giovedì 15 settembre 2016

Sentinel -1A colpito da micrometeorite

SENTINEL-1A Satellite della missione COPERNICO colpito nello spazio da micro- particelle.


Gli ingegneri dell'ESA hanno scoperto che un pannello solare sul satellite Sentinel-1A del programma Copernico è stato colpito da una particella di millimetriche dimensioni mentre era in orbita il 23 agosto. Grazie alle telecamere di bordo, i controllori di terra sono stati in grado di identificare la zona interessata. Finora, non vi è stato alcun effetto sulle operazioni. Nella routine del satellite un’improvvisa piccola riduzione di potenza è stata osservata in un pannello solare di Sentinel-1A, mentre orbitava a 700 km di altezza, alle 17 del 23 agosto. Lievi variazioni dell'orientamento e dell'orbita del satellite sono state misurate nello stesso tempo. Eseguendo un'indagine preliminare, il team operativo al centro di controllo dell'ESA a Darmstadt, in Germania ha sospettato un possibile impatto con detriti spaziali o micrometeoriti sulla fascia solare. Analisi dettagliate dello stato del satellite sono state eseguite per capire la causa di questa perdita di potenza. Inoltre, gli ingegneri hanno deciso di attivare le telecamere di bordo per acquisire immagini dell'apparato. Queste telecamere originariamente realizzate per monitorare la distribuzione delle ali solari, che sono state verificate solo poche ore dopo il lancio nel mese di aprile 2014, non erano destinate a essere utilizzate in seguito. Eseguendo la loro accensione, una telecamera ha fornito un quadro che mostra chiaramente il colpo che ha determinato la riduzione di potenza del pannello.                                                                                                                                   Il solare è relativamente piccolo rispetto alla potenza complessiva generata dalla fascia solare, che rimane molto più elevata di quello che il satellite richiede per operazioni di routine.                                                                                                                                     "Tali risultati, causati da particelle di dimensioni millimetriche e, non sono inaspettati ,- ha osservato Holger Krag, capo dell’Office Space Debris presso lo stabilimento dell'ESA a Darmstadt, in Germania – e poi questi oggetti molto piccoli non sono rintracciabili da terra, giacché solo oggetti maggiori di circa 5 cm di solito possono essere monitorati e, quindi, evitati manovrando i satelliti . In questo caso, supponendo che il cambiamento di atteggiamento e l'orbita del satellite al momento dell'impatto, la velocità tipica di un tale frammento più parametri addizionali, le nostre prime stime indicano che la dimensione della particella era di pochi millimetri ."                                                                                                                                                     L'analisi continua per ottenere l'indicazione se l'origine dell'oggetto era naturale o provocata dall'uomo. Le immagini della zona interessata mostrano un diametro di circa 40 centimetri creati sulla struttura a pannelli solari, confermando un impatto dal lato posteriore, come suggerito dalle letture della frequenza atteggiamento del satellite.                                 Questo evento non ha alcun effetto sulle operazioni di routine del satellite che continua normalmente. I satelliti Sentinel-1,  sono parte del programma Copernico dell'Unione europea e, sono gestiti dall'ESA per conto della Commissione europea.

Nessun commento:

Posta un commento