lunedì 17 novembre 2014

Philae va in ibernazione



Il Lander di Rosetta ha completato la sua missione scientifica primaria dopo quasi 57 ore sulla cometa 67P / Churyumov-Gerasimenko.Dopo essere stato fuori di visibilità comunicazione con il lander dalle 09:58 ,venerdì, Rosetta ha riacquistato il contatto con Philae alle 22:19 di ieri sera. Il segnale è stato inizialmente intermittente, ma in modo rapido ed è rimasto molto buono fino 00:36 di questa mattina. In questo periodo di tempo, il lander ha restituito tutti i suoi dati di pulizia, così come i dati scientifici dagli strumenti mirati, tra cui Rolis, COSAC, Tolomeo, SD2 e CONSERT. Questa trafila ha completato le misure previste per l'ultimo blocco di esperimenti sulla superficie.

Prima panoramica comet
"E 'stato un enorme successo, tutta la squadra è felice,- ha dichiarato Stephan Ulamec, direttore lander presso il DLR Agenzia aerospaziale tedesca-, che ha monitorato i progressi di Philae da Space Operations Centre dell'ESA a Darmstadt, in Germania, questa settimana." Nonostante la serie pianificata di tre touchdown, tutti i nostri strumenti potrebbero essere gestiti e ora è il momento di vedere quello che abbiamo.Contro le probabilità - senza la possibilità di puntare la prua verso il basso e con il sistema automatizzato del lancio di arpioni che non ha lavorato - Philae è rimbalzato due volte dopo il suo primo touchdown sulla cometa, arrivando a riposare all'ombra di una rupe mercoledì 12 novembre alle 17:32 GMT (ora di cometa - ci vogliono più di 28 minuti perchè il segnale possa raggiungere la Terra, via Rosetta).

Strumenti di Philae
Inoltre, il corpo del modulo di atterraggio fu sollevato di circa 4 cm, ruotato di circa 35 °, nel tentativo di ricevere più energia solare. Ma, come gli ultimi dati scientifici alimentati sulla Terra, il potere di Philae si è rapidamente esaurito.La ricerca per il sito di atterraggio finale di Philae continua, con immagini ad alta risoluzione della sonda orbitale e la cometa continua ad essere attentamente esaminata. Nel frattempo, il lander ha restituito immagini inedite dei suoi dintorni.Mentre le immagini della discesa mostrano che la superficie della cometa è coperto da polvere e detriti che vanno dal millimetro a dimensioni di metri, le immagini panoramiche mostrano pareti strati di materiale di aspetto più duro . Le squadre scientifiche stanno ora studiando i loro dati per vedere se hanno preso a modello di tutto questo materiale con il trapano di Philae. "Noi speriamo ancora , -ha aggiunto Stephan- che in una fase successiva della missione, forse quando siamo più vicini al Sole, che potremmo avere abbastanza illuminazione solare per riattivare il lander e ristabilire la comunicazione". D'ora in poi, nessun contatto sarà possibile a meno che  una sufficiente luce solare ricada sui pannelli solari per generare energia sufficiente a svegliarlo. La possibilità che questo possa accadere nel corso della missione si è amplificato quando i responsabili della missione inviati i comandi per ruotare il corpo principale del lander con i suoi pannelli solari fissi. Questi movimenti  avrebbero dovuto esporre più superficie dei pannelli alla luce solare.

Traiettoria di Rosetta dopo 12 novembre
Si tornerà ad una orbita  di 20 km  il 6 dicembre e continuerà la sua missione per studiare il corpo in modo molto dettagliato, appena la cometa diventa più attiva, in rotta verso il suo incontro più vicino con il Sole il 13 agosto del prossimo anno.  
Nei prossimi mesi, Rosetta inizierà a volare in orbite più distanti "non legate", durante l'esecuzione ad una serie di passaggi ravvicinati audaci, passando vicino alla cometa, alcuni all'interno a soli 8 km del suo centro.
 Il prossimo slot di comunicazione possibile, inizia il 15 novembre a circa alle 10:00 .L'orbiter ascolterà un segnale, e continuerà a farlo ogni volta che la sua orbita lo porta in visibilità in linea di Philae,  allorchè verrà colpita dai raggi solari. Tuttavia, data la corrente di ricarica bassa proveniente dai pannelli solari in questo periodo, è improbabile che il contatto sarà ristabilito con il lander, in un prossimo futuro.Nel frattempo, l'orbiter Rosetta si è mossa di nuovo in un orbita  di 30 km attorno alla cometa. I dati raccolti dalla sonda orbitante permetteranno agli scienziati di guardare i cambiamenti  a breve e a lungo termine, che avvengono sulla cometa, contribuendo a rispondere ad alcune delle domande più grandi e più importanti per quanto riguarda la storia del nostro Sistema Solare. Come si sono formate e come si evolvono? Come funzionano le comete? Che ruolo hanno avuto le comete  e che svolgono nell'evoluzione dei pianeti, di acqua sulla Terra, e forse anche della vita sul nostro pianeta natale."I dati raccolti da Philae e Rosetta , -dice Matt Taylor, scienziato del progetto Rosetta dell'ESA- si apprestano a fare di questa missione un sorta di game-changer nel campo della scienza delle comete".Fred Jansen, responsabile della missione Rosetta dell'ESA, dice: "Alla fine di questa straordinaria settimana sulle montagne russe, ci guardiamo indietro su un  primo successo in assoluto : atterraggio morbido su una cometa. Questo è stato un momento davvero storico per l'ESA e i suoi partner. Ora non vediamo l'ora di molti più mesi di cambiamenti per il prosieguo dell' entusiasmante missione scientifica di Rosetta  e, eventualmente, un ritorno di Philae dalla modalità di sospensione a un certo punto nel tempo. "

Nessun commento:

Posta un commento