mercoledì 14 gennaio 2015

Immagini di Marte inviate dalla navicella Mom_lo sviluppo dell'attività spaziale indiana

"Vorrei sostenere che la più alta forma possibile di sicurezza nazionale, ben al di sopra con armi migliori e le bombe di tutti gli altri, ben al di sopra 'parlando a bassa voce e portando un grosso bastone, come il presidente Roosevelt ha suggerito, è la sicurezza che viene da essere una nazione che fa il genere di cose che fanno gli altri paesi vogliono unirsi a noi per fare loro. Se questo non è 'strategico', allora che cosa è? "Michael Griffin, l'ex amministratore della NASA. Il primo Mars Orbiter Missione India (MOM)spaziale
MOM
è decollato dalla costa orientale del Paese . Informalmente chiamato Mangalyaan (Marscraft), deve studiare la superficie e la composizione atmosferica nel pianeta Rosso e cercare segni di vita. Come parte del programma spaziale ,la  prima sonda interplanetaria indiana è una dichiarazione al mondo sulla capacità tecnologiche dell'India , con manodopera qualificata, e l'ingegneria a basso costo per l'esplorazione spazile che è un business ad alto costo . E vi è una economia di spazio in divenire. Va preso in considerazione che la missione Rs.450 crore (Rs 4.5 miliardi / 74 milioni dollari) viene eseguito in soli 15 mesi dopo che il governo l'ha approvato nel mese di agosto 2012. Il satellite è costruito da scienziati e ingegneri indiani. E 'stato lanciato dal suolo indiano, utilizzando un razzo indigeno e porta gli strumenti di produzione propria per leggere la biochimica del pianeta intrigante. Il 5 novembre è data anche significativa perché segna il giubileo d'argento della Polar Satellite Launch Vehicle (PSLV). La sonda, una volta lanciato a bordo della PSLV-C25 (PSLV XL), sarebbe andato intorno alla Terra per circa 25 giorni prima di intraprendere un viaggio di 300 giorni per l'orbita di Marte, che prevedeva di raggiungere nel mese di settembre 2014. L'orbiter di 1.350 kg
ORBITER DI MOM
sta portando cinque strumenti compatti, che studiano la morfologia, mineralogia e l'atmosfera marziana, -dice l'Indian Space Research Organisation (ISRO)- e in particolare, si cercheranno prove di metano, la cui presenza può indicare se il prossimo pianeta più vicino della Terra ha un ambiente per sostenere la vita. Aiuterebbe a colmare le lacune tecnologiche in esplorazioni interplanetarie. Questa odissea impressionante ha generato interesse enorme in tutto il mondo. Se finisce nel successo, India sarebbe uno delle poche;potenze spaziali di élite ad aver esplorato il pianeta, dopo l'ex Unione Sovietica, gli Stati Uniti e l'Europa. Per l'India, è stato un viaggio incredibile. Alla data di inizio del programma spaziale nel 1960, l'attenzione si è concentrata sulla "indipendenza della tecnologia" e piccoli razzi sono stati lanciati per studiare la ionosfera sopra l'equatore magnetico che passa sopra Thumba, nei pressi di Thiruvananthapuram. Ben presto il potenziale della tecnologia spaziale per prestazioni sociali è stato realizzato e da allora il programma spaziale è stato parte integrante del programma di sviluppo. Inoltre, il programma spaziale è in gran parte autosufficiente - una conseguenza dei "rifiuti tecnologici" da parte degli Stati Uniti e in Europa a seguito dei test nucleari del 1974 . E le capacità stabilite nel processo sono stati utilizzati in una serie di settori come la comunicazione, l'istruzione e la sanità. Circa 270 tecnologie sviluppate per il programma spaziale sono state trasferite alle industrie per applicazioni commerciali. Il presidente ISRO Koppillil Radhakrishnan, - dice- che alcuni dei risultati del MOM, ad esempio, l'autonomia nella costruzione che viene fornito a questo veicolo spaziale, può diventare una realtà come un prodotto o sistema ed essere utilizzato nei satelliti per migliorare la loro efficienza. "Questo percolato di applicazione, è il nostro principale obiettivo. Potrebbe essere qualcosa di simile a diversi cicloni di