sabato 17 settembre 2016

E' possibile che si determini una tempesta solare potente come quella di 1000 anni addietro

 Il carotaggio sul ghiaccio conferma che nel passato si sono verificate tempeste solari colossali.
Sono la prova che la Terra è stata colpita da due tempeste solari - 10 volte più grandi di quelli osservati di recente - 1000 anni fa. Se si verificassero oggi, avrebbero avuto effetti devastanti sugli alimentatori, satelliti e comunicazioni. Il campo magnetico della Terra è un esempio di schermatura  del nostro pianeta dalle  particelle solari. 
Scienziati in Svezia hanno suggerito che le tempeste solari - cioè flussi di particelle cariche provenienti dal sole - potrebbero essere molto più potenti di quanto precedentemente ipotizzato. I ricercatori dell'Università di Lund hanno confermato che la Terra è stata colpita da due tempeste solari estreme più di 1000 anni fa. Queste tempeste sono stati almeno 10 volte più grandi rispetto a quelle osservate negli ultimi decenni. L'evidenza di queste tempeste sono intrappolate nel ghiaccio in Groenlandia e in Antartide.Molti osservatori del cielo alle alte latitudini sono ansiosi di vedere tempeste solari, perché le particelle che rilasciano possono interagire con il campo magnetico terrestre, con conseguente spettacolari esibizioni di aurore, o luci nord e del sud. Tuttavia, mentre le tempeste solari non sono dannose per noi sulla superficie terrestre - perché la nostra atmosfera ci protegge - rappresentano un rischio per le nostre tecnologie terrestri. In casi estremi, tempeste solari hanno causato maggiori interruzioni di corrente, come quella nell'ottobre 2003 in Svezia e  nel marzo del1989 in Canada. Potrebbero anche portare a guasti di satelliti e ai sistemi di comunicazione. Raimund Muscheler di Lund University, parlando dei due enormi tempeste solari scoperti dal suo gruppo di ricerca, ha detto : “Se tali enormi tempeste solari colpissero la Terra oggi, avrebbero potuto avere effetti devastanti sulla nostra alimentazione, satelliti e sistemi di comunicazione. È una potente tempesta solare è probabile che si verifichi di nuovo nelle nostre vite?  Il 25 Febbraio 2014 un X-bagliore venne intercettato via NASA SDO.
Tali bagliori di enormi dimensioni spesso sfociano in 'espulsioni di massa coronale' o CME che lanciano particelle solari verso la Terra. I ricercatori della Lund, insieme con i colleghi in Svizzera, Danimarca e Stati Uniti, sono andati alla ricerca di tracce di tempeste solari sotto forma di bassi livelli di carbonio radioattivo, nelle carote di ghiaccio della Groenlandia e dell'Antartide. “Ovunque sulla Terra si possono trovare tracce di raggi cosmici dalla galassia e del Sole, sotto forma di bassi livelli di carbonio radioattivo”. Alcuni anni fa i ricercatori hanno trovato tracce di un rapido aumento di carbonio radioattivo negli anelli degli alberi dal periodo AD 774/775 e 993/994 dC. La causa di questi aumenti è stato, però, solo fonte di un ampio dibattito. Oggi invece per un lavoro sistematico si cerca di trovare la causa di questi eventi. Sono stati trovati aumenti corrispondenti esattamente negli stessi periodi in carote di ghiaccio. Con questi nuovi risultati, è possibile escludere tutte le altre spiegazioni proposte, e quindi confermare che le tempeste solari estreme come la principale causa di questi misteriosi aumenti di radiocarbonio. Gli scienziati dicono che il loro studio fornisce anche: “la prima valutazione attendibile dei flussi di particelle legate a questi eventi".                               Si dice che è importante per la futura pianificazione di sistemi elettronici affidabili. "Queste tempeste solari di gran lunga- ha detto Raimund Muscheler - superano le eventuali note vicende osservate da misure strumentali sulla Terra. I risultati dovrebbero portare a una nuova valutazione dei rischi associati alle tempeste solari." Quali sono le tempeste solari, e come si fa a stabilire che ci riguardano? Eruzioni giganteschi sul Sole provocano espulsioni di massa coronale, o CME, l'emissione di enormi quantità di particelle cariche nello spazio. Le particelle devono essere indirizzate verso la Terra per colpire noi, ma, se la Terra sembra essere sul percorso di una CME, le particelle