giovedì 10 settembre 2015

Tre anni del rover Curiosity su Marte

Breve cronaca del lavoro realizzato, giorno dopo giorno, dal rover Curiosity.
di Lauren Edgar, geologo di ricerca presso l'USGS Astrogeology Science Center

L'unità in Sol 1093 è andata bene, e Curiosity si è spinto ~ 15 m verso Bridger Basin. Nel Sol 1094 il programma, sarà quello di avviare la macchina per ~ 30 m completando l’esplorazione nel bacino, come continuiamo a fare a modo nostro attraverso l'unità Stimson. Queste rocce mostrano un sacco di novità, come si vede con  Navcams
NavCams
,
nel Sol 1093. Il piano odierno è composto da attività combinata di Chem-Cam e Mast-Cam,
Mast-Cam
mediante osservazioni sul target "Whitewater" e "pesce bianco", due obiettivi che sono all'interno di una zona luminosa, sbiancata nei pressi di una frattura. Dopo un breve tragitto, si prenderà l'imaging post-drive standard per aiutare con il targeting nel piano dei giorni successivi. Il piano comprende anche un Chem-Cam RMI test di messa a fuoco automatica per valutare gli effetti della temperatura. Guardando al futuro, sarà poi elaborato un piano di attività nell’ambito di 4 sol, per prepararsi al lungo week-end!
Questo autoritratto a basso angolo del rover della NASA, Curiosity
Selfie di Curiosity su Marte
su Marte, mostra il veicolo al sito che ha raggiunto fino a perforare una roccia bersaglio chiamata "Buckskin" in basso a monte Sharp. Il selfie combina più immagini di componenti scattate da Mars mano Lens Imager (MAHLI) di Curiosity il 5 agosto 2015, durante il giorno marziano 1065, o sol, del lavoro del rover su Marte.
 Per informazione, le ruote del Rover sono 50 centimetri di diametro e circa 40 centimetri di larghezza. Questo punto di vista è una porzione di un panorama più ampio disponibile a http://mars.nasa.gov/multimedia/images/?ImageID=7437. Uno sguardo da vicino rivela un piccolo scoglio incastrato sulla ruota medio sinistra di Curiosity (a destra in questa testa vista -on). La roccia era stata vista in precedenza durante il monitoraggio periodico delle condizioni  della ruota circa tre settimane prima, con l'immagine raw di MAHLIhttp://mars.nasa.gov/msl/multimedia/raw/?rawid=1046MH0002640000400290E01_DXXX&s=1046. 
MAHLI
MAHLI
è montato alla fine del braccio robotico del rover. Per questo autoritratto, il team del rover ha posizionato la fotocamera più in basso rispetto al corpo rover che, per qualsiasi precedente pieno autoritratto, di Curiosity. Questo ha prodotto una visione che comprende la "pancia" del rover , come in un parziale autoritratto (http://mars.nasa.gov/multimedia/images/?ImageID=4655) preso circa cinque settimane dopo agosto 2012 ,quindi a seguito dell’atterraggio di Curiosity all'interno del “cratere Gale”  di Marte. Il selfie non comprende il braccio robotico del rover al di là di una parte del braccio tenuto quasi verticale dalla spalla. Con i movimenti del polso e le rotazioni della torretta utilizzate nel puntare la fotocamera per le immagini che lo compongono, il braccio è stato posizionato fuori del tiro nei fotogrammi o porzioni di telai utilizzati in questo mosaico. Questo processo è stato utilizzato in precedenza per l'acquisizione e il montaggio di autoritratti di Curiosity effettuati in punti di campionamento per la raccolta "Rocknest
Curiosity sulla roccia Rocknest
", 
"John Klein," Windjana "e" Mojave ".   MAHLI è stato costruito da Malin Space Science Systems di San Diego. Jet Propulsion Laboratorio della NASA, è una divisione del California Institute of Technology di Pasadena, gestisce il Mars Science Laboratory Progetto per la NASA Science Mission Directorate, (Washington). JPL ha progettato e costruito il rover del progetto Curiosity. Maggiori informazioni su Curiosity online all'indirizzo http://www.nasa.gov/msl 

