venerdì 14 ottobre 2016

Un certo consume di caffe e caffeina riduce il rischio di demenza senile

In un gruppo di donne anziane, il consumo di caffeina auto-riferito di oltre 261 mg al giorno è stato associato ad una riduzione del 36 per cento, del rischio di incidenza della demenza senile dopo più di 10 anni di analisi di questo fattore.                                                                                                                                                          Questo livello di assunzione di caffeina o di teina è equivalente a due o tre tazze di caffè al giorno, 5-6 tazze di tè nero,  e da sette ad otto lattine di cola.


Bere il caffè potrebbe essere collegato ad un ridotto rischio di demenza?
Credit: © Igor Normann / Fotolia
Tra un gruppo di donne anziane, il consumo di caffeina auto-riferito di oltre 261 mg al giorno è stato associato ad una riduzione del 36 per cento del rischio di demenza senile che possa essere condizionante  dopo più di 10 anni di indagini sullo specifico fenomeno. Questo livello di incidenza nel manifestarsi della demenza senile è equivalente a due o tre tazze di caffè al giorno, 5-6 tazze di tè nero, o a sette-otto lattine di cola.
"Le prove di montaggio del consumo di caffeina come fattore potenzialmente protettivo,-ha dichiarato Ira Driscoll, autore dello studio e professore di psicologia presso la University of Wisconsin - Milwaukee - contro il deterioramento cognitivo è un dato interessante, considerando che la caffeina è anche un fattore dietetico facilmente modificabile con pochissime controindicazioni".
 "Ciò che rende unico questo studio è che abbiamo avuto un'opportunità senza precedenti per esaminare le relazioni tra l'assunzione di caffeina e l’ incidenza della demenza in un ampio e ben definito, range di analisi prospettica, studiato sulle donne."
I risultati provengono da partecipanti al Health Initiative Memory Study delle donne, che è finanziato dal National Heart, Lung, and Blood Institute. Driscoll e colleghi hanno utilizzato i dati di ricerca da 6.467 donne in post-menopausa, residenti in comunità e di età compresa tra 65 anni e più che hanno riportato un certo livello di consumo di caffeina. L'assunzione è stata stimata da domande su caffè, , cola e assunzione di bevande, comprese la frequenza e dimensioni della bevanda servita. In 10 anni o meno di questo esperimento con le valutazioni annuali di funzione cognitiva, 388 di queste donne hanno ricevuto una diagnosi di probabile demenza o una qualche forma di deficit cognitivo globale. 
Coloro che hanno consumato al di sopra del valore medio di caffeina per questo gruppo (con una dose media di 261 mg al giorno) sono stati diagnosticate a un tasso inferiore rispetto a quelli che sono scesi sotto la mediana (con una dose media di 64 mg al giorno). I ricercatori hanno aggiustato i risultati  valutando fattori di rischio come la terapia ormonale, età, razza, educazione, indice di massa corporea, la qualità del sonno, depressione, ipertensione, malattie cardiovascolari, prima, il diabete, il fumo e il consumo di alcol.


Nessun commento:

Posta un commento