domenica 1 novembre 2015

Le oasi galleggianti che ripuliscono il canale Gowan a New York



Le “oasi” galleggianti che ripuliscono il canale
Un esperimento, avviato a New York  che potrebbe benissimo essere proposto anche sui nostri canali e sui nostri fiumi: strutture galleggianti dove far crescere piante  in grado di ripulire le acque inquinate.

Il Gowanus Canal
Recenti costruzioni attorno al Gowanus Canal
a New York City è noto per essere uno dei più inquinati degli Stati Uniti. Immaginate la sorpresa quando, alcune settimane fa, è apparsa un’oasi verde sulla superficie dell’acqua. Questo improbabile giardino è un bellissimo colpo d’occhio ma soprattutto sta ripulendo il corso d’acqua dai contaminanti. Il progetto si chiama GrowOnUs, è un esperimento che consta di “strutture galleggianti” che utilizzano un processo chiamato “fitorimedio” capace di rimuovere gli inquinanti. Oltre trenta tipi di piante differenti agiscono come delle spugne per purificare, desalinizzare e mitigare gli effetti delle sostanze chimiche sull’acqua del canale. Le piante vengono fatte crescere dentro a bidoni di metallo che vengono resi galleggianti tramite l’applicazione di materiali come fibra di cocco o bambù. La 
Balmori Associates, società di New York specializzata nella fabbricazione di infrastrutture ambientali sostenibili dal 1995, sta portando avanti il progetto GrowOnUs
Un altra oasi galleggiante sul Gowanus
dopo avere ricevuto un contributo premio per l’idea dalla Cornelia & Michael Bessie Foundation.
Secondo Diana Balmori, erano già stati fatti tre tentativi per arrivare ad un mix di piante che fossero in grado di purificare l’acqua, ma l’inquinamento si era rivelato eccessivo. Ora invece si è giunti ad utilizzare vegetali che raggiungono lo scopo. L’intento è quello di rendere Grow OnUs un progetto pilota da estendere non solo alla città ma anche altrove, per favorire il recupero dei corsi d’acqua e di tutta la fauna e la flora che vi potrebbe crescere e vivere. Questo procedimento potrebbe addirittura essere utilizzato per la bonifica di terreni da destinare poi a orti per produzioni alimentari.                                                                                                     “Ora il nostro obiettivo -ha detto Balmori - è capire come rendere economicamente sostenibili queste strutture galleggianti”. La collezione di tubi legate insieme intorno ad una struttura pontone -come fusti di plastica da 55 galloni e centinaia di bottiglie di plastica riciclate
è un esperimento per testare la fattibilità di coltivazione di piante-e, infine, alimenti su sempre più grandi isole sintetiche per aiutare a fornire le disposizioni locali  agli abitanti della città. "Alla fine,- ha aggiunto la Balmori - vorremmo creare un'isola produttiva per coltivare il cibo e le erbe e frutta per i residenti della città". Il suo team sarà occupato a monitorare il sito per la sua applicabilità nel proteggere i litorali, la creazione di habitat naturali, la biodiversità, la produzione di energia e, di fornire spazio pubblico. Balmori, capo della Balmori Associates, ha lavorato con Riverkeepers per scegliere le piante più resistenti che avrebbero meglio sopportato le acque torbide del Gowanus '. "Abbiamo utilizzato la loro ricerca ,- ha aggiunto Balmori - per scegliere le piante che potrebbero assumere l'inquinamento" . Il gruppo no-profit controlla gli inquinanti e le sostanze chimiche presenti  in  queste acque e sono convinti sostenitori della pulizia che va avviata nel canale. Balmori anche cercato di piante che costeggiano naturalmente le banche del canale per la vita vegetale dell'isola. "Si può vedere Sumac in diversi posti  -ha detto Balmori-, indicando macchie di verde. " Di Sumac se ne può prendere un bel po '." Le altre forme di vita vegetale sull'isola GrowOnUs sono stato scelte per la loro capacità di far lentamente morire l’uso industriale indiscriminato del canale che viene operato nella zona. Balmori ha detto che questo è un segnale per l'industria locale nel quartiere Gowanus. Le piante sull'isola includono frange Carice, Mare Verga d'oro e, Liscio Cordgrass ,tutte selezionate per le loro proprietà che comportano la pulizia dell’acqua. Rudbeckia, Selvaggio Indigo e, Liscio Sumac invece sono state scelte per le loro qualità di produzione. Le piante interagiscono con il canale in una varietà di modi. Alcune delle piante più resistenti traggono la loro acqua direttamente dal corso d'acqua, con le radici che crescono verso il basso attraverso una struttura di bottiglie di maglia e di plastica. Altre piante utilizzano acqua piovana raccolta e utilizzano acqua distillata con attrezzature ad energia solare alloggiato sotto piccole cupole di plastica all'interno dell'isola. Di notte, le luci sotto filtri colorati si illumineranno dolcemente, annunciando la loro presenza sul canale. Diverse nicchie sono state incluse perché l’ isola ha anche lo scopo di creare l'habitat per uccelli e insetti. GrowOnUs è stato presentata lungo una passeggiata in riva alla serra sormontata da Gowanus Whole.


Nessun commento:

Posta un commento