miglioramento in previsione. C'è sempre rilevanza per una missione come questa. Mentre il dibattito in corso in una democrazia come l'India vada spendendo milioni di dollari per aumentare la presenza nello spazio e la controversia sulla vita nel pianeta rosa andrà avanti, è un fatto che la nazione non può permettersi di ignorare lo spazio come una risorsa vitale. Spazio per l'India di oggi è "non solo una destinazione"; si tratta di un motore diventato fondamentale per la sua crescita economica, gli interessi strategici e  il modo di vivere. Già si parla in paesi come gli Stati Uniti e la Cina di costruire un'infrastruttura spaziale per eventuali basi o le colonie sulla Luna e su Marte. Si dice che, come le potenze navali di altri tempi che sono stati in grado di creare colonie in altri continenti, l'esplorazione o meglio la colonizzazione spaziale sarà un vantaggio per i paesi che hanno istituito questi programmi e le ricerche avrebbero vantaggio nell'essere attuate sulla Luna o su Marte."Radhakrishnan -dice- che prima esplorazione marziana del paese è destinato a intraprendere la ricerca di significato di un pianeta che potrebbe essere "forse un futuro habitat ... 20 o 30 anni da oggi." La maggior parte degli scienziati ritengono Marte abbastanza buono per gli esseri umani a stabilirsi ad un certo punto. UR Rao, eminente scienziato spaziale,  che ha guidato il programma spaziale del paese tra il 1984 e il 1994, è in discussione coi critici della missione. Proprio come con la missione lunare dell'India, Chandrayan-I, ha trovato molecole di acqua nel suolo lunare, la missione su Marte
Scorcio del suolo marziano
, dice, porterà ad alcune "importanti risultati".Altri credono i risultati di sviluppo tecnologico e di capacità strategiche possono essere applicati ad altri settori dell'economia, l'innovazione come attivazione, e aiutare l'economia dello spazio che è emergente. Susmita Mohanty, fondatore e CEO di Earth2Orbit, primo avviamento spaziale privato  dell'India, -dice- che le società indiane possono sfruttare l'impressionante portafoglio di prodotti e servizi spaziali che ISRO ha sviluppato nel corso di quattro decenni per servire i suoi bisogni, sfruttando il mercato dei servizi via satellite, e divenire competitive nel mercato globale. Questo, però, richiede l'India di rivedere la sua politica spaziale. Si richiede inoltre a ISRO di modificare la sua politica in materia di contratti, l'industria indiana a condividere i rischi e gli investimenti, e alle due di co-sviluppre e co-innovare, -aggiunge Mohanty-, designer di un'astronave che in precedenza ha lavorato nelle missioni Shuttle-Mir al Johnson Space Center della NASA in Houston. L'economia spaziale globale nel 2012 è stato 304.310 milioni dollari nei bilanci pubblici e dei ricavi commerciali. La maggior parte delle entrate proviene da una crescita commerciale - industrie di infrastrutture e di sostegno, di prodotti e servizi spaziali, dispositivi GPS e chipset e televisione DTH. Una missione Marziana di successo sarebbe anche un grande richiamo per la diplomazia spaziale indiana come sostanzioso avviamento. Nel corso degli anni, il programma spaziale indiano è diventato globale, condividendo la propria esperienza con gli altri paesi. E stato istituito il Centro per la Scienza e la Tecnologia Spaziale Istruzione in Asia e nel Pacifico, a Dehra Dun sotto il patrocinio delle Nazioni Unite. Krishnaswamy Kasturirangan, ex presidente ISRO, crede che la missione su Marte potrebbe portare a importanti collaborazioni internazionali e sfatare l'opinione che l'India è in competizione con la Cina. "Quando abbiamo qualche possibilità ci saranno persone che vogliono unirsi a noi", dice Radhakrishnan." Nel futuro immediato, ISRO lavorerà con la NASA per sviluppare un complesso apparato satellitare con i sistemi radar di frequenza doppia, prevista per il 2019-20. Il satellite sarà costruito e lanciato da ISRO.

Nessun commento:

Posta un commento