lunedì 10 novembre 2014

La biomassa intestinale influenza lo stato di salute e determina malattie



Una nuova ricerca operata  dal  King College di Londra e dalla Cornell University, rivela  influenze del corredo genetico se le persone sono grasse o magre di sagomatura e, quali tipi di microbi prosperano nel nostro corpo, aprendo la strada a terapie di probiotici personalizzate, cioè ottimizzate per ridurre il rischio di malattie correlate all'obesità sulla base del make-up genetico di un individuo.Studiando coppie di gemelli presso il dipartimento di Twin Research, i ricercatori hanno identificato una specie poco conosciuta della famiglia batterica, altamente ereditabile e più comune nelle persone con basso peso corporeo. Questo microbo inoltre protegge contro l'aumento di peso quando viene trapiantato in topi.
I risultati, pubblicati sulla rivista Cell, potrebbero aprire la strada a terapie personalizzate probiotiche ottimizzate per ridurre il rischio di malattie correlate all'obesità a base di make-up genetico di un individuo.
Ricerche precedenti hanno collegato sia la variazione genetica e la composizione dei microbi intestinali di malattia metabolica e l'obesità. Nonostante questi effetti condivisi, si presumeva che il rapporto tra variazione genetica umana e la diversità dei microbi intestinali  fosse trascurabile.
Nello studio, finanziato dal National Institutes of Health (NIH), i ricercatori hanno sequenziato i geni dei microbi si trovano in più di 1.000 campioni di feci da 416 coppie di gemelli. Le abbondanze di specifici tipi di microbi sono stati trovate per essere più simili nei gemelli identici, che condividono il 100 per cento dei loro geni, che nei gemelli non identici, che condividono, in media, solo la metà dei geni che variano tra le persone. Questi risultati dimostrano che i geni influenzano la composizione dei microbi intestinali.
Il tipo di batteri la cui abbondanza è stato più fortemente influenzato dalla genetica dei padroni di casa era una famiglia di recente identificata, chiamata 'Christensenellaceae'. I membri di questa famiglia di batteri che promuovono la salute sono stati più abbondanti nei soggetti con peso corporeo basso che negli individui obesi. Inoltre, i topi che sono stati trattati con questo microbo hanno guadagnato meno peso rispetto ai topi non trattati, il che suggerisce che aumentando le quantità di questo microbo può aiutare a prevenire o ridurre l'obesità.
"I nostri risultati mostrano che i gruppi specifici di microbi -
ha dichiaratoTim Spector, direttore del dipartimento di Twin ricerca e Epidemiologia genetica al King College di Londra,- che vivono nel nostro intestino potrebbero essere protettivi contro l'obesità - e che la loro abbondanza è influenzata dai nostri geni". Il microbioma umano
rappresenta un nuovo obiettivo interessante per i cambiamenti nella dieta e dei trattamenti volti a combattere l'obesità.
" I Twins sono stati incredibilmente preziosi per scoprire questi collegamenti - ma ora vogliamo promuovere l'uso di test microbioma
più ampiamente nel Regno Unito attraverso il progetto britannico "intestino". Si tratta di un esperimento di crowd-sourcing che permette a chiunque con un interesse nella dieta e la salute di avere i loro microbi personali testati geneticamente, utilizzando un kit postale semplice e una piccola donazione tramite il nostro sito web (www.britishgut.org). Vogliamo che migliaia possano unirsi in modo che possiamo continuare a fare grandi scoperte sui legami tra il nostro intestino e la nostra salute '.
 "Fino ad ora, variazione delle abbondanze di microbi intestinali -ha detto Ruth Ley, professore associato alla Cornell University negli Stati Uniti,- è stata spiegata con la dieta, l'ambiente, stile di vita, e la salute. Questo è il primo studio che stabilisce con fermezza che alcuni tipi di microbi intestinali sono ereditari - e la loro variazione tra una popolazione è in parte dovuta ad ospitare la variazione del genotipo, non solo le influenze ambientali. Questi risultati potranno anche aiutarci a trovare nuovi predittori di malattie e la prevenzione di aiuto ".
Lo studio è stato sostenuto dal National Institute for Health Research (NIHR) Bioresource Clinical Research Facility e Biomedical Research Center con sede a Guy e St Thomas, 'NHS Foundation Trust e King College di Londra.

Nessun commento:

Posta un commento