lunedì 31 agosto 2015

ELABORAZIONI DI ROSETTA SULLA COMETA 67/ P PIU'VICINA AL SOLE



Rosetta dell'ESA ha testimoniato come si comporta la cometa 67P / Churyumov-Gerasimenko mentre sta facendo il suo massimo avvicinamento al Sole. Il momento esatto del perielio si è verificato quando la cometa è rientrata nella distanza di  186 milioni di km dal Sole.
Le nuove immagini della cometa 67P / CG sono state scattate con fotocamera OSIRIS il 12 agosto 2015, poche ore prima che la cometa raggiungesse il perielio
Perielio della cometa 67/P
, circa 330 km
Nell'anno che è passato da quando è arrivata Rosetta, la cometa ha percorso circa 750 milioni di chilometri lungo la sua orbita verso il Sole, per cui la crescente radiazione solare riscalda il nucleo e provoca effetti  ai suoi gelidi liquidi surgelati, che quindi sfuggono come gas e flusso nello spazio ad una sempre maggior tasso . Questi gas e le particelle di polvere che trascinano, si accumulano nell'atmosfera della cometa - chioma - e la coda. L'attività raggiunge il suo picco intorno alla maggiore intensità del perielio e nelle settimane che seguono – com’è chiaramente visibile nelle immagini spettacolari restituite dal veicolo spaziale negli ultimi mesi. Un’immagine ripresa dalla telecamera di navigazione di Rosetta è stata acquisita, appena un'ora prima del momento del perielio, da una distanza di circa 327 km. Rosetta ha fatto pervenire anche un’immagine del fotogramma NAVCAM, unico pervenuto dalla cometa il 13 agosto 2015, appena un'ora prima del perielio. L'immagine è stata scattata intorno a 327 km dalla cometa.
 E’ stata elaborata per far risaltare i dettagli dell'attività della cometa. La fotocamera scientifica mentre sta prendendo immagini - e quella più recente disponibile è stata presa il 12 agosto-, solo poche ore prima del perielio. L'attività della cometa è chiaramente visibile nelle immagini, con una moltitudine di getti derivanti dal nucleo, compreso uno sfogo catturato da una bella immagine scattata. E’ anche pervenuta una sequenza d’immagini OSIRIS (telecamera ad angolo stretto) dal 12 agosto 2015, poche ore prima che la cometa  raggiungesse il perielio.  "L’attività rimarrà così alta per molte settimane, e, - dice Nicolas Altobelli, scienziato del progetto Rosetta- siamo certamente impazienti di vedere quanti più getti ed eventi sfogo cogliamo sul fatto, come abbiamo già assistito nelle ultime settimane. L'ambiente formato dalle polveri attorno alla cometa, fornisce un ambiente avvincente per il veicolo spaziale da analizzare, attraverso le immagini catturate il 6 luglio 2015, sempre con la fotocamera grandangolare OSIRIS. Le misure elaborate da Rosetta suggeriscono che la cometa è impegnata a vomitare fino a 300 kg di vapore acqueo - pressapoco l'equivalente di due vasche - ogni secondo. Questo è mille volte più di quanto osservato in questa circostanza, lo scorso anno, quando Rosetta per la prima volta si avvicinò alla cometa. Poi, si registra un tasso di deflusso di appena 300 g per secondo , equivalente a due piccoli bicchieri di acqua. Insieme con il gas, il nucleo si stima che debba essere impegnato nello spargimento fino a 1000 kg di polvere al secondo, creando condizioni di lavoro pericolose per Rosetta.                                                                                                          "Nei giorni scorsi, siamo stati costretti a muoverci ancora più lontano dalla cometa. Si lavora adesso a una distanza compresa tra 325 km e 340 km, - commenta Sylvain Lodiot, direttore delle operazioni veicoli spaziali ESA -, in una regione, dove gli star trackers di Rosetta possono operare senza essere confusi con i livelli di polvere eccessivi -  e senza  questa polvere funziona correttamente, anche se Rosetta non può posizionarsi nello spazio ". Sequenze d’immagini  ravvicinate mostrano un oggetto vicino a un masso di dimensioni al nucleo sempre riprese con la telecamera ad angolo stretto OSIRIS il 30 luglio 2015. Il monitoraggio del contesto in evoluzione della cometa in testa fino a, durante e dopo il perielio è uno degli obiettivi primari della scienza a lungo termine della missione. Nel corso degli ultimi mesi, le stagioni sulla cometa sono cambiate, gettando il suo emisfero sud in breve - circa 10 mesi – come se fosse estate dopo di più di cinque anni e mezzo nelle tenebre. Questo ha rivelato parti della superficie ,precedentemente espresse solo in ombra durante il soggiorno di Rosetta alla cometa, permettendo agli scienziati di riempire alcuni dei pezzi mancanti della sua carta regionale . Ora hanno identificato quattro nuove regioni geologiche sul sud di questo piccolo mondo, che comprende parti di entrambi i lobi delle comete, portando il numero totale di regioni a 23. I nomi delle nuove regioni seguono la convenzione di denominazione di divinità egizie e dee adottati per la cometa: Anhur, Khonsu, Sobek e Wosret. Nuove regioni sono state identificate nell'emisfero meridionale di 67P.La temperatura media della cometa è anche in aumento. Non molto tempo dopo il suo arrivo, la temperatura della superficie di circa -70 ° C venne registrata. Entro aprile-maggio 2015, questo era salito a solo pochi gradi sotto lo zero centigrado, e ora picchi di poche decine di gradi sopra lo zero sono previsti per il prossimo immediato futuro.