Avvicinandosi il terzo anniversario del suo atterraggio su Marte, il rover marziano Curiosity della NASA ha trovato un obiettivo diverso da tutto ciò che ha studiato prima - una roccia con sorprendentemente alti livelli di silice. La silice è un composto che forma le rocce contenenti silicio e ossigeno e, si trova, comunemente sulla Terra come quarzo. Questa zona si trova a diversi soli di distanza in discesa da una zona di contatto geologico che  il rover ha studiato vicino "Marias Pass" in basso al monte Sharp. Infatti, il team ha deciso il backup del rover Curiosity a 46 metri dalla zona di contatto geologica, per indagare l'obiettivo ad alta concentrazione di silice, soprannominato "Alce". La decisione è stata presa una volta che sono stati analizzati i dati di due strumenti, il laser-firing Chemistry & Camera (ChemCam)
Chem-Cam
e Dynamic Albedo di neutroni (DAN), che mostrano, rispettivamente elevate quantità di silicio e idrogeno. Alti livelli di silice nella roccia potrebbero indicare le condizioni ideali per la conservazione di un antico materiale organico, se presente, ragione per cui il team scientifico vuole dare un'occhiata più da vicino."Non si sa mai cosa aspettarsi su Marte, - ha detto Roger Wiens, ricercatore principale dello strumento ChemCam del Los Alamos National Laboratory (New Mexico),- ma l'obiettivo di Elk era abbastanza interessante per tornare indietro e indagare". ChemCam sta arrivando al suo obiettivo 1000, avendo già licenziato con il suo laser più di 260.000 prospezioni dal rover Curiosity atterrato su Marte il 6 ago 2012, tempo universale (sera del 5 agosto, ora del Pacifico).Come altre notizie, venne avviato , il 18 luglio, un test di ingegneria sul trapano campionatore del rover . Il test venne sollecitato dall’analisi dei cortocircuiti intermittenti, nel meccanismo di percussione del trapano, in preparazione per l'uso del trapano nella zona in cui il rover ha lavorato negli ultimi due mesi . L'ultimo test non ha comportato alcun cortocircuito e, quindi  il team ha in programma di continuare con più test, effettuati sugli stessi obiettivi scientifici. Inizialmente Curiosity ha iniziato a studiare ulteriormente l'area ad alta concentrazione di silice, dopo che si era occupato di scrutare la zona di contatto geologico, vicino Marias Pass, dove una roccia fangosa pallida incontra una roccia arenaria scura."Abbiamo trovato un affioramento di nome Missoula dove i due tipi di roccia si sono riuniti, ma era piuttosto piccolo e in prossimità del suolo. Abbiamo usato allora -ha dichiarato Ashwin Vasavada, scienziato del progetto della missione al Jet Propulsion Laboratory -NASA – Pasadena (California) - il braccio robotico per acquisire una vista migliore con il campo visivo della fotocamera MAHLI, mettendo il naso proprio lì ". MAHLI è l'abbreviazione di Marte mano Lens Imager. Il rover aveva raggiunto questa zona dopo una ripida salita fino a 6 metri sulla collina. Nella parte superiore della salita, lo strumento ChemCam  ha sparato il suo laser sul bersaglio Elk, e ha preso una lettura spettrale della sua composizione.                                                   "ChemCam si comporta , -ha detto Wiens - come gli occhi e le orecchie del rover per oggetti vicini". Il rover era andato avanti prima che i dati Elk fossero analizzati, così è stata richiesta un'inversione a U per ottenere più dati. Al suo ritorno, il rover è stato in grado di studiare un simile obiettivo ", Lamoose," da vicino con la macchina fotografica e il MAHLI montato sul braccio Alpha Particle X-Ray Spectrometer (APXS). Curiosity sta lavorando su Marte dagli inizi di agosto 2012. Ha raggiunto la base del monte Sharp lo scorso anno dopo aver fruttuosamente indagato sugli affioramenti più vicini al suo luogo di atterraggio e, poi, in seguito effettuando il trekking in montagna. L'obiettivo della missione principale è ora quello di esaminare gli strati in successione più elevati del monte Sharp.                                Il Dipartimento di Los Alamos National Laboratory ha sviluppato ChemCam in collaborazione con scienziati e ingegneri finanziati dall'agenzia spaziale nazionale francese.   L’agenzia spaziale russa ha fornito strumento DAN di Curiosity.                                                      
 Tre anni su Marte del rover marziano Curiosity















Nessun commento:

Posta un commento