mercoledì 17 dicembre 2014

Le staminali diventano killer di cellule tumorali


Pronte le prime cellule staminali umane capaci di ‘avvelenare’ i tumori: un gruppo di neuroscienziati di Harvard ha modificato il loro Dna in modo da farle diventare ‘fabbriche’ di tossine letali per le cellule tumorali.Queste staminali‘killer’, sono state sperimentate con successo nei topi per rimuovere resti di tumori cerebrali che non possono essere eliminati chirurgicamente e saranno pronte per test clinici entro 5 anni. L’idea di utilizzare tossine anti-cancro non è nuova, ha molti punti di forza ma non sempre funziona.“Sono state utilizzate con grande successo – ha spiegato Khalid Shah, responsabile dello studio – in molti tumori del sangue, ma non funzionano altrettanto bene contro i tumori solidi, perché questi tumori non sono facilmente raggiungibili e le tossine hanno una breve vita”.Per aggirare questi problemi i ricercatori statunitensi hanno messo a punto delle cellule staminali, ‘convertite’ in fabbriche di tossine, da posizionare vicinissimo alle cellule tumorali. Le ‘armi’ sono delle particolari molecole dette citotossine in grado di uccidere ogni tipo di cellula ma i ricercatori sono ora riusciti ‘personalizzare’ queste tossine in modo di colpire solo le cellule tumorali e non colpire le altre.
L’uso di staminali ‘modificate’ da piazzare nelle immediate vicinanze del tumore permette così alle tossine di raggiungere rapidamente il bersaglio in modo molto efficace. La tecnica è stata per ora testata solo su una tipologia di tumore e sui topi e i prossimi passi saranno quelli di sperimentare le staminali killer anche su altri tipi di cellule tumorali. Visti i buoni risultati ottenuti finora, i ricercatori si dicono convinti che la loro tecnica sarà pronta per i test clinici entro 5 anni.
Il successo del trattamento di tumori cerebrali rimane una delle più grandi sfide in oncologia. Il riconoscimento che i diversi tipi di cellule staminali, comprese le cellule staminali neurali possono integrare adeguatamente tutto il cervello dei mammiferi dopo il trapianto ha svelato nuove possibilità per il loro uso nel trapianto neurale. Il laboratorio di Khalid-Shah ha dimostrato che diversi tipi di cellule staminali sono utili per i siti di patologia cerebrale e quindi vengono armati con transgeni terapeutici, strategia che può essere utilizzata per inibire la crescita tumorale di angiogenesi o selettivamente indurre apoptosi in cellule proliferanti tumorali nel cervello.La ricerca contemporaneamente mira alla morte cellulare e ai percorsi di proliferazione, nel tentativo di sradicare gliomi utilizzando cellule staminali, ingegnerizzate terapeuticamente, con inibitori di microRNA e shRNAs. Sono stati progettati diversi tipi di cellule staminali (i) a secernere una proteina terapeutica, S-TRAIL (secreto Tumor necrosis factor receptor-apoptosi ligando induce) per indurre specificamente apoptosi nelle cellule tumorali e anti-angiogenico TSP-1 (trombospondina-1) per inibire l'angiogenesi tumorale. Queste cellule staminali vengono poi utilizzati per popolare tumori primari e i loro depositi micro-invasivi secondari nel cervello. Intrinsecamente legata al paradigma terapia dei tumori al cervello, si avvale di marcatori di imaging fluorescenti / bioluminescenti e tecniche di imaging ottico per monitorare le cellule staminali neurali, l' immagine dell' apoptosi e i cambiamenti di volume del tumore in tempo reale in vivo.E' stato esplorato anche l'uso di inibitori microRNA e target microRNA specifici per il tumore cerebrale e over-espresso in tumori cerebrali, in combinazione con le cellule staminali terapeutiche shRNAs,in grado di indirizzare specificamente le proteine ​​.


Khalid Shah , responsabile dello studio ha detto che funzionan in molti tumori del sangue, ma non funzionano altrettanto bene contro i tumori solidi, perché questi tumori non sono facilmente raggiungibili e le tossine hanno una breve vita”.


Il successo del trattamento di tumori cerebrali rimane una delle più grandi sfide in oncologia. Il riconoscimento che i diversi tipi di cellule staminali, comprese le cellule staminali neurali possono integrare adeguatamente tutto il cervello dei mammiferi dopo il trapianto ha svelato nuove possibilità per il loro uso nel trapianto neurale. Il laboratorio di Khalid-Shah ha dimostrato che diversi tipi di cellule staminali sono utili per i siti di patologia cerebrale e quindi verranno armati con transgeni terapeutici, una strategia che può essere utilizzato per inibire la crescita tumorale di angiogenesi o selettivamente indurre apoptosi in cellule proliferanti tumorali nel cervello.La ricerca contemporaneamente mira alla morte cellulare e ai percorsi di proliferazione, nel tentativo di sradicare gliomi utilizzando cellule staminali ingegnerizzate terapeuticamente, inibitori di microRNA e shRNAs. Sono stati progettati diversi tipi di cellule staminali (i) a secernere proteina terapeutica, S-TRAIL (secreto Tumor necrosis factor receptor-apoptosi ligando induce) per indurre specificamente apoptosi nelle cellule tumorali e anti-angiogenico TSP-1 (trombospondina-1) per inibire l'angiogenesi tumorale. Queste cellule staminali vengono poi utilizzati per popolare tumori primari e i loro depositi micro-invasivi secondari nel cervello. Intrinsecamente legata al paradigma terapia dei tumori al cervello, per le staminali killer ci si si avvale di marcatori di imaging fluorescenti / bioluminescenti e tecniche di imaging ottico per monitorare le cellule staminali neurali, l' immagine dell' apoptosi e i cambiamenti di volume del tumore in tempo reale in vivo.E' stato esplorato anche l'uso di inibitori microRNA e target microRNA specifici per il tumore cerebrale e over-espresso in tumori cerebrali, in combinazione con le cellule staminali terapeutiche shRNAs,in grado di indirizzare specificamente le proteine ​​.


Nessun commento:

Posta un commento