New Horizons sonda della NASA ha selezionato la potenziale destinazione di un nuovo Flyby nella       Cintura di Kuiper 





La NASA ha scelto la potenziale prossima destinazione da visitare per la missione New Horizons dopo il suo storico  flyby (il 14 luglio) del sistema PlutoneLa destinazione è un piccolo oggetto della Cintura di Kuiper (KBO), noto come 2014 MU69 che orbita attorno quasi ad un miliardo di miglia, al di là di Plutone.
New Horizons è stato originariamente progettato per volare al di là del sistema di Plutone e di esplorare gli oggetti aggiuntivi della Cintura di KuiperLa sonda trasporta combustibile extra idrazina per un flyby  su KBOil suo sistema di comunicazione è stato progettato per lavorare da lontano,cioè al di là di Plutoneil suo sistema di alimentazione è progettato per funzionare per molti anni; ed i suoi strumenti scientifici sono stati progettati per operare con livelli di luce molto più bassi di quanto non si sperimenterà nel corso del  flyby a 2014 MU69 .

Questo nuovo obiettivo su KBO era uno dei due identificati come potenziali destinazioni e quello consigliato alla NASA dal team di New Horizons.Anche se la NASA ha selezionato 2.014 MU69 come destinazione, come parte del suo normale processo di revisione, l'agenzia effettuerà una valutazione dettagliata, prima  di approvare ufficialmente l'estensione della missione per condurre queste ricerche scientifiche aggiuntive. "Con la velocità di veicoli spaziali del tipo  New Horizon -ha detto John Grunsfeld, astronauta e capo della Mission Directorate della NASA Science -  adesso sta andando via da Plutone, fuori,  verso la  cintura di Kuiper e,  i dati dell' emozionante incontro con questo nuovo mondo verranno trasmessi sulla Terra, ma siamo alla ricerca verso l'esterno della prossima destinazione di questo intrepido esploratore . Mentre le discussioni se approvare questa nuova missione che estende il campo di esplorazione, che avrannoPT1, luogo nel contesto più ampio del portafoglio scienza planetaria, ci si attende che debba essere molto meno costosa rispetto alla missione primaria, garantendo comunque che fornirà dati scientifici nuovi ed entusiasmanti." Come tutte le missioni della NASA che hanno terminato il loro obiettivo principale, ma cercano di fare di più,in tema d'esplorazione, il team di New Horizons deve scrivere una proposta per l'agenzia che consenta di finanziare una missione nella KBO. Tale proposta - in scadenza nel 2016 - sarà valutata da un gruppo indipendente di esperti prima che la NASA decida di dare il via libera. La selezione del target all'inizio era importante; la squadra ha bisogno di dirigere New Horizons verso l'oggetto entro quest'anno,in quanto al fine di eseguire qualsiasi missione aggiuntiva occorre  possedere margini utili, col carburante. New Horizons si è esibita in una serie di quattro manovre a fine ottobre e inizio novembre per impostare il suo percorso verso 2014 MU69 - soprannominato "PT1" (per "Potential Obiettivo 1") - che si prevede di raggiungere il 1 ° gennaio 2019. Eventuali ritardi da quelle date costerebbero spreco di prezioso carburante e aggiungerebbero rischio alla missione. "2014 MU69 è una grande scelta, , ha detto Alan Stern, principal investigator per New Horizons (Southwest Research Institute o SwRI)- perché è proprio il tipo di antica roccia nella KBO, formatasi dove ora orbita , che il Decadal Survey ha deciso di sorvolare Inoltre, questo KBO  prevede l'utilizzo di una minore quantita di carburante per raggiungere altri obiettivi candidati, lasciando più combustibile per il flyby, per la scienza accessoria e, maggiori riserve di combustibile per la protezione contro gli imprevisti."
 L'Accademia Nazionale 2003 del Planetario Decadal Survey Science (Nuove frontiere del Sistema Solare") aveva raccomandato, vivamente, che la prima missione della fascia di Kuiper includesse oltre al flyby di Plutone, piccoli oggetti nella KBO, al fine di provare la diversità degli oggetti che vi erano in precedenza in questa inesplorata regione del sistema solare. L'identificazione di PT1
L'oggetto PT1 nella fascia di Kuiper
, che appartiene ad una 
classe completamente diversa classe di rocce del KBO ,rispetto a Plutone, potenzialmente, consente a New Horizons di soddisfare tali obiettivi.Ma trovare un bersaglio, flyby adatto, nella KBO  non era un compito facile. L'avvio della  ricerca  è iniziato nel 2011 con alcuni dei più grandi telescopi terrestri sulla Terra e, quindi il team di New Horizons ha trovato alcune decine di  oggetti nel KBO, ma nessuno era raggiungibile con l'alimentazione del carburante,attualmente disponibile a bordo della navicella. Il potente telescopio spaziale Hubble
Il telescopio Hubble
è venuto in soccorso nell' estate del 2014, scoprendo cinque oggetti, poi ridotti a due, all'interno della 
'traiettoria di volo' di New HorizonsSi stima che PT1
è poco meno di circa 45 chilometri in tutto; cioè più di 10 volte più grande e 1.000 volte più massiccio di tipiche comete , come quella che è ora in orbita nella missione Rosetta, ma solo circa 0,5-1 percento della dimensione e circa 1 / 10.000 della massa di PlutoneCome tale, PT1 viene pensato debba essere come i tanti mattoni dei pianeti presenti nella Cintura di Kuiper, come Plutone.
New Horizons Percorso
Percorso di New Horizons della NASA verso il suo prossimo potenziale bersaglio, la Fascia di Kuiper dell'oggetto 2014 MU69, soprannominato "PT1" (per "Target potenziale 1") da parte del team di New Horizons. La NASA deve approvare qualsiasi missione New Horizons estesa  e mirata ad esplorare un KBO.
Credits: NASA 
A differenza degli asteroidi, gli oggetti nella KBO sono stati riscaldati solo leggermente dal Sole, e rappresenterebbero un campione congelato ben conservato,  di ciò che il sistema solare esterno era nell'istante successivo alla nascita, datata a 4,6 miliardi di anni fa, dell'Universo. "E' tanto che possiamo imparare da  queste osservazioni,ravvicinate,di  veicoli spaziali -, ha detto John Spencer,membro del team scientifico New Horizons  ed anche di SwRI- che non saremo mai  in grado di apprendere dalla Terra, come ha dimostrato in modo spettacolare, il flyby di Plutone Le immagini dettagliate ed altri dati che New Horizons potrebbe ottenere da un flyby su questo oggetto nella KBO rivoluzioneranno la nostra comprensione della fascia di Kuiper e dei suoi oggetti."
La sonda New Horizons - attualmente si trova a 4,9 miliardi di chilometri dalla Terra- ed ha appena iniziato a trasmettere la maggior parte delle immagini e altri dati, memorizzati sui propri registratori digitali, dal suo storico incontro di luglio con il sistema di Plutone. La navicella è sana e funziona normalmente. New Horizons è parte del programma New Frontiers della NASA, gestito dal dell'agenzia Marshall Space Flight Center . Il Laboratorio di Fisica Johns Hopkins University Applied, ha progettato, costruito, e opera sulla sonda New Horizons, per gestire la missione per Science Mission Directorate della NASA. SwRI guida la missione scientifica, le operazioni di carico utile, e la pianificazione dell'attività scientifiche in questi "incontri".