mercoledì 22 febbraio 2017

I buchi neri supermassicci

I buchi neri sono tra gli oggetti più affascinanti dell'universo. Probabilmente la maggior parte delle persone hanno almeno sentito parlare di loro, forse la lettura di alcune speculazioni pseudo-scientifica come worm-holes, tempo di percorrenza, ecc. O forse guardando film come il famoso 2014 film "Interstellar", o anche ascoltando musica, come la canzone "Supermassive Black Hole" dalla band britannica Muse.
Tuttavia, nonostante la loro popolarità, la nostra conoscenza di questi mostri dell'universo è limitata. Sappiamo che "normali" buchi neri
(anche se nulla è normale sui buchi neri), hanno masse di un paio di decine di volte la massa del Sole, formano quando grandi stelle muoiono e esplodono come supernove. Tuttavia, non vi è più di un tipo di buco nero. Nei centri delle maggiori galassie, vi è un "mostro tra i mostri." Questo è quello che gli astronomi chiamano un buco nero supermassiccio (SMBH)
, e possono pesare da milioni a miliardi di masse solari. Nonostante che quasi tutte le galassie di dimensioni normali nell'Universo, ospitano un SMBH nei loro centri (anche la nostra Via Lattea!), gli astronomi non sanno quando e come si sono formati.

Quando SMBHs crescono per l’accrescimento di gas nelle vicinanze, enormi quantità di radiazioni sono emesse, e gli astronomi chiamano questi oggetti "nuclei galattici attivi (AGN)".
 I raggi X, in particolare, sono molto sensibili a questo processo e possono essere utilizzati per identificare questi “mostri” crescenti.

La Chandra a raggi X è stata utilizzata da oltre 15 anni o giù di lì, per osservare una piccola area del cielo con le dimensioni di circa due terzi della Luna piena. Questo progetto si chiama Chandra Deep Field-Sud (CDF-S)
Il satellite Chandra
. Il tempo totale di esposizione in questo campo è di circa 7 milioni di secondi (più di due mesi). Rendendo la patch di cielo coperto dai dati a raggi X più sensibili esistenti. Eppure, questo non è sufficiente per individuare e studiare l’AGN più pallida.

Nessun commento:

Posta un commento