mercoledì 14 settembre 2016

La NASA prepara l’assaggio di un asteroide




La NASA  ha lanciato la sua prima missione che prevede il  ritorno sulla Terra dopo aver raccolto un campione di asteroide. Un braccio robotico raggiungerà, se non vi saranno  intoppi alcuni pezzi di asteroidi e tornerà con questo materiale sulla Terra. La NASA conduce una collaborazione internazionale presto coinvolta in una missione di sette anni che prevede, per l’appunto, il ritorno del campione di un asteroide. L'asteroide, chiamato Bennu, è della varietà vicino alla Terra. La sua orbita lo porta vicino al nostro pianeta, di tanto in tanto, nel bene o nel male ( sono buoni gli asteroidi perché contengono possibili risorse utili, sono “malati” perché gli astronomi terrestri si sono resi conto che ancora possono e talvolta si scontrano con la Terra). Il lancio della nuova missione dalla Air Force Station di Cape Canaveral in Florida prevista per l’ 8 settembre 2016, con  una finestra di lancio di 34 giorni, quindi un sacco di tempo. La missione si chiama OSIRIS-Rex (origini, interpretazione spettrale, identificazione delle risorse, Security - regolite Explorer), e la NASA dice che: “aiuterà gli scienziati  che studiano come si formano i pianeti e come è cominciata la vita, oltre a migliorare la nostra comprensione di asteroidi che potrebbero avere un impatto sulla Terra”.
OSIRIS-Rex verrà lanciata a bordo di un Atlas V 411
e raggiungerà il suo obiettivo cioè gli asteroidi nel 2018. Sarà  effettuato il sondaggio dell’asteroide Bennu per caratterizzarlo e individuare i siti più promettenti. Poi la missione raccoglierà tra 60 a 2.000 grammi di materiale di superficie con il suo braccio robotico e invierà il campione sulla Terra, tramite una capsula staccabile, nel 2023. Uno degli strumenti più importanti che viaggiano a bordo di questa missione, per quanto riguarda il ritorno del campione, è OLA (OSIRIS-Rex Laser Altimeter). Contributo della scienza spaziale canadese, è uno strumento laser che sarà utilizzato per misurare la distanza precisa tra il veicolo spaziale e la superficie di Bennu. Questa è la chiave per consentire al braccio robotico della missione di atterrare sull'asteroide, correttamente, al fine di raccogliere un campione. Dante Lauretta della University of Arizona, principale investigatore di OSIRIS-Rex -ha detto- che il lancio di OSIRIS-Rex, è l'inizio di un viaggio di sette anni per tornare sulla Terra con campioni incontaminati dall’asteroide Bennu. Il team ha costruito un veicolo spaziale incredibile, ben attrezzato per indagare su Bennu e fare ritornare  il tesoro scientifico del campione prelevato . Altre informazioni su questi link: http://www.nasa.gov/osiris-rex e http://www.asteroidmission.org

Tra l'altro, una società privata denominata Deep Space Industries di Mountain View in California ha anche in programma di lanciare una missione asteroidi, con l'ambizioso obiettivo a lungo termine di utilizzare come risorse, asteroidi minerari. Deep Space Industries ha preannunciato di voler  lanciare un piccolo satellite entro la fine del decennio per rilevare un altro asteroide vicino alla Terra. Quella missione si chiamerà Prospector-1 .
Questo è il booster e lo stadio superiore Centauro di un United Launch Alliance
Atlas V  mentre brucia propellente gassoso, durante un test "prova generale" allo Space Launch Complex 41 su Air Force Station di Cape Canaveral in Florida. Il razzo condurrà OSIRIS-Rex della NASA nel suo cammino verso l'asteroide Bennu. Abbreviazione di Origini, interpretazione spettrale, Resource Identification, Security-regolite Explorer, OSIRIS-Rex: il compito è quello di esaminare l'asteroide attentamente prima di prendere un campione dalla sua superficie e inviare quel piccolo campione, per lo studio sulla Terra. Dopo il decollo OSIRIS-Rex sarà la prima missione degli Stati Uniti per assaggiare un asteroide, che raggiungerà nel 2018, recuperando almeno 20 grammi di materiale di superficie e tornare sulla Terra per lo studio nel 2023.
La scelta di Bennu
L'obiettivo della missione OSIRIS-Rex è quello di raccogliere un campione da un asteroide e riportarlo sulla Terra. Ma come ha fatto la squadra OSIRIS-Rex a scegliere Bennu tra gli oltre 500.000 asteroidi conosciuti nel sistema Solare?
Vicinanza alla Terra
Gli asteroidi vicini alla Terra sono chiamati Near-Earth Objects (NEO). Come suggerisce il nome, NEO sono oggetti che orbita all'interno di 1.3 AU del sole (1 UA = distanza tra la Terra e il Sole) per una missione di ritorno campione come OSIRIS-Rex, gli asteroidi più accessibili per un veicolo spaziale per raggiungere si trova tra 1,6 UA e 0,8 UA. L'asteroide ideale ha un'orbita simile alla Terra con una bassa eccentricità e inclinazione.  Al momento della selezione degli asteroidi della missione, nel 2008, ci sono stati oltre 7.000 i NEO noti, ma solo 192 avevano orbite che ha incontrato questi criteri.
Dimensione di Bennu

