venerdì 3 aprile 2015

Controindicazioni pesanti per la cura con antibiotici



La maggior parte delle persone hanno preso un antibiotico per curare una infezione batterica.

Ora i ricercatori della University of North Carolina e l'Università di San Diego, La Jolla, rivelano che il nostro modo di pensare spesso gli antibiotici - come semplici macchine da guerra - deve essere rivisto. Elizabeth Shank, assistente professore di biologia nel UNC-Chapel Hill College of Arts and Sciences, nonché microbiologa e immunologa della Hill School of Medicine UNC-Chapel, e Rachel Bleich, studente laureato (UNC -Chapel Hill Eshelman), non solo aggiungono una nuova dimensione al modo in cui trattiamo le infezioni, ma che potrebbe cambiare la nostra comprensione del perché, in primo luogo, i batteri producono antibiotici."Per molto tempo abbiamo pensato -ha detto Shank-, che i batteri fanno antibiotici per le nostre stesse ragioni  - perché uccidono altri batteri."Tuttavia, è anche noto che gli antibiotici possono a volte avere fastidiosi effetti collaterali, come essere stimolanti nella formazione di biofilm.
Biofilm batterico
"Shank e il suo team hanno dimostrato che questo effetto collaterale - la produzione di biofilm - non è un effetto collaterale, suggerendo che i batteri possono evolversi per produrre antibiotici al fine di produrre biofilm e non solo per le loro capacità di uccisione. I biofilm sono comunità di batteri che si formano sulle superfici, un fenomeno che i dentisti di solito riferiscono come la placca. I biofilm sono ovunque. In molti casi, il biofilm può essere utile, ad esempio quando si proteggono le radici delle piante da patogeni. Ma possono anche nuocere, per esempio, quando si formano su cateteri medici o nei tubi di alimentazione dei pazienti, causando malattie. "Non è così sorprendente che molti batteri formano biofilm in risposta agli antibiotici: li aiutano a sopravvivere un attacco, ma si è sempre pensato che questo era una risposta allo stress generale, una sorta di non-specifico effetto collaterale di antibiotici. Adesso i risultati indicano che questo non è vero. Abbiamo scoperto un antibiotico che attiva in modo molto specifico la formazione di biofilm, e lo fa in un modo che non ha nulla a che fare con la sua capacità di uccidere." Ad esempio il batterio Bacillus cereus del terreno potrebbe stimolare il batterio Bacillus subtilis per formare un biofilm in risposta ad un segnale sconosciuto secreto. B . subtilis si trova nel suolo e nel tratto gastrointestinale di esseri umani. Utilizzando la spettrometria di massa , è stato successivamente individuato il composto di segnalazione che ha indotto la produzione di biofilm come thiocillin, un membro di una classe di antibiotici chiamati antibiotici tiazolil peptidici,  prodotti da una vasta gamma di batteri. Shank e i suoi colleghi quindi sapevano che thiocillin aveva due funzioni molto specifiche e diverse, e volevano sapere come funzionava. Hanno modificato la struttura di thiocillin , eliminando l'attività antibiotica di thiocillin, ma non fermando la produzione di biofilm."Questo suggerisce ,- dice Shank- che gli antibiotici possono indipendentemente e contemporaneamente indurre la formazione di biofilm potenzialmente pericolosi in altri batteri e che tali attività possono essere attivate agendo su specifiche vie di segnalazione ". Questo genera ulteriore discussione sull'evoluzione di attività antibiotica, e il fatto che alcuni antibiotici utilizzati terapeuticamente possono indurre la formazione di biofilm in modo forte e specifico, un problema che ha vaste implicazioni per la salute umana.

Nessun commento:

Posta un commento