, questo processo di riconnessione è in grado di produrre tanta energia quanto un miliardo di bombe all'idrogeno. 
Se sono dirette verso la Terra, tali  flares e CME associati possono creare tempeste di lunga durata di radiazioni che possono danneggiare i satelliti, sistemi di comunicazione e tecnologie anche le basi a terra e reti elettriche. Brillamenti X-classe il 5 dicembre ed il 6 dicembre 2006 ad esempio, hanno innescato una CME che interferiva con i segnali GPS inviati ai ricevitori a terra. 
NASA e NOAA - così come la US Air Force Meteo Agency (AFWA) e altri - mantengono una vigilanza costante sul sole per il monitoraggio di brillamenti X-classe e le tempeste magnetiche associate. Con l'avviso anticipato molti satelliti e veicoli spaziali possono essere protetti dagli effetti peggiori.


Nessun commento:

Posta un commento