Gli asteroidi di piccolo diametro ruotano più rapidamente rispetto a quelli con grandi diametri. Con un diametro inferiore a 200 metri, un asteroide gira così rapidamente che il materiale sciolto sulla sua superficie (regolite) viene espulso da esso. L’asteroide ideale ha un diametro maggiore di 200 m in modo che un veicolo spaziale può tranquillamente entrare in contatto con esso e raccogliere un campione sufficiente di regolite.  Questo requisito di formato ha ridotto il numero di asteroidi candidati da 192 a 26.
Composizione di Bennu
Gli asteroidi sono suddivisi in diverse tipologie in base alla loro composizione chimica. Gli asteroidi più primitivi sono ricchi di carbonio e non hanno significativamente cambiato da quando sono stati formati quasi 4 miliardi di anni fa. Questi asteroidi contengono molecole organiche volatili, e aminoacidi che possono essere stati i precursori della vita sulla Terra.  Dei 26 asteroidi lasciati nella lista, solo 12 avevano una composizione nota, e solo 5 erano primitivi e ricchi di carbonio.Da questi 5 asteroidi, è stato selezionato Bennu
Bennu è un asteroide di tipo B con un diametro di metri ~ 500. Completa un'orbita intorno al Sole ogni 436.604 giorni (1,2 anni) e ogni 6 anni arriva molto vicino alla Terra, all'interno di 0,002 UA. Questi incontri ravvicinati danno a Bennu un'alta probabilità di impattare la Terra alla fine del 22° secolo.  La dimensione di Bennu, la composizione primitiva, e l’orbita potenzialmente pericolosa lo rendono uno dei più affascinanti e accessibili NEO  e l'ideale OSIRIS-Rex bersaglio di asteroidi.

L'Orbital Technologies ATK è stata impegnata  nel lancio di veicoli spaziali per Near-Earth Asteroid.
ULA razzo Atlas V ha lanciato con successo OSIRIS-Rex per la NASA

L’Orbital ATK Inc., leader globale nelle tecnologie aerospaziali e della difesa, che ha condizionato  l'hardware critico per l’United Launch Alliance (ULA) Atlas V
, razzo vettore,è stata recentemente  responsabile del lancio di un veicolo spaziale della NASA dalla Air force Station di Cape Canaveral, in Florida.
Ora quest’ultimo è in cammino verso un asteroide, vicino alla Terra, chiamato Bennu, con la OSIRIS-Rex (Origini-spettrale Interpretazione-Resource Identification-Security-regolite Explorer) della NASA, navicella che sarà in rendezvous con l’asteroide Bennu nel 2018,  per condurre un'indagine dettagliata di due anni dell’orbita di Bennu, raccogliere un campione dell’asteroide e riportarlo sulla Terra nel 2023. I campioni saranno i primi di una missione degli Stati Uniti, e forniranno una maggiore comprensione della precoce formazione del nostro sistema solare, e possibilmente forniranno anche indizi sull'origine della vita sulla TerraLockheed Martin Space Systems ha progettato e costruito la navicella OSIRIS-Rex
per la NASA.
"E' un onore giocare un ruolo in questo primo volo nel suo genere, - ha detto Scott Lehr, presidente del gruppo sistemi di volo di Orbital ATK- per questa missione  della NASA e registrare un altro lancio ULA per le cui strutture e componenti, l'Orbitale ATK ha contribuito sia come veicolo di lancio ULA che come veicoli spaziali della NASA.”
Per il razzo Atlas V ULA, Orbital ATK ha prodotto lo scudo termico di diametro composito di 10 piedi, che fornisce una protezione essenziale per il primo stadio del veicolo di lancio. L'assemblaggio è stato attuato, utilizzando tecniche avanzate di fabbricazione e di posizionamento della particolare fibra, a Iuka, Mississippi, un’ impianto di Orbital ATK. Il razzo Atlas V ULA ha volato nella configurazione 411, cioè come veicolo con una carenatura di quattro metri. Questo è il 64 ° lancio  dell’ Atlas V utilizzando strutture costruite da Composite Orbitale ATK.
Questo volo ha segnato anche il 30 ° volo di successo dei motori retrò,sempre costruiti dall'Orbitale ATK.  Otto di questi motori attuano la separazione del primo stadio solido, una volta trascorso il termine del supporto. Il retrorazzo Atlas è costruito sempre da Orbital ATK a Elkton, Maryland.
Inoltre, Orbital ATK ha prodotto il carburante e i serbatoi pressurizzati, per il veicolo spaziale OSIRIS-Rex, così come il serbatoio del propellente e del sistema di controllo di reazione, per  ULA Atlas V .
Orbital ATK
Orbital ATK è un gruppo leader globale nelle tecnologie aerospaziali e della difesa. L'azienda progetta, costruisce e fornisce sistemi spaziali, difesa e aviazione per clienti in tutto il mondo, sia come prime contractor che come fornitore commerciale. I suoi prodotti principali includono lanciatori e sistemi di propulsione correlati; prodotti di missili, sottosistemi e dell'elettronica per la difesa; armi di precisione, sistemi di armamento, munizioni e satelliti e loro componenti e servizi spaziali associati; strutture aerospaziali avanzate. Con sede a Dulles, Virginia, Orbital ATK impiega circa 12.000 persone in 18 stati negli Stati Uniti e in diverse sedi internazionali. Per ulteriori informazioni, visitare il sito www.orbitalatk.com .













Nessun commento:

Posta un commento