martedì 1 settembre 2015

Policheti marini si adattano rapidamente ad oceani ricchi di anidride carbonica

Gli organismi marini che vivono in acque acidificate hanno la tendenza a nutrire la prole in misura maggiore rispetto a quelle che vivono in condizioni più regolari.I ricercatori della Plymouth University hanno scoperto che vermi policheti situati intorno alle bocche vulcaniche nel Mediterraneo crescono e sviluppano le loro uova all'interno della protezione del nucleo familiare - a differenza di specie che li rilasciano nella colonna d'acqua, strettamente legate a se stessi. Per gli scienziati i risultati potrebbero fornire una panoramica importante su come gli organismi possano adeguarsi ai crescenti livelli di anidride carbonica in mare - e le conseguenze che potrebbero avere per il futuro della biodiversità. Il rapporto è basato su una ricerca a campo largo sull'isola di Ischia in Italia e in un laboratorio di lavoro, dove sono stati osservati gli schemi riproduttori di questi vermi in ambienti vicini. “Una delle più interessanti specie di vermi anellidi -ha detto Noelle Lucey, ricercatrice di Università di Plymouth Marine-, cresce qui in genere a circa tre centimetri di lunghezza e si trova sul fondo del mare. In precedenza si era pensato che il loro allevamento fosse innescato dalla luna piena, quando nuotano in superficie e rilasciano - o 'trasmettono' - le loro uova. I nostri studi presso le bocchette di CO2 al largo di Ischia hanno trovato qualcosa di molto diverso: le specie che vivono in prossimità delle bocche vulcaniche, in acque ricche di anidride carbonica, sembrano aver adattato alle condizioni più severe la produzione della loro prole ".                                                                                                       
Polichete che vive in acque acidificate
Si è scoperto che dodici delle tredici specie che avevano colonizzato l'area di sfogo proponevano caratteristiche da indagare, in particolare la produzione di un numero sempre più grandi di uova, di solito conservate in qualche forma di sacca protettiva. Dieci di queste specie erano in maggiore abbondanza attorno alle aperture che nelle aree ambientali che li circondano - alcuni con un rapporto alto come nove a uno. L'osservazione che i vermi meglio adattati, dominano nelle aree di ventilazione di CO
2 e, prove esistenti di adattamento fisiologico e genetico, hanno spinto i ricercatori a prendere esemplari adulti immaturi di Platynereiscon dumerilii e tentare di allevarli in laboratorio. Un maschio - preso dalla zona di controllo ambientale - e una femmina - dalla zona di sfiato - quasi immediatamente hanno cominciato a riprodursi. Invece del modello tipico di trasmissione, le uova prodotte erano cinque volte più grande rispetto alla media e sono state poste in una struttura tubolare complessa o sacchetto di covata. Avviando l'analisi genetica, è apparso chiaro che i vermi che vivevano dentro le bocchette di CO2 sono stati prodotti da una specie di fratelli di Platynereis massiliensis, un polichete che si è discostato da Platynereis dumerilii nel recente passato -a confermare che tutte le specie di policheti sono incubatrici di qualche tipo di cambiamento. .                   "Il nostro studio conferma l'idea che gli organismi marini si sono evoluti, -ha detto Piero Calosi (Università del Quebec) a Rimouski, in Canada – presentando caratteristiche nuove di covata, in risposta a stress ambientali, come l'acidificazione degli oceani.                                                             "Studi come questo- ha commentato Chiara Lombardi, ENEA, -soffermandosi sull’'ampiezza e l'importanza della ricerca, possono aiutare, notevolmente, a progredire sulla capacità di previsione, riguardo al destino della biodiversità marina, semplicemente in conformità a caratteristiche della specie, come ad esempio la loro strategia riproduttiva.                                                                               "Questo studio ci porta un passo più vicino alla comprensione -ha aggiunto Ms Lucey - sulle specie marine  che saranno più resistenti ai cambiamenti climatici. La ricerca aiuta a stabilire un principio fondamentale da utilizzare per guidare le decisioni sulla conservazione degli ecosistemi marini e aiutare a gestire meglio le attività di pesca e dell'acquacoltura ".


Nessun commento:

Posta un commento