venerdì 27 maggio 2016

Gli antibiotici che uccidono i batteri intestinali arrestano la crescita di nuove cellule cerebrali

                                         


Gli antibiotici abbastanza forti per uccidere i batteri intestinali possono anche arrestare la crescita di nuove cellule cerebrali nell'Ippocampo, sezione del cervello associata con la memoria, come segnala un nuovo studio sui topi. I ricercatori hanno anche scoperto un indizio sul motivo per cui - un tipo di globuli bianchi sembra agire come comunicatore tra il cervello, il sistema immunitario, e l'intestino.





Il trattamento antibiotico prolungato potrebbe influire la funzione del cervello.
Credit: © adimas / Fotolia




Gli antibiotici abbastanza forti per uccidere i batteri intestinali possono anche arrestare la crescita di nuove cellule cerebrali nell'ippocampo, una sezione del cervello associata con la memoria, segnala una recente ricerca sui topi . I ricercatori hanno anche scoperto un indizio per un tipo di globuli bianchi  che sembra agire come un comunicatore tra il cervello, il sistema immunitario, e l'intestino.

"Abbiamo trovato il trattamento antibiotico prolungato potrebbe influire sulla funzione del cervello", spiega Susanne Asu Lupo del Max-Delbrueck-Centro di Medicina Molecolare a Berlino, Germania- ma probiotici e l'esercizio fisico sono in grado di bilanciare la plasticità cerebrale e dovrebbe essere considerata come opzione di trattamento vero e proprio."
Lupo ha visto gli indizi che il sistema immunitario potrebbe influenzare la salute e la crescita delle cellule cerebrali attraverso la ricerca sulle cellule T ,risalenti a quasi 10 anni fa. Pochi studi hanno trovato un collegamento dal cervello al sistema immunitario e un meccanismo di ritorno per l'intestino.
Nel nuovo studio, i ricercatori hanno dato a un gruppo di topi, sufficienti antibiotici farli diventare quasi privi di microbi intestinali. Rispetto ai topi non trattati, i topi che hanno perso i loro batteri intestinali sani hanno ottenuto risultati peggiori nei test di memoria e hanno dimostrato una perdita di neurogenesi (nuove cellule cerebrali) in una sezione del loro ippocampo che in genere produce nuove cellule cerebrali per tutta la vita di un individuo. Allo stesso tempo che i topi  hanno sperimentato perdita di memoria e neurogenesi, il gruppo di ricerca ha rilevato un livello inferiore di globuli bianchi (monociti specificamente) contrassegnati Ly6Chi nel cervello, sangue e midollo osseo. Così i ricercatori hanno testato se era davvero i monociti Ly6Chi fossero dietro i cambiamenti nella neurogenesi e della memoria.
In un altro esperimento, il team di ricerca rispetto ai topi non trattati e quindi topi che avevano livelli di batteri intestinali sani, ma bassi livelli di Ly6Chi sia a causa genetica o causa di un trattamento con anticorpi che colpiscono le cellule Ly6Chi. In entrambi i casi, i topi con bassi livelli Ly6Chi mostrano gli stessi deficit di memoria e neurogenesi dei topi in altri esperimenti che hanno perso batteri intestinali. Inoltre, se i ricercatori hanno sostituito i livelli  di Ly6Chi in topi trattati con antibiotici, allora la memoria e la neurogenesi migliorate.
"Per noi è stato impressionante trovare 
, -dice Lupo- che queste cellule Ly6Chi  viaggiano dalla periferia al cervello, e se c'è qualcosa che non va nel microbioma, Ly6Chi agisce come una cellula di comunicazione".
Per fortuna, gli effetti collaterali degli antibiotici potrebbero essere invertiti. I topi che hanno ricevuto i probiotici o che ha esercitato su una ruota dopo aver ricevuto antibiotici memoria e neurogenesi riacquistato. "L'ampiezza dell'azione -dice Lupo- dei probiotici sulle cellule Ly6Chi, neurogenesi e cognizione mi ha impressionato".
Uno dei risultati dell'esperimento ha sollevato più domande circa i batteri dell'intestino e il legame tra Ly6Chi e il cervello. Mentre i probiotici hanno aiutato i topi a riacquistare la memoria, i trapianti fecali per ripristinare batteri intestinali 
sani non hanno avuto un effetto.
"E 'stato sorprendente che il normale trapianto fecale,- dice Lupo- recuperi alla grande i batteri intestinali, ma non ha recuperato la neurogenesi. Questo potrebbe essere un indizio verso effetti diretti di antibiotici su neurogenesi senza utilizzare la deviazione attraverso l'intestino. Per decifrare questo potremmo trattare i topi i liberi di germe senza flora intestinale con antibiotici e vedere ciò che è diverso."
In futuro, i ricercatori sperano anche di vedere più studi clinici indagando se i trattamenti probiotici sapranno migliorare i sintomi nei pazienti con  malattie neurodegenerative e disturbi psichiatrici.                                                                                                     "Potremmo misurare,- dice Lupo- il risultato di umore, sintomi psichiatrici, la composizione del microbioma e la funzione delle cellule immunitarie, prima e dopo il trattamento probiotico".



Nessun commento:

Posta un commento