Nel frattempo, gli astronomi sulla Terra hanno seguito l'evoluzione della cometa da lontano. Rosetta è troppo vicino alla cometa per vedere la sua coda in crescita, ma le immagini raccolte nel corso degli ultimi mesi, con i telescopi in tutto il mondo dimostrano che si estende già più di 120 000 km. Un chioma , con una regione ad alta densità a notevole distanza dalla coda principale, è stato rivelata in varie immagini, tra cui alcuni presi la scorsa settimana dalla Gemini-Nord telescopio sul Mauna Kea, nelle Hawaii. Con immagini basate su osservazioni da terra della cometa prese dell'osservatorio Gemini nel corso dell'ultimo anno, è mostrata una versione ingrandita e migliorata, che rivela alcune asimmetrie nella coda della cometa. 
Interessante l’analisi della cometa 67P / CG in base ai dati OSIRIS. La mappa elaborata utilizza una proiezione cilindrica, con il piccolo lobo mostrato al centro della mappa e porzioni di grande lobo a sinistra e a destra. I punti blu si intendono possibili origini, sulla superficie della cometa, di alcuni dei getti polvere recentemente osservate da OSIRIS, mentre la linea gialla indica la linea sub-solare.  "La combinazione di questi punti di vista, -aggiunge Nicolas - cioè le grandi immagini da telescopi a terra con lo studio del primo piano di Rosetta dei singoli getti e scoppi ci aiuterà a capire i processi in atto sulla superficie della cometa mentre si avvicina al Sole. Puntiamo a tornare in molto più vicino dopo i sussidi di attività e di fare un sondaggio su com’è cambiata la cometa. Continuiamo inoltre a sperare che Philae sarà in grado di riprendere le sue attività scientifiche in superficie che ci daranno uno sguardo dettagliato alle modifiche eventualmente sopravvenute, verificando immediatamente tutto l’ambiente circostante, il sito di atterraggio.             "E 'interessante per raggiungere il traguardo del perielio, - dichiara infine, Patrick Martin, direttore osservazioni di Rosetta, missione dell'ESA- e non vediamo l'ora di registrare come quest’ incredibile cometa si comporta come ci si allontana dal Sole con essa per il prossimo anno."



Nessun commento:

Posta un commento