giovedì 21 maggio 2015

La sonda Procyon e la missione Hayabusa 2 (discesa e ritorno da un asteroide)

La sonda Procione e la missione Hayabusa 2. 
Una sonda spaziale sperimentale dalle dimensioni di una valigia è stata lanciata con Hayabusa 2 missione del Giappone che non effettuerà un incontro con un asteroide all'inizio del prossimo anno, secondo gli scienziati giapponesi. La sonda Procyon
La sonda spaziale Procyon
è decollata il 3 dicembre del 2014, con il campionatore di asteroide della missione Hayabusa 2 “ritorno”, che mira a raccogliere campioni di roccia da un asteroide ricco di carbonio e poi tornare sulla Terra nel 2020. Gli scienziati dell'Università di Tokyo e della Japan Aerospace Exploration Agency hanno progettato il Procyon veicolo spaziale  di 65 chili, in grado di volare da un obiettivo diverso da quello di destinazione della Hayabusa 2, dimostrando che una sonda compatta può restituire preziosi, milioni di dati, da migliaia di chilometri di distanza dalla Terra .I funzionari hanno evidenziato un problema con il sistema di propulsione ionica della sonda Procyon, che ha smesso di funzionare a metà marzo, secondo un rapporto pubblicato dal Mainichi Shimbun, un importante quotidiano giapponese. A forma di cubo di circa 60 centimetri, di diametro, Procyon dove colpire con un passaggio ravvicinato un asteroide 2000 DP107
, un oggetto spaziale che attraversava la sua traiettoria a 800 metri, attraverso la luna con il suo piccolo. Ma la missione ha avuto problemi, e i controllori da terra hanno dovuto saltare una scadenza programmata, per recuperare motore a ioni della sonda prima della fine di aprile, quando era necessario a Procyon, per adeguare la sua traiettoria,in modo da potere raggiungere il prossimo anno l'asteroide che si trova a  120 milioni miglia dalla Terra. La manovra “spazio profondo” con il sistema di propulsione ionica aveva lo scopo di inviare la sonda verso la Terra per  conferirle un peso adeguato e quindi l’assistenza necessaria nel mese di dicembre. La gravità della Terra sarebbe stata allora una vera e propria fionda, che avrebbe proiettato la sonda verso il suo obiettivo nel mese di maggio 2016.
Schema di traiettoria del Procyon dopo il lancio nel mese di dicembre 2014.                   La figura mostra come la sonda doveva raggiungere un asteroide, nel gennaio 2016, prima che gli scienziati selezionassero l’obiettivo ufficiale della missione: un flyby nel mese di maggio 2016. 

Il Mainichi Shimbun, ha rivelato che polvere metallica è stata individuata all'interno del motore, che può anche avere un cortocircuito. I tentativi di rimuovere la polvere facendo girare la navicella non hanno avuto successo, secondo il rapporto di notizie più recenti. Il giornale ha detto che l'Università di Tokyo e JAXA hanno sviluppato per la missione Procyon,un investimento per 500.000.000 ¥ - circa 4,1 milioni dollari. Gli obiettivi della missione erano di dimostrare che piccoli veicoli spaziali,in possesso di tecnologie per l'esplorazione dello spazio profondo erano in grado di raccogliere immagini e altri dati durante un passaggio ravvicinato all'asteroide. L’Hayabusa missione 2 ( costo di 240.000.000 $ ) è sulla buona strada per raggiungere il suo obiettivo – l’asteroide 1999 JU3 - nel giugno del 2018 per un anno e mezzo di indagini, mappatura e un audace touch-and-go,cioè una discesa a prendere frammenti di roccia dalla sua superficie e ritorno . L'imbarcazione farà anche cadere un quartetto di lander per far rimbalzare attraverso l'asteroide per studiare meglio l'oggetto spaziale da vicino. Hayabusa 2 partirà dall'asteroide nel dicembre 2019 e tornerà sulla Terra nel mese di dicembre 2020, lasciando cadere una scatola metallica con i campioni attraverso l'atmosfera per un atterraggio, assistito da paracadute, in Australia.


Nessun commento:

Posta un commento