sabato 9 maggio 2015

Le api preferiscono il nettare con neonicotenoidi

Le api 'usano' in preferenza il nettare contenente pesticidi? Le api sono attratte da nettare contenente pesticidi comuni: gli scienziati della Newcastle University e Trinity College di Dublino l’hanno scoperto.Ne aumenta la probabilità di esposizione ad alti livelli di pesticidi.                                                                                    Le api
hanno mostrato una preferenza per il cibo che conteneva pesticidi. I neonicotinoidi  hanno come bersaglio gli stessi meccanismi nel cervello delle api che colpisce la nicotina nel cervello umano.Studi precedenti hanno suggerito che l'esposizione di questo genere può influenzare lo stato di salute delle api. Una recente ricerca, ha scoperto che bombi e api non potevano che gustare i tre pesticidi neonicotinoidi più comunemente utilizzati e quindi non evitarli. In realtà, le api hanno mostrato una preferenza per il cibo che conteneva i pesticidi: quando alle api è stata data  una scelta tra soluzioni di zucchero e zucchero liquido contenente neonicotinoidi, hanno scelto il cibo trattato con neonicotinoidi .Lo studio in laboratorio ha poi dimostrato che i bombi mangiano più del cibo che contiene pesticidi rispetto alle api, e così sono esposti a dosi più elevate di tossine. Le api e altri insetti impollinatori sono importanti per aumentare i raccolti - il loro valore è stato stimato per un valore di almeno € 153 bilioni all'anno, a livello globale. Quando avviene l’impollinazione dei raccolti, possono essere esposti a pesticidi sia il nettare floreale che il polline. Diversi studi hanno dimostrato che i controversi neonicotinoidi hanno effetti negativi sul foraggiamento dell’ape e la lo stato di salute della colonia. Di conseguenza, la preoccupazione pubblica è cresciuta negli impatto dei neonicotinoidi sulle api e altri impollinatori. In aprile 2013, l'UE ha introdotto un divieto temporaneo dell'uso di pesticidi neonicotinoidi sulle colture da fiore, mentre sono state raccolte ulteriori prove scientifiche e tecniche.  Geraldine Wright, scienziato di punta dello studio presso l'Istituto di Neuroscienze dell'Università di Newcastle, ha dichiarato: "Le api non possono assaggiare neonicotinoidi nel loro cibo e quindi non evitare questi pesticidi Questo li sta mettendo a rischio di avvelenamento quando mangiano nettari contaminati."Ancora peggio, ora c’è la prova che le api preferiscono mangiare cibi contaminati da pesticidi. I neonicotinoidi mira agli stessi meccanismi nel cervello delle api come colpisce la nicotina nel cervello umano. Il fatto che le api mostrano una preferenza per alimenti contenenti neonicotinoidi è relativo. L’ipotesi suggerisce che, come la nicotina, i neonicotinoidi possono agire come una droga per rendere gli alimenti contenenti tali sostanze più gratificanti. "Se le api bottinatrici preferiscono raccogliere nettare contenenti neonicotinoidi, questo potrebbe avere un impatto negativo a catena su intere colonie e sulle popolazioni di api. "                                                                                                                                                      Jane Stout, professoressa di botanica e principale investigatrice presso la Scuola di Scienze Naturali presso il Trinity College di Dublino, ha detto: "I nostri risultati implicano che, anche se fonti di cibo alternative sono previste per le api in paesaggi agricoli in cui vengono utilizzati pesticidi neonicotinoidi, le api preferiscono foraggi sulle colture contaminate da neonicotinoidi. Da neonicotinoidi possono anche finire in piante selvatiche che crescono adiacenti alle colture e, quindi potrebbero essere molto più diffusi nella dieta delle api maggiormente di quanto si pensasse. "                                                                                                                                                               Lo studio fa parte dell'iniziativa di insetti impollinatori, finanziato congiuntamente dalla Biotecnologia e Scienze Biologiche Research Council (BBSRC), Defra, il Natural Environment Research Council (NERC), il governo scozzese e il Wellcome Trust, sotto gli auspici del Living con l'ambiente Change (LWEC) partenariato. E 'stato anche finanziato dalla Science Foundation Ireland, il Consiglio della ricerca irlandese, e National Science Foundation.


Nessun commento:

Posta un commento