venerdì 22 maggio 2015

Maggiorni informazioni sul pianeta nano Cerere


Mappa di Cerere operata  da Dawn
Una visione proiettato di Cerere è stato creata da immagini prese da Dawn della NASA durante il suo primo approccio al pianeta “nano”, prima di essere catturato in orbita nel marzo 2015.

Una nuova mappa del pianeta nano Cerere,
Immagini di Cerere
è stata elaborata dalla sonda Alba della NASA  in orbita intorno ad esso dal mese di marzo, rivela la diversità della superficie di questo corpo planetario. Le differenze nella morfologia e nel colore attraverso la superficie suggeriscono che Cerere era una volta un corpo attivo, 
sono giunti a queste conclusioni i ricercatori  che lavorano utilizzando Alba .                                                                                                                                      "Questo pianeta nano non è stato solo una roccia inerte in tutta la sua storia. E ' stato attivo, con processi che hanno portato a formare materiali diversi nelle varie regioni. Stiamo cominciando a cogliere  la diversità in immagini a colori, -ha dichiarato Chris Russell, ricercatore principale per il missione Alba, all'Università della California. La missione Alba ha fatto la storia, il 6 marzo del 2015, è stato il primo veicolo spaziale a raggiungere un pianeta nano, e il primo veicolo spaziale ad orbitare su due bersagli extraterrestri. In precedenza, Alba aveva studiato il gigantesco asteroide Vesta (2011-2012), scoprendo l’attendibilità di numerose intuizioni sulla sua geologia e la sua storia. Mentre Vesta è un corpo asciutto, Cerere si sostiene che debba essere formato per il 25 per cento in massa da acqua ghiacciata. Confrontando Vesta e Cerere, gli scienziati sperano di ottenere una migliore comprensione della formazione del sistema solare. Le immagini, di visibile e all’ infrarosso di mappatura con lo spettrometro di Dawn (VIR), evidenziano due regioni su Cerere che contengono punti luminosi. La superficie di Cerere è fortemente cosparsa di crateri, come previsto, ma sembra avere un minor numero di grandi crateri com’era stato inizialmente previsto dagli scienziati. Essa ha anche un paio di punti vicini molto brillanti nel suo emisfero settentrionale. Più particolari emergeranno appena il veicolo spaziale inizierà la sua prima fase scientifica intensa a partire dal 23 aprile, da una distanza di 13,5 mila chilometri dalla superficie,- ha detto Martin Hoffmann, ricercatore del team fotocamera inquadratura di Alba, dell'Istituto Max Planck per ricerca sul sistema solare, Göttingen - lo spettrometro visibile e a mappatura d’infrarosso (VIR), uno spettrometro ad immagine che esamina Cerere in luce visibile e infrarossa, ha esaminato le relative temperature caratteristiche sulla superficie di Cerere. “L’esame preliminare suggerisce che diverse regioni luminose sulla superficie di Cerere si comportano in modo diverso,- ha detto Federico Tosi, ricercatore del team dello strumento VIR all'Istituto di Astrofisica Spaziale e Planetologia, e all'Istituto Nazionale di Astrofisica italiano, Rom- e sulla base di osservazioni da Hubble Space Telescope della NASA, gli scienziati planetari hanno identificato 10 regioni luminose sulla superficie di Cerere”.                                                                                         Un paio di punti luminosi, di gran lunga i più brillanti segni visibili sulla superficie di Cerere, sembrano  essere situati in una regione che è simile in temperatura al suo ambiente. Ma una caratteristica luminosa diversa corrisponde ad una regione che è più fresca rispetto al resto della superficie di Cerere.Le origini di punti luminosi su Cerere ,  hanno conquistato l'attenzione degli scienziati e il pubblico, ma rimangono tuttora sconosciute. Sembra che  la coppia più brillante si trova in un cratere di 92 chilometri di larghezza. Mentre la sonda Alba si è avvicinata alla superficie di Cerere, saranno disponibili immagini a migliore risoluzione.


Nessun commento:

Posta un commento