mercoledì 18 novembre 2015

La sonda Cassini sta verificando gli sbuffi ghiacciati della luna Encelado di Saturno

Rappresentazione della sonda Cassini
Anelli di Saturno
La sonda Cassini della NASA è stata  impostata per volare direttamente attraverso un pennacchio di spray gelido proveniente da Encelado una delle lune di Saturno e, presto rivelerà nuovi dettagli su questa luna. Per  questo evento, la NASA ha tenuto una teleconferenza per discutere i piani e i risultati attesi.
La sonda Cassini della NASA ha puntato ad assaggiare il 28 ottobre un oceano extraterrestre e, ha volato direttamente attraverso un pennacchio di spray ghiacciato proveniente dalla luna di Saturno, Encelado. L'agenzia, nella teleconferenza stampa aveva discusso i piani di sorvolo e risultati scientifici attesi dallo storico flyby. Si partecipava alla conferenza, anche presentando domande attraverso i social media utilizzando l'hashtag # askNASA.
L’audio della manifestazione è in streaming in diretta sul sito della NASA, assieme ad accompagnamenti visivi.  La sonda ha fatto il suo massimo avvicinamento alla luna Encelado (in basso)
da un'altitudine di 49 chilometri, sopra la regione polare sud . L'incontro era per  tuffarsi attraverso il pennacchio di Encelado, e si prevede che Cassini fornirà dati preziosi sulle attività di un mare, in  mescolamento globale, sotto la superficie della Luna congelata.
Si spera che questo flyby di Cassini fornisca approfondimenti su quanta attività idrotermale è in corso all'interno di Encelado, e come la chimica di questa acqua calda potrebbe influire potenzialmente sull’abitabilità degli oceani per le semplici forme della vita. Se lo spettrometro di massa per la ricerca di ioni e di neutroni della sonda (INMS) rileverà idrogeno molecolare, mentre viaggia attraverso il pennacchio, si possono ottenere le misure necessarie per rispondere a queste domande. Ion e Neutral Mass Spectrometer (INMS) (in basso)
raccoglie dati per determinare la composizione e la struttura di ioni positivi e particelle neutre nell'atmosfera superiore di Titano e la magnetosfera di Saturno. Misura anche ioni positivi e gli ambienti neutri degli anelli di Saturno e le lune ghiacciate. E’ in grado di determinare la chimica, composizione elementare e isotopica dei componenti gassosi e volatili delle particelle neutre e degli ioni a bassa energia nell'atmosfera di Titano e la ionosfera, magnetosfera di Saturno, e l'ambiente dell’ anello.

"La conferma di idrogeno molecolare nel pennacchio ,- ha detto Hunter Waite, del team INMS guidato al Southwest Research Institute -San Antonio -, sarebbe una linea indipendente di prove che l'attività idrotermale si svolge nel mare di Encelado, ed esattamente sul fondo di questo mare. La quantità di idrogeno rivelerebbe quanta attività idrotermale sta avvenendo."
Utilizzando lo strumento cosmico di Cassini cioè l’analizzatore di polveri (CDA) (in basso)
, gli scienziati si aspettano che il flyby comporti una migliore comprensione della chimica del pennacchio. La bassa quota dell'incontro è, in parte, con lo scopo di aumentare l'accesso della nave spaziale tra le più pesanti e ,le più massicce molecole organiche , osservate dalla sonda durante un precedente sorvolo, cioè passando a maggiore altitudine attraverso il pennacchio. Lo strumento CDA,  è in grado di rilevare fino a 10.000 particelle al secondo dal pennacchio e, dovrebbe anche rivelare quanto materiale il pennacchio spruzza dal mare della luna nello spazio intorno a Saturno. Lo strumento in grado di rilevare l'impatto di minuscole particelle - 1 / 1.000 di un'ampia millimetro. Per comprendere la loro vera dimensione e consistenza, questa polvere cosmica può essere paragonata a vista per ghiacciate particelle di fumo di sigaro. In determinate condizioni, la Cosmic Dust Analyzer (CDA) a bordo della navicella può anche rilevare grani di polvere più piccoli chiamati nano-polveri. Una particella nano-polvere è un milionesimo di un millimetro. Le particelle questo piccoli hanno il minor numero di un milione di atomi, e sono anche più piccolo di un virus influenzale singolo. Il rilevamento di queste particelle da parte della Cosmic Dust Analyzer sarebbe equivalente al rilevamento di una goccia di pioggia che cade nel Golfo del Messico.
"Non c'è davvero spazio per l'ambiguità,- ha dichiarato Sascha Kempf, ricercatore della squadra CDA
presso l'Università del Colorado - i dati dovranno corrispondere a ciò che i nostri modelli ci dicono circa la velocità con cui il pennacchio sta producendo materiale, o il nostro concetto di come funziona il pennacchio, esigerà una rivisitazione."
Si spera anche che il flyby aiuti a risolvere il mistero del fatto che il pennacchio è composta da colonne simili, singoli getti o sinuose eruzioni continue di ghiaccio - o una combinazione di entrambi. Date le importanti implicazioni di queste osservazioni, per il futuro dell’astrobiologia, dovranno trascorrere parecchi mesi prima che siano presentati risultati dettagliati.
Cassini acquisirà immagini di Encelado
sia prima che dopo l'incontro. Nel momento di massimo avvicinamento, i campi di vista delle telecamere si trascineranno su tutta la superficie. Queste osservazioni sono attese per catturare alcune delle viste a più alta risoluzione mai pervenute del terreno sul polo sud di ghiaccio, illuminato dalla luce riflessa da Saturno. Il trattamento post-flyby sarà utilizzato per rimuovere quanto dovuto, a seguito del movimento della sonda durante l'esposizione al getto.
"Cassini è stata una macchina scoperta per più di un decennio, -ha detto Curt Niebur, scienziato del programma Cassini della NASA – e questo incredibile tuffo attraverso il pennacchio di Encelado è una straordinaria opportunità per la NASA e i suoi partner internazionali,che chiedono adesso alla missione Cassini: “Può un mondo con un gelido oceano ospitare gli ingredienti per la vita?"
L'ultimo dei tre passaggi ravvicinati finali di Cassini su questa luna ghiacciata, mirato stavolta ad una altitudine di 4.999 chilometri, il 19 dicembre, esaminerà quanto calore è venuto dall'interno della luna. Il flyby più vicino in assoluto su Encelado ha avuto luogo nell'ottobre 2008, ad un'altitudine di 25 chilometri. Cassini ha volato più vicino alla superficie ghiacciata della luna durante quell'incontro, ma è passata attraverso il pennacchio ad una quota molto più alta di quello che ha fatto durante questo flyby  del 28 ottobre 2015. La missione Cassini-Huygens è un progetto di cooperazione della NASA, l'ESA (Agenzia Spaziale Europea) e l'Agenzia Spaziale Italiana. 


Nessun commento:

Posta un commento