cariche possono sbattere nella nostra atmosfera, provocando una tempesta geomagnetica. Tali tempeste disturbano satelliti in orbita ne causano il fallimento delle loro funzioni, e investono gli aerei ad alta quota con le loro radiazioni. Possono  infine disturbare i sistemi di telecomunicazione e di navigazione. Hanno il potenziale per influenzare reti elettriche, e determinano il black out di intere città, persino intere regioni. Persone che parlano di mancanza di energia elettrica da tempeste solari puntano sempre di nuovo al 13 marzo 1989 -  cioè  a 23 anni fa. Un CME ha causato una mancanza di corrente in Québec, così come attraverso le parti del nord-est degli Stati Uniti in questo evento, l'alimentazione elettrica è stata interrotta per oltre 6 milioni di persone, per 9 ore. La tempesta solare più grande conosciuta ha avuto luogo il 28 agosto 1859. E 'stato osservata e registrata da Richard C. Carrington, e quindi è a volte viene chiamata Carrington Event, o, talvolta, il 1859 Superstorm Solare. L'accompagnamento espulsione di massa coronale (CME) è arrivato sulla Terra in sole 17 ore, invece dei soliti tre o quattro giorni. Si è verificata la più grande tempesta geomagnetica mai registrata. Aurore, o aurora boreale, sono state osservate in molte parti del mondo. Sistemi telegrafici in tutta Europa e Nord America sono saltati. Che cosa accadrebbe se una potente tempesta solare simile avesse luogo oggi? Non lo sappiamo esattamente, ma gli scienziati si pongono più domande sulle tempeste solari e sulle loro conseguenze. Ad esempio, nel 2012, gli scienziati hanno suggerito che una caduta di tensione registratasi nel 2001 in Nuova Zelanda, è stata causata da una tempesta solare. Tale risultato, se è vero, è particolarmente importante perché la Nuova Zelanda non è ad alta latitudine (come  ad esempio Quebec). E' ad una latitudine di mezzo, la stessa latitudine di gran parte degli Stati Uniti. Questo studio suggerisce che gli effetti  della tempesta solare del 2012 possono raggiungere medie latitudini più popolate. Si monitora continuamente il Sole, sia dallo spazio che dalla superficie terrestre. Quando ha luogo una tempesta solare
con il potenziale per influenzare la Terra, si vede. Dopo tutto, al fine di influenzare noi sulla Terra, la tempesta solare dovrebbe avvenire sul lato del Sole rivolto verso la Terra. Dopo un evento, di solito ci vogliono diversi giorni per l'espulsione di massa coronale, o CME, e prima che possa raggiungere la Terra. Quando un grande CME è in arrivo, è possibile per satelliti chiudere i loro sistemi spegnendoli brevemente, e quindi rimangono al sicuro. Allo stesso modo, con preavviso, reti elettriche terrestri possono essere riconfigurate per fornire la messa a terra in più. Eccetera. Una potente tempesta solare è probabile che si verifichi di nuovo nel corso della nostra vita? Nessuno può rispondere a questa domanda. Ma gli scienziati sono sempre più consapevoli della possibilità, soprattutto a partire dal 2008, quando Sten Odenwald e James Green hanno analizzato l’evento Carrington e le possibili conseguenze se una potente tempesta di queste proporzioni sul Sole si verificasse oggi. Siamo in pericolo da un emissione particolarmente enorme di energia solare, forse sulla stessa scala da Carrington evento ... o più grande? Alcuni lo credono. Per questo governi e scienziati stanno cominciando a prestare maggiore attenzione a questo problema, con un occhio alla creazione di sistemi e procedure per aiutare resistere a tali potenti effetti del Sole. Il recente studio dalla Svezia dovrebbe aggiungere nuovi argomenti alle discussioni in corso tra i governi e gli scienziati in materia di potenti tempeste solari che colpiscono la Terra. I ricercatori presso l'Università di Lund in Svezia, hanno confermato che la Terra è stata colpita da due tempeste solari estreme 1.000 anni fa. Queste tempeste sono state almeno 10 volte più grande rispetto a quello osservato negli ultimi decenni. Tali enormi tempeste solari potrebbero avere effetti devastanti sulla nostra alimentazione, satelliti e sistemi di comunicazione. L'evidenza di queste tempeste è stata intrappolata nel ghiaccio in Groenlandia e in Antartide.





Nessun commento:

Posta un commento