mercoledì 10 dicembre 2014

La strategia Trojan Horse di alcuni vermi parassiti

Un verme parassita


Secondo un recente studio,i parassiti usano sotterfugi del tipo Trojan horse per sopprimere l'immunità delle loro vittime quando provocando infezioni.

La scoperta, che mostra un nuovo trucco che i parassiti possono attuare, apre la strada a possibili trattamenti per le malattie infettive e le allergie.
Gli scienziati hanno dimostrato che i parassiti sono in grado di secernere piccole confezioni sigillate di materiale genetico all'interno delle cellule delle loro vittime, al fine di sopprimere la risposta immunitaria alle infezioni.
I pacchetti, noti come vescicole, imitano quelli che vengono prodotti naturalmente nella maggior parte degli organismi a svolgere le funzioni quotidiane, come il trasporto di nutrienti e messaggi chimici da e verso le cellule. Il parassita usa vescicole per nascondere il materiale all'interno di un esterno apparentemente amichevole, come se fosse un “cavallo di Troia”.
Lo studio, effettuato su un parassita trovato nei topi, ha mostrato che il materiale in pacchetti è in grado di interagire con i geni del topo. Si manipola il macchinario della cellula in grado di sopprimere i prodotti legati alla immunità, in modo da ridurre la resistenza alle infezioni.
I ricercatori dicono che la scoperta potrebbe informare le nuove strategie per il trattamento di malattie causate da vermi parassiti che colpiscono centinaia di milioni di persone e animali. I risultati offrono anche un possibile modo per curare le allergie, come la febbre da fieno, perché il meccanismo immunitario che i parassiti bloccano è legato anche a reazioni allergiche.
Il materiale genetico dei parassiti può essere rilevata anche nel sangue umano, suggerendo che questo potrebbe essere usato come un test per individuare l'infezione nelle persone.
Studi in corso stanno cercando se altri parassiti e virus utilizzano questa stessa strategia. Lo studio, è stato finanziato dal Wellcome Trust. Amy Buck, dell 'Università di Scuola di Scienze Biologiche, che ha guidato lo studio ad Edimburgo, ha dichiarato: "Siamo in grado di vedere per la prima volta che i parassiti possono utilizzare i pacchetti, nascondendo questo loro materiale, nelle cellule di altri organismi Ora possiamo sviluppare modalità per cogliere questo bersaglio con  evidenti implicazioni per miliardi di persone e animali a rischio di malattie infettive e di allergie. "


Nessun commento:

Posta un commento